Pubblicità

 

Nota AIFA 82

 

Farmaci interessati

Antileucotrienici: montelukast, zafirlukast

 

Limitazioni

La prescrizione a carico del SSN, è limitata alle seguenti condizioni:

Quando gli steroidi risultino insufficienti è preferibile, piuttosto che aumentarne il dosaggio, aggiungere un farmaco di "seconda linea". Tra questi la prima scelta è rappresentata dai β-2 agonisti a lunga durata d’azione, seguiti, come seconda scelta, dagli antileucotrienici.

 

Pubblicità

 

Background

Nei pazienti affetti da asma lieve-moderata persistente non controllata da steroidi inalatori, è preferibile aggiungere un farmaco di seconda linea (β -2 inalatori a lunga durata d’azione, teofillina o antagonisti dei leucotrieni) piuttosto che aumentare la dose di steroide inalatorio. Fra queste terapie di seconda linea, i β -2 inalatori a lunga durata d’azione rimangono i farmaci di prima scelta.

Evidenze disponibili

Gli antagonisti dei leucotrieni costituiscono farmaci di seconda linea, da aggiungere quindi agli steroidi inalatori e ai β -2 stimolanti, quando tale associazione non sia sufficiente a controllare la sintomatologia o per mantenere il controllo con dosaggio ridotto di steroide inalatorio in pazienti con asma persistente di moderata entità.

Gli steroidi per via inalatoria sono i farmaci di prima linea e di prima scelta nel trattamento dell’asma lieve persistente, ma, quando inefficaci o non tollerati, possono essere sostituiti, come seconda scelta, dagli antagonisti dei leucotrieni. Questi ultimi invece sono sconsigliati nell’asma grave persistente in quanto non efficaci e potenzialmente associati allo sviluppo di complicanze quali la sindrome di Churg-Strauss. L’uso di montelukast e lo sviluppo di disturbi comportamentali dell’umore, pensieri e comportamenti suicidiari e suicidi, hanno spinto la Food and Drug Administration ad una revisione dei dati di sicurezza di tale possibile associazione.

Gli antagonisti dei leucotrieni sono consigliati come farmaci di prima scelta nella profilassi dell’asma da sforzo in alternativa ai b-2 stimolanti a breve o lunga durata d’azione o ai cromoni. 

Bibliografia

  1. Bjermer L, et al. Montelukast
    and fluticasone compared with salmeterol and fluticasone in protecting against asthma exacerbation in adults: one year, double blind, randomised, comparative trial. BMJ 2003;
  2. Edelman JM, et al. Oral montelukast compared with inhaled salmeterol
    to prevent exercise-induced bronchoconstriction. A randomized, double-blind trial. Exercise Study Group. Ann Intern Med 2000;
    132: 97-104.
  3. Global strategy for asthma management and prevention /NHLBI/WHO workshop report. Global Initiative for Asthma Update 2002 Global Initiative for Asthma, National Heart, Lung and Blood Institute. 2002. Document no. 02-3659. 2002.
  4. Gross WL. Churg-Strauss syndrome: update on recent developments. Curr Opin Rheumatol 2002; 14: 11-4.
  5. Leff JA, et al. Montelukast, a leukotriene-receptor antagonist,
    for the treatment of mild asthma
    and exercise-induced bronchoconstriction. N Engl J Med 1998; 339: 147-52.
  6. Nelson HS, et al. Fluticasone propionate/salmeterol combination provides more effective asthma control than low-dose inhaled corticosteroid plus montelukast.
    J Allergy Clin Immunol 2000;
    106: 1088-95.
  7. Price DB, et al. Randomised controlled trial of montelukast plus inhaled budesonide versus double dose inhaled budesonide in adult patients with asthma. Thorax 2003; 58: 211-6.
  8. Robinson DS, et al. Addition of leukotriene antagonists to therapy
    in chronic persistent asthma:
    a randomised double-blind placebo-controlled trial. Lancet 2001; 357: 2007-11.
  9. FDA-January 13, 2009. Follow-up to the March 27 2008 communication about the ongoing safety review of montelukast 10. Jicts H, et al. Rate of suicide in patients taking montelukast. Pharmacotherapy 2009; 29: 165-6.

 

Pubblicità

 

Pagina aggiornata il: 14/12/2010