Anevrasi: effetti collaterali e controindicazioni

Anevrasi (Valeriana + Passiflora + Biancospino Fiori) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Blando sedativo anche per favorire il riposo notturno.

Pubblicità

Anevrasi: effetti collaterali

Come tutti i farmaci, però, anche Anevrasi ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Anevrasi, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Anevrasi: controindicazioni

Per gli estratti fitoterapici non esistono controindicazioni specifiche, salvo casi di ipersensibilità individuale accertata.

Anevrasi: effetti collaterali

Non risulta, dall’esame della letteratura riguardante i componenti fitoterapici dell’Anevrasi e dalle sperimentazioni cliniche effettuate con la specialità stessa, che si possano riscontrare effetti collaterali in seguito alla somministrazione del preparato.

Anevrasi: avvertenze per l’uso

L’Anevrasi non presenta alcun rischio di assuefazione e/o dipendenza. Tenere il prodotto lontano dalla portata dei bam-bini.

Non superare le dosi consigliate. Dopo breve periodo di trattamento senza risultati apprezzabili, consultare il medico.

Nel caso di somministrazione dell’Anevrasi sciroppo in soggetti diabetici, si dovrà tenere conto della quantità di saccarosio in esso contenuto per il calcolo delle calorie giornaliere.


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.