Altargo

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto –  (Fonte: A.I.FA.)

Pubblicità

Ultimo aggiornamento pagina:

Pubblicità

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARIIndice

Altargo  Ung Cut 5 G 1%   (Retapamulina)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info:CQ ATC:D06AX13 AIC:038002022 Prezzo:19,8 Ditta: Glaxosmithkline Spa

 

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALEIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: qual è il nome commerciale di Altargo?

Altargo 10 mg/g unguento


02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVAIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: quali sostanze e principi attivi contiene Altargo?

Ogni grammo di unguento contiene 10 mg di retapamulina (1% p/p). Eccipiente(i) con effetti noti:

Ogni grammo di unguento contiene fino a 20 microgrammi di idrossitoluene butilato (E321). Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.


03.0 FORMA FARMACEUTICAIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: in quale forma (compresse, gocce, supposte ecc.) si presenta Altargo?

Unguento.

Unguento soffice, biancastro.


04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeuticheIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: a cosa serve Altargo? Per quali malattie si prende Altargo?

Trattamento a breve termine delle seguenti infezioni superficiali della cute negli adulti, adolescenti e bambini (a partire dai nove mesi) (vedere paragrafo 5.1):

Impetigine.


Pubblicità

04.2 Posologia e modo di somministrazioneIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: come si prende Altargo? qual è il dosaggio raccomandato di Altargo? Quando va preso nella giornata Altargo

Per informazioni importanti riguardanti l’attività clinica della retapamulina verso differenti tipi di

Staphylococcus aureus, vedere i paragrafi 4.4 e 5.1.

Devono essere prese in considerazione le linee guida ufficiali sull’uso appropriato degli antimicrobici


04.3 ControindicazioniIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: quando non bisogna prendere Altargo?

Adulti (di età compresa tra 18 e 65 anni), adolescenti (di età compresa tra 12 e 17 anni), pazienti pediatrici (di età compresa tra nove mesi e 11 anni).

Un sottile strato di unguento deve essere applicato sull’area interessata due volte al giorno per cinque giorni.

L’area trattata può essere coperta con un bendaggio sterile o con una garza. La sicurezza e l’efficacia non sono state stabilite nelle seguenti condizioni:

lesioni da impetigine di numero maggiore a 10 ed eccedenti i 100 cm2 nella superficie totale.

lesioni infette che superano i 10 cm di lunghezza o una superficie totale maggiore di 100 cm2.

Nei pazienti di età inferiore ai 18 anni la superficie totale trattata non deve essere maggiore del 2% della superficie corporea totale.

I pazienti che non mostrano una risposta clinica entro due o tre giorni devono essere rivalutati e deve essere considerata una terapia alternativa (vedere paragrafo 4.4).

Popolazioni speciali

Anziani (dai 65 anni di età in poi)

Non è necessario alcun aggiustamento posologico.

Compromissione renale

Non è necessario alcun aggiustamento posologico. Vedere paragrafo 5.3.

Compromissione epatica

Non è necessario alcun aggiustamento posologico. Vedere paragrafo 5.3.

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l’efficacia di retapamulina unguento nei bambini con meno di 9 mesi non è stata stabilita. I dati al momento disponibili sono riportati nel paragrafo 5.2, ma non può essere fatta alcuna raccomandazione riguardante la posologia.

Via di somministrazione

Retapamulina è solo per uso cutaneo.


04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'usoIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: a cosa bisogna stare attenti quando si prende Altargo? Quali sono le precauzioni da osservare durante la terapia con Altargo?

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eeccipienti elencati al paragrafo 6.1.


04.5 InterazioniIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quali farmaci non vanno presi insieme a Altargo? Quali alimenti possono interferire con Altargo?

Sensibilizzazione o irritazione locale grave

In caso di sensibilizzazione o di grave irritazione locale derivante dall’impiego di retapamulina unguento, il trattamento deve essere sospeso, l’unguento deve essere rimosso con attenzione e deve essere attuata una terapia alternativa appropriata per l’infezione.

Occhi e mucose

Retapamulina unguento deve essere tenuto lontano dagli occhi o dalle membrane mucose. Sono stati riportati casi di epistassi a seguito dell’uso di Altargo sulla mucosa nasale.

Ingestione

Si deve fare attenzione per evitare l’ingestione. Rivalutazione del trattamento

Qualora non vi sia alcun miglioramento o vi sia un peggioramento nell’area infetta dopo 2-3 giorni di trattamento, deve essere presa in considerazione una terapia alternativa.

