Pubblicità

 

Nota AIFA 41

 

Farmaci interessati

Calcitonina

 

Limitazioni

La prescrizione a carico del SSN è limitata alla seguente condizione:

 

Pubblicità

 

Background

La calcitonina è un ormone ipocalcemizzante, un peptide di 32 aminoacidi, normalmente prodotto dalle cellule C della tiroide. L’azione ipocalcemica è principalmente dovuta alla potente azione inibitoria esercitata sugli osteoclasti. L’inibizione dell’attività degli osteoclasti comporta una significativa riduzione del riassorbimento osseo, che può essere utile nei casi in cui risulti patologico o comunque eccessivo rispetto all’attività osteoblastica. Questa caratteristica è efficacemente sfruttata nel trattamento dei disordini ossei, come il morbo di Paget, e nell’ipercalcemia.

Evidenze disponibili

Per quanto riguarda l’osteoporosi, non vi sono prove univoche di efficacia clinica in termini di riduzione di fratture. Nonostante la calcitonina produca, rispetto al placebo, un aumento della massa ossea, non sono documentate in letteratura variazioni di rilievo dell’incidenza di fratture e, comunque, l’aumento di massa ossea è minore rispetto a quello indotto dall’alendronato.

Uno studio condotto dal Cochrane Group per stabilire l’efficacia del trattamento con calcitonina rispetto al placebo, nei pazienti in trattamento con corticosteroidi, non ha evidenziato differenze statisticamente significative tra i due gruppi per quanto riguarda l’aumento di massa ossea e il rischio relativo di fratture. La calcitonina può causare nausea, diarrea e flushing. Alcuni pazienti possono diventare resistenti nelle terapie a lungo termine forse a causa dello sviluppo di anticorpi neutralizzanti.

Una recente linea-guida italiana sulla diagnosi e terapia del morbo di Paget indica il posizionamento della calcitonina in questo tipo di pazienti.

Particolari avvertenze

La prescrizione della calcitonina non è rimborsata dal Servizio Sanitario Nazionale per le altre indicazioni autorizzate.

Bibliografia

  1. Adami S, et al. Italian guidelines for the diagnosis and treatment of Paget’s disease of bone. Reumatismo 2007; 59: 153-68.
  2. Cranney A, et al. Calcitonin for the treatment and prevention of corticosteroid-induced osteoporosis. Cochrane Database Syst Rev 2000; 4.
  3. Downs RW Jr, et al. Comparison of alendronate and intranasal calcitonin far treatment of osteoporosis in postmenopausal women. J Clin Endocrinol Metab 2000; 85:
    1783-8.
  4. Gruber HE, et al. Osteoblast numbers after calcitonin therapy:
    a retrospective study of paired biopsies obtained during longterm calcitonin therapy in postmenopausal osteoporosis.
    Calcif Tissue Int 2000; 66: 29-34.
  5. Karsdal MA, et al. Calcitonin. A drug of the past or for the future? Physiologic inhibition of bone resorption while sustaining osteoclast numbers improves bone quality. BioDrugs 2008; 22: 137-44.
  6. Mincey BA, et al. Prevention and treatment of osteoporosis in women with breast cancer. Mayo Clin Proc 2000; 75: 821-9.
  7. Muff R, et al. Formation of neutralizing antibodies during intranasal synthetic salmon calcitonin treatment of postmenopausal osteoporis. Osteoporos Int 1991;
    1: 72-5.
  8. Sexton PM, et al. Calcitonin.
    Curr Med Chem 1999; 6: 1067-93.

 

Pubblicità

 

Pagina aggiornata il: 14/12/2010