Pubblicità

Pubblicità

 

Timbro Approvato Verde

Portolac
Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

INDICE DELLA SCHEDA

Pubblicità

Pubblicità

 

Pubblicità

 

 

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE -Inizio Pagina

PORTOLAC


02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - Inizio Pagina

Ogni barattolo da g 200 polvere per soluzione orale contiene – principio attivo: lattitolo monoidrato g 200.

Una bustina da g 5 polvere per soluzione orale contiene – principio attivo: lattitolo monoidrato g 5.

Una bustina da g 10 polvere per soluzione orale contiene – principio attivo: lattitolo monoidrato g 10.

100 ml di sciroppo contengono: – principio attivo lattitolo monoidrato g 66,7


03.0 FORMA FARMACEUTICA - Inizio Pagina

Polvere per soluzione orale: bustina da 5 g.

: bustina da 10 g.

: barattolo da 200 g.

Sciroppo: flacone da 200 ml.


04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - Inizio Pagina

04.1 Indicazioni terapeutiche - Inizio Pagina

Trattamento di breve durata della stitichezza occasionale.


Pubblicità

04.2 Posologia e modo di somministrazione - Inizio Pagina

Adulti

Polvere per soluzione orale : 10–15 g di Portolac al di’, pari a 2–3 misurini da 5 g polvere orale, 2–3 bustine da 5 g o 1 bustina da 10 g, in unica somministrazione, preferibilmente la sera prima di coricarsi.

Sciroppo : 15–30 ml di Portolac sciroppo al di’ (corrispondenti a 1–2 misurini dosatori riempiti sino ala tacca da 15 ml) in unica somministrazione, preferibilmente la sera prima di coricarsi.

Bambini

Polvere per soluzione orale

Somministrare il Portolac in unica somministrazione, al mattino con la prima colazione: da 2 a 6 anni, 5 g al di’, pari ad un misurino da 5 g di polvere orale o ad una bustina da 5 g;

oltre i 6 anni, 5–10 g al di’, pari a 1–2 misurini da 5 g di polvere orale, 1–2 bustine da 5 o 1 bustina da 10 g.

Sciroppo

Somministrare il Portolac sciroppo in unica somministrazione, al mattino con la prima colazione: da 2 a 6 anni, 10 ml al di’ (pari a 1 misurino dosatore riempito sino alla tacca da 10 ml); oltre i 6 anni, 10–15 ml al di’ (pari a 1 misurino dosatore riempito sino alla tacca da 10 ml o da 15 ml).

Lattanti

Polvere per soluzione orale

In media 1–2 g al di’, pari a 1–2 misurini da 1 g di polvere orale.

Sciroppo

In media 5 ml di sciroppo al di’(pari a 1 misurino dosatore riempito sino alla tacca da 5 ml).

In generale, la risposta clinica ottimale può essere raggiunta con adattamenti di dosaggio di 5 g di polvere orale al di’ (in più o in meno) nell’adulto (pari a 1 misurino di sciroppo riempito sino alla tacca da 7,5 ml e di 1 g di polvere orale al di’ in età pediatrica.

Il Portolac nella forma polvere orale va sciolto in acqua o in altre bevande (latte, te’, caffè, succhi di frutta) o aggiunto ad altri cibi quali yogurt, frutta cotta, etc.

La dose corretta è quella minima sufficiente a produrre una facile evacuazione di feci molli. E’ consigliabile usare inizialmente le dosi minime previste. Quando necessario, la dose può essere poi aumentata, ma senza mai superare quella massima indicata.

I lassativi devono essere usati il meno frequentemente possibile e per non più di sette giorni. L’uso per periodi di tempo maggiori richiede la prescrizione del medico dopo adeguata valutazione del singolo caso.

Ingerire insieme ad una adeguata quantità di acqua (un bicchiere abbondante).

Una dieta ricca di liquidi favorisce l’effetto del medicinale.


Links sponsorizzati

 

04.3 Controindicazioni - Inizio Pagina

Ipersensibilità al lattitolo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Portolac produce il suo effetto nel colon ed è perciò controindicato in tutti i casi in cui non è assicurato il transito intestinale (occlusione intestinale ecc.). Come con tutti i lassativi, Portolac non deve essere utilizzato in caso di qualsiasi sintomo o sospetto di lesione organica del tratto digestivo e in caso di qualsiasi dolore addominale di origine sconosciuta o sanguinamento rettale. Il fecaloma deve essere trattato in altro modo prima di utilizzare lassativi.