Uso prolungato e crescita eccessiva di microrganismi non suscettibili

L’uso prolungato di retapamulina può dare luogo ad una crescita eccessiva di microrganismi non suscettibili, inclusi i funghi. Se c’è il sospetto di una superinfezione da microrganismi non suscettibili, il trattamento dovrebbe essere guidato da una valutazione clinica e microbiologica.

Ascessi

Retapamulina non deve essere impiegata per il trattamento degli ascessi

Staphylococcus aureus meticillino-resistente (MRSA)

Retapamulina non deve essere usata per trattare infezioni che siano o che si ritiene possano essere probabilmente dovute a MRSA (vedere paragrafo 5.1).

Negli studi clinici sulle infezioni secondarie delle ferite aperte, l’efficacia di retapamulina è risultata inadeguata nei pazienti con infezioni causate da MRSA. Il motivo della ridotta efficacia clinica osservata in questi pazienti non è noto.

Idrossitoluene butilato

Retapamulina unguento contiene idrossitoluene butilato che può causare reazioni cutanee locali (ad esempio dermatite da contatto), o irritazione degli occhi e delle membrane mucose.

Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

L’effetto di un’applicazione concomitante di retapamulina e di altri medicinali per uso topico sulla stessa area della cute non è stato studiato e pertanto l’impiego non è raccomandato.

Nei microsomi epatici umani, retapamulina si è dimostrata un forte inibitore di CYP3A4. Tuttavia, poiché le concentrazioni plasmatiche di retapamulina durante l’applicazione topica sono risultate basse (vedere paragrafo 5.2), non ci si aspetta che la somministrazione concomitante per via sistemica di substrati del CYP3A4 comporti un’inibizione clinicamente rilevante del loro metabolismo da parte della retapamulina.

La somministrazione concomitante di 200 mg di ketoconazolo per via orale due volte al giorno ha aumentato l’AUC(0-24) e la Cmax medie dell’81% dopo applicazione topica di retapamulina 10 mg/g unguento sulle abrasioni cutanee di maschi adulti sani. Tuttavia, le più alte concentrazioni plasmatiche riportate erano basse (≤10,5 ng/ml in assenza di ketoconazolo e ≤17 ng/ml in presenza di ketoconazolo).

L’esposizione sistemica alla retapamulina è risultata bassa dopo l’applicazione topica dell’unguento 10 mg/g negli adulti e nei pazienti pediatrici dell’età di 2 anni e più grandi (concentrazione plasmatica massima <20 ng/ml). Pertanto non ci si aspetta che si verifichino aumenti clinicamente significativi delle concentrazioni plasmatiche di retapamulina nei pazienti di 2 anni e in quelli più grandi che vengono trattati anche con inibitori del CYP3A4.

Popolazione pediatrica

Nei bambini di età compresa tra i 9 mesi e i 2 anni è possibile che concentrazioni plasmatiche più alte possano talvolta verificarsi durante il trattamento con retapamulina unguento 10 mg/g rispetto ai bambini più grandi e agli adulti. Si consiglia pertanto cautela qualora retapamulina unguento 10 mg/g venga somministrata ai bambini compresi in questo gruppo di età che vengono trattati anche con inibitori del CYP3A4, dal momento che si può verificare un ulteriore aumento dell’esposizione sistemica alla retapamulina mediante l’inibizione di CYP3A4.

Vedere paragrafo 5.2 relativamente alle concentrazioni plasmatiche di retapamulina osservate nei pazienti in differenti gruppi di età.


04.6 Gravidanza e allattamentoIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Altargo si può prendere in gravidanza? Altargo si può prendere durante l'allattamento?

Gravidanza

Non sono disponibili dati di esposizione in gravidanza. Studi negli animali hanno mostrato tossicità riproduttiva dopo somministrazione orale e non sono sufficienti per quanto riguarda gli effetti sul parto e sullo sviluppo fetale/postnatale (vedere paragrafo 5.3).

Retapamulina unguento deve essere usato in gravidanza solo quando la terapia antibatterica per uso topico è chiaramente indicata e l’uso di retapamulina è considerato preferibile alla somministrazione di antimicrobici sistemici.

