Pylobactell: effetti collaterali e controindicazioni

Pylobactell 13CUrea 100 mg compressa solubile sacchetto (C-13 Urea) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Medicinale solo per uso diagnostico.

Per la diagnosi in vivo di infezione gastroduodenale da Helicobacter pilori (H. pylori).

Pylobactell 13CUrea 100 mg compressa solubile sacchetto: effetti collaterali

Pubblicità

Come tutti i farmaci, però, anche Pylobactell 13CUrea 100 mg compressa solubile sacchetto ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Pylobactell 13CUrea 100 mg compressa solubile sacchetto, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Pylobactell 13CUrea 100 mg compressa solubile sacchetto: controindicazioni

Ipersensibilità a principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

La prova non deve essere eseguita su pazienti con un’infezione gastrica sospetta, che potrebbe interferire con la prova di respirazione all’urea.

Pylobactell 13CUrea 100 mg compressa solubile sacchetto: effetti collaterali

Nessuno noto.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione riportato nell’allegato V.

Pylobactell 13CUrea 100 mg compressa solubile sacchetto: avvertenze per l’uso

Una prova positiva di respirazione all’urea, da sola, non conferma clinicamente che è necessaria una terapia di eradicazione. Può essere indicata una diagnosi alternativa con metodi endoscopici invasivi per esaminare la presenza di qualsiasi altra condizione clinica complicante, quale ulcera gastrica, gastrite autoimmune e tumore.

In casi individuali di gastrite atrofica, il risultato della prova di respirazione può essere falsamente positivo, e altre prove possono essere necessarie per confermare la presenza di H. pylori.

Se è necessario ripetere la prova, si dovrà attendere fino al giorno seguente per eseguirla. Per i pazienti che non tollerano il pasto di prova raccomandato, si dovrà somministrare un pasto di prova alternativo. Si dovrà fare attenzione a quei pazienti per i quali il digiuno può comportare implicazioni mediche.

I dati sull’affidabilità diagnostica della prova Pylobactell non sono sufficienti da raccomandarne l’uso in pazienti con gastrectomia parziale, e in pazienti al di sotto dei 18 anni (vedere ìl paragrafo 4.2).


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.