Bambini allattati al seno e bambini con intolleranza ereditaria autosomica recessiva al fruttosio.

Portolac è controindicato nella galattosemia.

Il metabolismo incompleto del lattitolo può portare allo sviluppo di fruttosemia e galattosemia e alle loro sequele.

Preesistente squilibrio idro–elettrolitico.


04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'uso - Inizio Pagina

– Evitare l’uso prolungato di lassativi senza interruzione;

– Tutti i casi di costipazione cronica devono essere prima trattati con una dieta ricca in fibre, sufficiente apporto di liquidi o attività fisica;

– Per evitare alterazione dell’equilibrio elettrolitico provocato da una diarrea da sovradosaggio, il medico deve cercare di determinare il dosaggio ottimale all’inizio del trattamento (vedere paragrafo 4.2 Posologia e modo di somministrazione) per ottenere un’evacuazione al giorno in pazienti con stitichezza.

Pazienti anziani o debilitati in trattamento a lungo termine con Portolac devono monitorare regolarmente i loro elettroliti sierici.

Come per tutti i lassativi, prima di iniziare il trattamento si deve correggere un preesistente squilibrio idro–elettrolitico.

A seguito del trattamento con Portolac, si può accumulare idrogeno nell’intestino. I pazienti che necessitano di sottoporsi a procedure di elettrocauterizzazione devono pertanto eseguire una pulizia intestinale accurata con soluzione non fermentabile.

– Ai pazienti che lamentano nausea si deve suggerire di assumere Portolac durante i pasti

– Portolac non è raccomandato in caso di ileostomia o colostomia. In caso di costipazione particolarmente ostinata, si deve consultare il medico.

Lattanti e bambini: Portolac deve essere utilizzato solo se raccomandato da un medico.

Pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio, intolleranza al galattosio,

galattosemia, malassorbimento di glucosio–galattosio o deficit di lattasi non devono utilizzare Portolac.

In presenza di meteorismo intestinale iniziare il trattamento con le dosi minime indicate, aumentandole poi gradualmente in base all’effetto ottenuto.

Portolac non ha potere cariogeno.

Tenere il medicinale fuori dalla portata e dalla vista dei bambini.

Avvertenze

L’abuso di lassativi (uso frequente o prolungato o con dosi eccessive) può causare diarrea persistente con conseguente perdita di acqua, sali minerali (specialmente potassio) e altri fattori nutritivi essenziali.

Nei casi più gravi è possibile l’insorgenza di disidratazione o ipopotassiemia la quale può determinare disfunzioni cardiache o neuromuscolari, specialmente in caso di contemporaneo trattamento con glicosidi cardiaci, diuretici o corticosteroidi.

L’abuso di lassativi, specialmente quelli di contatto (lassativi stimolanti), può causare dipendenza (e, quindi, possibile necessità di aumentare progressivamente il dosaggio), stitichezza cronica e perdita delle normali funzioni intestinali (atonia intestinale).

Precauzioni per l’uso

Il trattamento della stitichezza cronica o ricorrente richiede sempre l’intervento del medico per la diagnosi, la prescrizione dei farmaci e la sorveglianza nel corso della terapia.

Consultare il medico quando la necessità del lassativo deriva da un improvviso cambiamento delle precedenti abitudini intestinali (frequenza e caratteristiche delle evacuazioni) che duri da più di due settimane o quando l’uso del lassativo non riesce a produrre effetti.

E’ inoltre opportuno che i soggetti anziani o in non buone condizioni di salute consultino il medico prima di usare il medicinale.


Pubblicità

04.5 Interazioni - Inizio Pagina

Poiché antiacidi e neomicina possono neutralizzare l’effetto acidificante del lattitolo sulle feci, essi non devono essere somministrati contemporaneamente al lattitolo in pazienti cirrotici con encefalopatia epatica; comunque entrambe le sostanze non alterano l’effetto lassativo in pazienti con stitichezza.

Come tutti i lassativi, Portolac può aumentare la perdita di potassio causata da altri farmaci (ad esempio tiazo–diuretici, corticosteroidi, carbenossolone, amfotericina B).