Allattamento

Non è noto se retapamulina sia escreta nel latte materno umano. Negli adulti si è osservata un’esposizione sistemica minima, pertanto è probabile che l’esposizione per i neonati che vengono allattati al seno sia trascurabile. L’escrezione di retapamulina nel latte non è stata studiata negli animali. La decisione di continuare/sospendere l’allattamento al seno o continuare/sospendere la terapia con Altargo, deve essere presa tenendo in considerazione il beneficio dell’allattamento al seno per il bambino e il beneficio della terapia con Altargo per la madre.

Fertilità

Non ci sono dati sugli effetti di retapamulina relativi alla fertilità umana. In studi sulla fertilità di animali maschi e femmine non è stato mostrato nessun effetto relativo al trattamento (vedì paragrafo 5.3).


04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchineIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Posso guidare se sto prendendo Altargo? Posso fare lavori che richiedono attenzione se sto in terapia con Altargo?

Altargo non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli o di usare macchinari


04.8 Effetti indesideratiIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quali sono gli effetti collaterali di Altargo? Devo sospendere la terapia se ho degli effetti collaterali dovuti a Altargo?

Riassunto del profilo di sicurezza:

Negli studi clinici in cui Altargo è stato applicato a 2150 pazienti con infezioni superficiali della cute, la reazione avversa più comunemente riportata è stata irritazione nel sito di applicazione che ha riguardato circa l'1% dei pazienti.

Elenco delle reazioni avverse:

La seguente convenzione è stata usata per la classificazione della frequenza: molto comune (>1/10), comune (da>1/100 a <1/10), non comune (da >1/1000 a <1/100), rara (da >1/10.000 a <1/1000), molto rara (<1/10.000), non nota (non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

All'interno di ciascuna classe di frequenza, le reazioni avverse sono riportate in ordine decrescente di gravità.

Organo/sistema Comune Non comune Non nota
Disturbi del sistema immunitario Ipersensibilità incluso angioedema
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Dermatite da contatto
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Reazioni nel sito di applicazione: irritazione Reazioni nel sito di applicazione: dolore, prurito, eritema Irritazione nel sito di applicazione (inclusa sensazione di bruciore)

Popolazione pediatrica:

Frequenza, tipo e gravità delle reazioni avverse nella popolazione pediatrica è la stessa degli adulti.


Links sponsorizzati

Pubblicità

04.9 SovradosaggioIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Cosa devo fare se per sbaglio ho preso una dose eccessiva di Altargo? Quali sintomi dà una dose eccessiva di Altargo?

Ogni segno o sintomo di sovradosaggio, sia a livello topico o per ingestione accidentale, deve essere trattato a livello sintomatico.

Non sono conosciuti antidoti specifici.


05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamicheIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: A che categoria farmacologica appartiene Altargo? qual è il meccanismo di azione di Altargo?

Categoria farmacoterapeutica: antibiotici e chemioterapici per uso dermatologico, antibiotici per uso topico. Codice ATC: D06AX13.

Meccanismo d'azione:

Retapamulina è un derivato semi-sintetico del composto pleuromutilin che viene isolato attraverso la fermentazione del Clitopilus passeckerianus (formalmente Pleurotus passeckerianus).

Retapamulina inibisce in maniera selettiva la sintesi proteica batterica attraverso l'interazione con un sito esclusivo sulla subunità 50S del ribosoma batterico che è distinto dai siti di legame per altri agenti antibatterici non appartenenti alle pleuromutiline che interagiscono con il ribosoma.

I dati indicano che il sito di legame riguarda la proteina ribosomiale L3 e si trova nella regione del sito ribosomiale P e del centro catalitico della peptidil transferasi. Grazie al legame con questo sito, le pleuromutiline inibiscono il trasferimento del peptidil, bloccano parzialmente le interazioni del sito-P e prevengono la normale formazione della subunità ribosomiale attiva S50. Pertanto le pleuromutiline sembrano inibire la sintesi proteica batterica attraverso meccanismi multipli.

Retapamulina è prevalentemente batteriostatica verso S. aureusS. pyogenes.

Meccanismo di resistenza:

A causa del suo distinto meccanismo d'azione, è rara la resistenza crociata target-specifica con altre classi di agenti antibatterici.

In vitro, sono stati identificati tre meccanismi che riducono la sensibilità alla retapamulina. Uno coinvolge le mutazioni nella proteina ribosomiale L3, il secondo è un meccanismo non specifico di efflusso (ABC trasportatore vgaAv). Questo meccanismo non target-specifico di efflusso ha mostrato di ridurre anche l'attività in vitro della streptogramina A.

