Pubblicità

Febbre Tifoide

Fonte: Ministero della Salute

Classificazione ICD-9: 002.0

Notifica: Classe II

Periodo di incubazione

Abitualmente da 1 a 3 settimane, ma può variare da 3 giorni a 3 mesi a seconda della dose infettante.

Periodo di contagiosità

Fintanto che S. typhi è presente nelle feci, dalla prima settimana di malattia per tutta la durata della convale-scenza, nei soggetti sottoposti a terapia anti-biotica efficace; nel 10 % dei casi non trattati l’eliminazione può continuare anche per mesi dall’esordio. Il 2-5% dei pazienti diviene portatore cronico.

Provvedimenti nei confronti del malato

Precauzioni enteriche fino a risultato negativo di 3 coprocolture consecutive, eseguite su campioni fecali prelevati a non meno di 24 ore di distanza l’uno dall’altro e a non meno di 48 ore dalla sospensione di qualsiasi antibiotico.

In caso di positività anche di una sola coprocoltura, ripetizione dell’intera procedura dopo un mese.

Allontanamento, fino a negativizzazione, dalle attività che comportino la manipolazione o distribuzione di alimenti, l’assistenza sanitaria e quella all’infanzia.

Provvedimenti nei confronti dei conviventi e dei contatti

Sorveglianza sanitaria per la ricerca di altri casi di infezione e della fonte di esposizione, con particolare riguardo a storie di viaggi in aree endemiche e alle abitudini alimentari.

Allontanamento di conviventi e contatti stretti dalle attività che comportino la manipolazione o distribuzione di alimenti, l’assistenza sanitaria e quella all’infanzia, fino a risultato negativo di 2 coprocolture e di 2 urinocolture eseguite su campioni prelevati a non meno di 24 ore di distanza l’uno dall’altro e dopo sospensione per 48 ore di qualsiasi trattamento antimicrobico.

Altre misure profilattiche

La vaccinazione antitifica è di valore limitato in caso di esposizione a casi conclamati, mentre può essere utile in caso di convivenza con portatori cronici.

La vaccinazione antitifica è obbligatoria per alcune categorie a rischio ( D.C.G. 2 dicembre 1926, DPR 26 marzo 1980, n° 327).

La vaccinazione è consigliata per:

 

Torna all'indice

 

Pubblicità

 

Pagina aggiornata il: 14/03/2016