La carenza di potassio può aumentare il rischio di effetti tossici dei cardioglicosidi in pazienti sottoposti a terapia concomitante.

Il lattitolo ha un valore calorico trascurabile (2 kcal/g o 8,5 kJ/g) e non ha effetti sulla insulinemia o sui livelli ematici di glucosio e può pertanto essere somministrato a pazienti diabetici.

In caso di dismicrobismo intestinale, si tenga presente che agenti antibatterici a largo spettro e antiacidi, somministrati per os contemporaneamente al lattitolo, possono diminuire gli effetti esercitati dal prodotto sulla microflora intestinale.

I lassativi possono ridurre il tempo di permanenza nell’intestino, e quindi l’assorbimento, di altri farmaci somministrati contemporaneamente per via orale.

Evitare quindi di ingerire contemporaneamente lassativi ed altri farmaci: dopo aver preso un medicinale lasciare trascorrere un intervallo di almeno 2 ore prima di prendere il lassativo.


04.6 Gravidanza e allattamento - Inizio Pagina

L’esperienza con Portolac in donne in gravidanza è limitata.

Nonostante gli studi sugli animali non abbiano mostrato potenziale teratogenico, tuttavia, come per tutti i farmaci, si raccomanda che nel primo trimestre di gravidanza, Portolac venga utilizzato solo in caso di assoluta necessità.

Sebbene il passaggio del lattitolo nel latte materno non sia stato studiato, sembra improbabile che possa avere una qualche rilevanza clinica in quanto viene solo minimamente assorbito.


04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchine - Inizio Pagina

Portolac non altera la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari.


04.8 Effetti indesiderati - Inizio Pagina

All’inizio del trattamento, Portolac può provocare fastidio addominale, soprattutto flatulenza e raramente dolore addominale o a volte distensione addominale. Questi effetti tendono a diminuire o a scomparire dopo pochi giorni di assunzione regolare di Portolac.

Occasionalmente sono stati riportati nausea, insoliti brontolii gastrointestinali o prurito anale e raramente vomito. A causa della variabilità inter–individuale, alcuni pazienti, al dosaggio consigliato, possono manifestare diarrea. Ciò si potrà risolvere con una riduzione del dosaggio.

Le reazioni avverse sono elencate di seguito utilizzando la classificazione per sistemi e organi e frequenza. Le frequenze sono definite come: molto comune (≥ 1/10), comune (da ≥ 1/100 a < 1/10), non comune (da ≥ 1/1.000 a < 1/100), raro (≥ 1/10.000, < 1/1.000) o molto raro (<1/10.000).

Patologie gastrointestinali:

Molto raro: vomito, dolore addominale, fastidio addominale, distensione addominale, diarrea, prurito anale, nausea, flatulenza.

Non noto: insoliti brontolii gastrointestinali.


Links sponsorizzati

 

04.9 Sovradosaggio - Inizio Pagina

La diarrea è un segno di sovradosaggio. Può essere arrestata diminuendo il dosaggio. Può anche portare ad un’alterazione degli elettroliti sierici che può richiedere una correzione.

Dosi eccessive possono causare dolori addominali e diarrea; le conseguenti perdite di liquidi ed elettroliti devono essere rimpiazzate.

Vedere inoltre quanto riportato nel paragrafo "Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso" circa l’abuso di lassativi.


05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE - Inizio Pagina

05.1 Proprietà farmacodinamiche - Inizio Pagina

Categoria farmacoterapeutica: ATC A06AD12 – lassativi ad azione osmotica

Portolac contiene lattitolo monoidrato.

Il lattitolo (4–galattosil–sorbitolo monoidrato) è un disaccaride sintetico di seconda generazione, privo di potere calorico e dotato di elevata solubilità.

Il lattitolo non viene idrolizzato dalle disaccaridasi dell’intestino tenue; attraversa il piccolo intestino senza essere riassorbito e raggiunge in forma immodificata il colon dove viene metabolizzato in acido lattico e in acido acetico dalla flora presente, in particolare batterioidi e lattobacilli.

Per effetto di tale acidificazione vengono trasformate maggiori quantità di ammoniaca nella corrispondente forma ionica non assorbibile e viene favorito lo sviluppo della flora batterica fermentativa a scapito di quella "coliforme" putrefattiva, il cui ruolo patogenetico nell’encefalopatia epatica va oltre la produzione di ammoniaca (composti azotati tossici).