La sensibilità alle pleuromutiline può anche essere influenzata dalla Cfr rRNA metiltransferasi, che conferisce resistenza crociata a fenicoli, lincosamidi e streptogramina A negli stafilococchi.

MIC di retapamulina pari a 2-64 mcg /ml sono state riportate in clinica per ceppi di S. aureus in possesso sia del meccanismo di efflusso sia del meccanismo di resistenza cfr descritti sopra. Per ceppi di S. aureus con mutazioni generate in laboratorio nella proteina ribosomiale L3, le MIC di retapamulina sono state pari a 0,25-4 mcg /ml.

Mentre il valore epidemiologico di cut off di S. aureus per retapamulina è di 0,5 mcg /ml, il significato clinico di ceppi con MIC elevate di retapamulina non è noto a causa della possibilità di elevate concentrazioni locali (20.000 mcg /ml) di retapamulina sulla cute.

Nessuno sviluppo di resistenze è stato osservato durante il trattamento con retapamulina nel programma di sviluppo clinico e tutti gli isolati clinici venivano inibiti dalla retapamulina a concentrazioni <2 mcg/ml.

Spettro antibatterico:

La prevalenza di resistenze acquisite può variare geograficamente e con il tempo per le specie selezionate, ed è opportuna un'informazione locale sulla resistenza, in particolare nel trattamento di infezioni gravi. Come necessario, il consiglio di un esperto deve essere richiesto qualora la prevalenza locale di resistenze sia tale che l'utilità dell'agente, in almeno alcuni tipi d'infezione, sia messa in dubbio.

Specie comunemente sensibili
Staphylococcus aureus* 6
Streptococcus pyogenes*
Streptococcus agalactiae
Organismi intrinsecamente resistenti
Enterobacteriaceae
Pseudomonas aeruginosa
Enterococcus faecalis

6 In vitro, retapamulina è risultata egualmente attiva verso ceppi di S. aureus meticillino-sensibili e meticillino resistenti. Comunque, vedere paragrafo 4.4 e di seguito, relativamente all'efficacia clinica nei confronti di MRSA. Retapamulina non deve essere usata nel trattamento di infezioni sostenute, o ritenute probabilmente causate, da MRSA.

* l'attività è stata dimostrata in maniera soddisfacente negli studi clinici.

Informazioni dagli studi clinici:

Negli studi sull'impetigine sono stati isolati pochissimi MRSA e in tutti si era riscontrato un successo clinico (100%: 8/8).

Negli studi sull'impetigine e nei due studi sulle infezioni secondarie delle ferite aperte (SIOW), il tasso di successo clinico è risultato elevato per retapamulina nei pazienti con S. aureus meticillino-resistente (100%: 11/11) o S. aureus acido fusidico-resistente (96,7%: 29/30). Tuttavia, nei due studi che avevano arruolato pazienti con infezioni secondarie delle ferite aperte (SIOW), l'efficacia di retapamulina nelle infezioni dovute a MRSA è stata inadeguata (75,7%). Non è stata osservata alcuna differenza nell'attività in vitro di retapamulina verso S.aureus sia che gli isolati fossero sensibili o resistenti alla meticillina.

La spiegazione di una più bassa efficacia clinica contro MRSA nelle infezioni secondarie delle ferite aperte (SIOW) non è chiara e potrebbe essere stata influenzata dalla presenza di particolari colonie di MRSA. Nel caso di fallimento del trattamento associato a S. aureus, deve essere considerata la presenza di ceppi che possiedono fattori addizionali di virulenza (come Leucocidina Panton-Valentine).

Tasso di Successo Clinico al Follow up per i pazienti con Infezioni Secondarie delle ferite aperte (SIOW) da S. aureus

Fenotipo/PFGE tipo RETAPAMULINA Cefalessina
n/N Tasso di successo (%) 95% Exact CI n/N Tasso di successo (%)
S. aureus (tutti) 337/379 88,9 (85,3-91,9) 155/186 83,3
MRSA 6 28/37 75,7 (58,8-88,2) 21/26 80,8
MSSA 309/342 90,4 (86,7-93,3) 133/159 83,6

CI: intervallo di confidenza. Exact CI è calcolato usando il metodo di distribuzione F.

