Pubblicità

Disturbi del Sonno

a cura della



<< prec 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 succ >>

Clinica

I pazienti che si presentano dal medico curante lamentando disturbi del sonno possono richiedere aiuto per la presenza di uno dei seguenti sintomi:

Sia l'insonnia che l'eccessiva sonnolenza diurna dovrebbero essere considerate come sintomi di disturbi sottostanti, la conoscenza della diagnosi differenziale è fondamentale per identificare il dsturbo medico di base. Le diagnosi per esclusione, come quella di insonnia primitiva, devono essere formulate solo dopo aver escluso le altre possibilità.

La raccolta anamnestica è fondamentale concentrandosi sulla durata, la gravità e la riproducibilità delle manifestazioni cliniche aiutandosi nell'ottenere informazioni più dettagliate possibili con i familiari.

Suggerire inoltre al paziente la compilazione di un diario sul ritmo sonno-lavoro-farmaci per almeno due settimane in modo da inquadrare più velocemente possibile il problema. Ogni giorno devono essere annotati i momenti di sonno (sonnellini diurni, risvegli notturni)l'assunzone di farmaci, alcool, caffeina e eventuali ipnotici.

La polisonnografia è necessaria per la diagnosi di alcuni disturbi specifici quali la narcolessia e le apnee notturne.

 

<< prec 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 succ >>

 

Pubblicità

 

Pagina aggiornata il: 25/06/2014