L’acidificazione colica prodottasi in seguito alla metabolizzazione del lattitolo determina sia un aumento della pressione osmotica intraluminale con conseguente richiamo idrico, sia un’attivazione della peristalsi intestinale; il sinergismo di tali azioni induce evacuazione di feci morbide e voluminose.

Risulta altresì facilitata l’eliminazione di sostanze azotate tossiche residue, presenti nel lume intestinale.

Il Portolac non favorisce l’insorgenza di carie dentaria.


Links sponsorizzati

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche - Inizio Pagina

Il lattitolo svolge la sua attività a livello del colon. L’assorbimento sistemico del lattitolo è trascurabile e tale da non influenzare i valori glicemici ed insulinemici dei soggetti normali e diabetici.

Le minime tracce assorbite si ritrovano nelle urine sotto forma di lattitolo immodificato.


05.3 Dati preclinici di sicurezza - Inizio Pagina

Tossicità acuta : DL50 non determinabile per os e i.p. nel topo, nel ratto e nel coniglio non essendosi osservata mortalità degli animali fino alla dose somministrabile di 10 g/kg.

Tossicità per somministrazioni ripetute :

Ratto Wistar (per os, 52 sett.) assenza di tossicità fino a 5 g/kg

Cane beagle (per os, 26 sett.) assenza di tossicità fino a 3.5 g/kg

Mini–pig (per os, 90 gg) assenza di tossicità fino a 4 g/kg.

Tossicità fetale : assente (ratto Wistar, coniglio New Zealand) fino a 3.5 g/kg.


06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - Inizio Pagina

06.1 Eccipienti - Inizio Pagina

Polvere per soluzione orale in barattolo da g 200 : Eccipienti nessuno.

Polvere per soluzione orale in bustine da 5 g e da 10 g : Eccipienti nessuno.

Sciroppo in flacone da 200 ml: Eccipienti: acido benzoico; sodio idrossido; acqua depurata.


Pubblicità

 

06.2 Incompatibilità - Inizio Pagina

Nessuna nota.


06.3 Periodo di validità - Inizio Pagina

Portolac polvere per soluzione orale in barattolo: 3 anni

Portolac polvere per soluzione orale in bustine 10 g: 5 anni

Portolac polvere per soluzione orale in bustine 5 g: 5 anni

Portolac sciroppo in flacone da 200 ml: 5 anni.


06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - Inizio Pagina

Portolac polvere per soluzione orale (barattolo, bustine): proteggere dall’umidità.

Portolac sciroppo: nessuna condizione particolare di conservazione.


06.5 Natura e contenuto della confezione - Inizio Pagina

Polvere per soluzione orale in bustine da 5 g : bustine in carta accoppiata con alluminio e polietilene

Astuccio da 10 bustine da 5 g

Polvere per soluzione orale in bustine da 10 g : bustine in carta accoppiata con alluminio e polietilene

Astuccio da 20 bustine da 10 g

Polvere per soluzione orale in barattolo : barattolo di polietilene

Barattolo da 200 g

Sciroppo : Flacone in vetro o in polietilene alta densità, con tappo a prova di bambino in polipropilene e polietilene; nella confezione è presente un misurino dosatore in polipropilene.

Flacone da 200 ml


06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - Inizio Pagina

Si veda il paragrafo 4.2.


07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - Inizio Pagina

Novartis Consumer Health S.p.A., Largo U. Boccioni 1, Origgio (VA).


08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - Inizio Pagina

Astuccio con 10 bustine da 5 g polvere per soluzione orale: A.I.C. n. 026814172

Astuccio con 20 bustine da 10 g polvere per soluzione orale: A.I.C. n. 026814044

Barattolo da 200 g polvere per soluzione orale: A.I.C. n. 026814020

Sciroppo, flacone da 200 ml: A.I.C. n. 026814158


09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - Inizio Pagina

Rinnovo A.I.C: 1.6.2010


10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - Inizio Pagina

Agosto 2011


Pubblicità

 

 

LE ULTIME NEWS DAL FORUM TORRINOMEDICA

 

Cerca nel sito:

Copyright © 2002-2015 Torrino Management s.a.s.   P.IVA: 11721381009   REA: 1323848 . Tutti i diritti riservati.
Privacy Policy
cronojob