6:il tasso di risposta per MRSA dovuto a PVL+MRSA è stato 8/13 (62%)

Uno studio multicentrico, randomizzato, in doppio cieco ha confrontato l'efficacia dell'unguento a base di retapamulina verso l'unguento a base di placebo nel trattamento delle infezioni secondarie delle ferite aperte (SIOW). Lo studio non ha soddisfatto l'endpoint primario che era la percentuale di successo clinico al follow-up (giorni 12 - 14) per i soggetti nella popolazione clinica Intent to Treat (vedere tabella sotto).

Risposta clinica al Follow-up (giorno 12-14) per popolazione analizzata

Retapamulina Placebo Differenza nel tasso di successo (%) 95% IC (%)
Popolazione analizzata n/N Tasso di successo n/N Tasso di successo
ITTC 184/246 74.8 75/113 66.4 8.4 (-1.6, 18.4)
PPC 170/215 79.1 72/97 74.2 4.8 (-5.2, 14.8)
ITTB 139/182 76.4 54/84 64.3 12.1 (0.6, 23.6)
PPB 128/158 81.0 51/69 73.9 7.1 (-4.4, 18.6)

IC: intervallo di confidenza. L'intervallo di confidenza non è stato aggiustato per la molteplicità.

ITTC- Intent to Treat Clinical Primary Efficacy Population; PPC- Per Protocol Clinical Primary Efficacy population; ITTB- Intent to Treat Bacteriological evaluable, Primary Efficacy Population; PPB- Per Protocol Bacteriologically evaluable, Primary Efficacy Population.

Tuttavia, quando aggiustato per le caratteristiche della ferita inclusi agente patogeno, dimensioni e gravità della ferita, il tasso di successo clinico di retapamulina è stato superiore al placebo per l'endpoint primario di efficacia (p=0.0336). Le lesioni dei soggetti trattati con retapamulina sono guarite più rapidamente, entro il controllo di fine terapia (giorni 7-9), con una riduzione delle dimensioni delle lesioni del 77.3% rispetto al 43.5% nei soggetti trattati con placebo. Tuttavia dalla visita di follow-up questa differenza è stata meno pronunciata (88.6% rispetto a 81% rispettivamente per i soggetti trattati con retapamulina e per quelli trattati con placebo).

Nella popolazione Intent to Treat, valutabile dal punto di vista batteriologico, il tasso di successo clinico della retapamulina (76.4%: 139/182) è stato statisticamente superiore a quello del placebo (64.3%; 54/84). Questa differenza è dovuta principalmente al tasso di successo più elevato osservato nei soggetti trattati con retapamulina che avevano infezioni causate da S. aureus rispetto ai soggetti trattati con placebo (vedi tabella sotto). Tuttavia, la retapamulina non ha mostrato alcun vantaggio rispetto al placebo nei soggetti con infezioni secondarie da ferite aperte (SIOW) dovute a S. pyogenes.

Tasso di successo clinico al Follow-up nei soggetti Intent to Treat con Infezioni Secondarie da ferite aperte (SIOW) provocate da S.aureusS.pyogenes

Patogeni Retapamulina Placebo
n/N Tasso di successo (%) 95% Exact IC n/N Tasso di successo (%)
S. aureus (all) 117/147 79.6 72.2,85.8 43/65 66.2
MRSA 15/24 62.5 40.6,81.2 2/8 25.0
MSSA 102/123 82.9 75.1,89.1 41/57 71.9
S. pyogenes 29/36 80.6 64.0,91.8 12/15 80.0

IC: intervallo di confidenza. Exact IC è stato calcolato usando il metodo di distribuzione F.


Links sponsorizzati

Pubblicità

05.2 Proprietà farmacocineticheIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: In quanto tempo viene assorbito dall'organismo Altargo? Per quanto tempo rimane nell'organismo Altargo? In quanto tempo Altargo viene eliminato dall'organismo?

Assorbimento

Adulti sani

In uno studio condotto in soggetti adulti sani, retapamulina 10 mg/g unguento è stata applicata giornalmente sulla cute intatta e abrasa con occlusione fino a 7 giorni. L’esposizione sistemica dopo l’applicazione topica di retapamulina attraverso la cute intatta è risultata molto bassa. Il valore mediano geometrico di Cmax nel plasma dopo l’applicazione su 200 cm2 di cute abrasa è risultato di 9,75 ng/ml il giorno 1 e di 8,79 ng/ml il giorno 7 e l’esposizione sistemica individuale massima (Cmax) riportata è risultata di 22,1 ng/ml.

