Pubblicità

Scarlattina

Fonte: Ministero della Salute

Classificazione ICD-9: 034.1

Notifica: Classe II

Periodo di incubazione

Da 1 a 3 giorni.

Periodo di contagiosità

Da 10 a 21 giorni dalla comparsa dell’esantema, nei casi non trattati e non complicati.

La terapia antibiotica (con penicillina o altri antibiotici appropriati) determina cessazione della contagiosità entro 24-48 ore.

Sintomi e segni

Mal di gola, brividi, febbre, cefalea, vomito, lingua a fragola; linfadenopatia cervicale; pallore periorale, tachicardia

ESANTEMA (eruzione cutanea)

Esordio e durata: Al 2° giorno, dura 4-10 gg

Sede: Volto, collo, torace, addome; diffusione poi agli arti; può essere interessata l’intera superficie corporea

Caratteristiche: Arrossamento diffuso della pelle di colore rosso-rosato con sbiancamento alla pressione

Provvedimenti nei confronti del malato

Isolamento domiciliare per 48 ore dall’inizio di adeguata terapia antibiotica.

Precauzioni per secrezioni e liquidi biologici infetti per 24 ore dall’inizio del trattamento antibiotico.

In caso di ricovero ospedaliero disinfezione continua di secrezioni purulente e degli oggetti da queste contaminati.

Provvedimenti nei confronti dei conviventi e dei contatti

Sorveglianza sanitaria di conviventi e contatti stretti (inclusi compagni di classe ed insegnanti) per 7 giorni dall’ultimo contatto con il caso, ed esecuzione di indagini colturali (tamponi faringei) nei soggetti sintomatici.

L’esecuzione sistematica di tamponi faringei è indicata nelle situazioni epidemiche ed in quelle ad alto rischio (più casi di febbre reumatica nello stesso gruppo familiare o collettività ristretta, casi di febbre reumatica o di nefrite acuta in ambito scolastico, focolai di infezioni di ferite chirurgiche, infezioni invasive da streptococco emolitico di gruppo A).

Torna all'indice

 

Pubblicità

 

Pagina aggiornata il: 14/03/2016