Pazienti dai 2 anni di età in poi

Sono stati ottenuti singoli campioni plasmatici da 516 pazienti adulti e pediatrici che erano stati trattati a livello topico con retapamulina 10 mg/g unguento due volte al giorno per 5 giorni per il trattamento delle infezioni secondarie di lesioni traumatiche. Il campionamento è stato effettuato prima della dose nei soggetti adulti il 3° e il 4° giorno, e tra 0-12 ore dopo l’ultima applicazione nei soggetti pediatrici il 3° o il 4° giorno. La maggior parte dei campioni (89%) è risultata al di sotto del limite più basso di quantificazione (0,5 ng/ml). Dei campioni che avevano avuto concentrazioni misurabili, il 90% aveva concentrazioni di retapamulina inferiori a 2,5 ng/ml. La massima concentrazione plasmatica misurata di retapamulina è stata di 10,7 ng/ml negli adulti e di 18,5 ng/ml nei pazienti pediatrici (di età compresa tra 2 e17 anni).

Pazienti dai 2 mesi ai 24 mesi di età

Sono stati ottenuti singoli campioni plasmatici circa 4-8 ore dopo la prima applicazione il 3° e il 4° giorno da pazienti di età compresa tra 2 mesi e 2 anni con impetigine o con infezioni secondarie di lesioni traumatiche o dermatosi (notare che retapamulina non è indicata per l’uso nelle dermatosi secondariamente infette). Le concentrazioni di retapamulina erano misurabili nel 46% (36/79) dei campioni (intervallo da 0,52 a 177,3 ng/ml) ma nella maggior parte di questi campioni (27/36;75%) risultavano < 5,0 ng/ml.

Tra i bambini di età compresa tra i 9 mesi e i 2 anni, le concentrazioni plasmatiche di retapamulina erano misurabili nel 32% (16/50) dei campioni. Una singola concentrazione di retapamulina

(95,1 ng/ml) ha superato la concentrazione più alta osservata nei pazienti di età compresa tra i 2 e i 17 anni (18,5 ng/ml). Questa concentrazione plasmatica è stata osservata in un bambino con una dermatosi secondariamente infetta, per la quale l’uso della retapamulina non è indicato.

L’uso della retapamulina non è raccomandato nei bambini di età inferiore ai 9 mesi. Nei bambini di età compresa tra i 2 mesi e i 9 mesi le concentrazioni plasmatiche di retapamulina erano misurabili nel 69% (20/29) dei campioni. Quattro concentrazioni plasmatiche di retapamulina (26,9, 80,3, 174,3 e 177,3 ng/ml) hanno superato la concentrazione più alta osservata nei pazienti di età compresa tra i 2 e i 17 anni (18,5 ng/ml).

Distribuzione

A causa dell’esposizione sistemica molto bassa, la distribuzione di retapamulina nei tessuti non è stata valutata nell’uomo.

In vitro, retapamulina ha mostrato di essere un substrato e un inibitore della glicoproteina-P (Pgp). Tuttavia, la massima esposizione sistemica individuale nell’uomo dopo applicazione topica dell’unguento 10 mg/g su 200 cm2 di cute abrasa (Cmax = 22 ng/ml; AUC(0-24) = 238 ng.h/ml) è risultata di 660 volte inferiore della IC50 di retapamulina per l’inibizione della Pgp.

Retapamulina è per il 94% circa legata alle proteine plasmatiche umane. Biotrasformazione

Il metabolismo ossidativo in vitro di retapamulina nei microsomi epatici umani è stato principalmente

mediato dal CYP3A4 con minor contributo del CYP2C8 e CYP2D6 (vedere paragrafo 4.5).

Eliminazione

L’eliminazione di retapamulina non è stata valutata nell’uomo.

Popolazioni speciali

Non sono disponibili dati di farmacocinetica nei pazienti con compromissione renale o epatica. Tuttavia, a causa dei bassi livelli plasmatici che sono stati osservati, non si prevedono problemi di sicurezza.


05.3 Dati preclinici di sicurezzaIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Altargo è sicuro e ben tollerato dall'organismo?

Tossicità a dosi ripetute

Negli studi a 14 giorni di tossicità orale (50, 150 o 450 mg/kg) nei ratti si sono evidenziati cambiamenti adattattivi epatici e tiroidei. Nessuna di queste osservazioni è di rilevanza clinica.

Nelle scimmie trattate per via orale (50, 150 o 450 mg/kg) per 14 giorni si è verificata emesi dose- correlata.

Cancerogenesi, mutagenesi, tossicità della riproduzione

Non sono stati eseguiti studi a lungo termine con retapamulina negli animali per valutare il potenziale cancerogeno.

Non è stata evidenziata genotossicità quando valutato in vitro per le mutazioni genetiche e/o gli effetti sui cromosomi nel test cellulare su linfoma di topo, nelle colture cellulari di linfociti periferici umani, o quando valutato in vivo per gli effetti sui cromosomi nel test del micronucleo nel ratto.

Non è stata evidenziata compromissione della fertilità nei maschi o nelle femmine di ratto alle dosi orali di 50, 150 o 450 mg/kg/die che comportavano dei margini di esposizione fino a 5 volte la più alta esposizione stimata nell’uomo (applicazione topica su 200 cm2 di cute abrasa: AUC 238 ng.h/ml).

In uno studio di embriotossicità nei ratti è stata osservata tossicità nello sviluppo (diminuzione del peso corporeo e ritardo nell’ossificazione dello scheletro) e tossicità materna a dosaggi orali > di 150mg/kg/die (corrispondenti a > di 3 volte l’esposizione stimata nell’uomo - vedere sopra). Non è stata evidenziata alcuna malformazione nei ratti correlata al trattamento.

Retapamulina è stata somministrata come infusione endovenosa continua a femmine di coniglio gravide dal 7° al 19° giorno di gestazione. La tossicità materna è stata dimostrata a dosaggi > di

7,2 mg/kg/die corrispondenti a > di 8 volte l’esposizione stimata nell’uomo (vedere sopra). Non è stato evidenziato alcun effetto correlato al trattamento sullo sviluppo embrio-fetale.

Non sono stati effettuati studi per valutare gli effetti di retapamulina sullo sviluppo pre/post-natale. Tuttavia, non è stato osservato alcun effetto sistemico sui ratti giovani dopo applicazione topica di retapamulina unguento.


06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 EccipientiIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quali eccipienti contiene Altargo? Altargo contiene lattosio o glutine?

Paraffina soffice bianca Idrossitoluene butilato (E321)


Pubblicità

06.2 IncompatibilitàIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Altargo può essere mischiato ad altri farmaci?

Non pertinente.


06.3 Periodo di validitàIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Per quanto tempo posso conservare Altargo?

Tubo e bustina chiusi: 2 anni. Tubo in uso: 7 giorni.


06.4 Speciali precauzioni per la conservazioneIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Altargo va conservato in frigo o a temperatura ambiente? Una volta aperto Altargo entro quanto tempo va consumato?

Non conservare a temperatura superiore ai 25°C.


06.5 Natura e contenuto della confezioneIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: In quale tipo di contenitore viene venduto Altargo?

Bustina di alluminio da 0,5 g. Confezione da 12 bustine.

Tubi di alluminio con tappo a vite di plastica da 5 g, 10 g e 15g. Confezione da 1 tubo. E’ possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.


06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazioneIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Come si usa Altargo? Dopo averlo aperto, come conservo Altargo? Come va smaltito Altargo correttamente?

L’unguento che rimane alla fine del trattamento deve essere eliminato.

Il medicinale non utilizzato ed i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.


07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIOIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quale casa farmaceutica produce Altargo?

Glaxo Group Ltd 980 Great West Road Brentford Middlesex TW8 9GS

Regno Unito


08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIOIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Con quali numeri AIFA ha autorizzato l'immissione in commercio di Altargo?

EU/1/07/390/001 - AIC n. 038002010

EU/1/07/390/002 - AIC n. 038002022

EU/1/07/390/003 - AIC n. 038002034

EU/1/07/390/004 - AIC n. 038002046


09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONEIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quando ` stato messo in commercio per la prima volta Altargo? QUando è stata rinnovata l'autorizzazione al commercio di Altargo?

Data di prima autorizzazione: 24 Maggio 2007

Data dell'ultimo rinnovo: 29 Maggio 2012


10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTOIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quando è stato rivisto e corretto da AIFA il testo di questa scheda tecnica di Altargo?

20 Aprile 2012


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)Indice

 

 

Pubblicità