Anticoagulante Acd

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto –  (Fonte: A.I.FA.)

Pubblicità

Ultimo aggiornamento pagina:

Pubblicità

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALEIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: qual è il nome commerciale di Anticoagulante?

ANTICOAGULANTE ACD S.A.L.F. SOLUZIONE ANTICOAGULANTE E CONSERVANTE PER IL SANGUE


02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVAIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: quali sostanze e principi attivi contiene Anticoagulante?

100 ml di soluzione contengono:

< Formula A > < Formula B >
Principi attivi Acido citrico monoidrato 0,80 g 0,48 g
Sodio citrato biidrato 2,20 g 1,32 g
Glucosio monoidrato 2,45 g 1,47 g
corrispondente a glucosio anidro 2,24 g 1,34 g

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.


03.0 FORMA FARMACEUTICAIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: in quale forma (compresse, gocce, supposte ecc.) si presenta Anticoagulante?

Soluzione anticoagulante e conservante per il sangue.


04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeuticheIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: a cosa serve Anticoagulante? Per quali malattie si prende Anticoagulante?

L'anticoagulante ACD (citrato destrosio) è utilizzato per la raccolta e conservazione di campioni di sangue estratto e per procedure trasfusionali, quali la plasmaferesi.


Pubblicità

04.2 Posologia e modo di somministrazioneIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: come si prende Anticoagulante? qual è il dosaggio raccomandato di Anticoagulante? Quando va preso nella giornata Anticoagulante

< Formula A >

Si utilizzano 15 ml per 100 ml di sangue raccolto

< Formula B >

Si utilizzano 25 ml per 100 ml di sangue raccolto

Il sangue così raccolto può essere conservato fino a 21 giorni.


04.3 ControindicazioniIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: quando non bisogna prendere Anticoagulante?

Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Inoltre, il sodio citrato contenuto nelle soluzioni ACD (A e B) è controindicato nelle seguenti condizioni:

Insufficienza renale grave con oliguria, azotemia o anuria

• Malattia di Addison

• Paralisi periodica iperkaliemica

• Disidratazione acuta

• Crampi

• Danno cardiaco grave

• Dieta iposodica


04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'usoIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: a cosa bisogna stare attenti quando si prende Anticoagulante? Quali sono le precauzioni da osservare durante la terapia con Anticoagulante?

Usare con cautela l'Anticoagulante ACD, contenente sodio citrato, in caso di:

• Insufficienza cardiaca congestizia

Ipertensione

• Edema periferico o polmonare

• Pre-eclampsia

• Insufficienza epatica acuta e cronica

È necessario monitorare gli elettroliti, specialmente i bicarbonati, in pazienti con insufficienza renale.

L'infusione di citrati può causare ipocalcemia. Non iniettare per via endovenosa, ma usare solo per la preparazione di sangue umano.

Usare subito dopo l'apertura del contenitore. La soluzione deve essere limpida, incolore o di leggero colore giallo e priva di particelle visibili. Serve per un unico ed ininterrotto utilizzo e l'eventuale residuo non può essere usato e deve essere eliminato.


04.5 InterazioniIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quali farmaci non vanno presi insieme a Anticoagulante? Quali alimenti possono interferire con Anticoagulante?

L'anticoagulante ACD può interagire con i seguenti medicinali:

- destrano;

- anticoagulanti orali;

- altri farmaci che influiscono sulla formazione e sulle funzioni delle piastrine;

- prodotti contenenti alluminio (alluminio carbonato basico, alluminio idrossido, alluminio fosfato, diidrossi alluminio aminoacetato, diidrossi alluminio sodio carbonato, magaldrato) in quanto la somministrazioni contemporanea di una soluzione contente citrato può aumentare l'assorbimento dell'alluminio causando tossicità fino a encefalopatia. L'encefalopatia si può verificare soprattutto nei pazienti anziani con insufficienza renale cronica.


04.6 Gravidanza e allattamentoIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Anticoagulante si può prendere in gravidanza? Anticoagulante si può prendere durante l'allattamento?

Per l'Anticoagulante ACD non sono disponibili dati clinici relativi a gravidanze esposte e all'uso durante l'allattamento. È necessario usare cautela nell'utilizzare tali soluzioni in donne in stato di gravidanza o durante l'allattamento.


04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchineIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Posso guidare se sto prendendo Anticoagulante? Posso fare lavori che richiedono attenzione se sto in terapia con Anticoagulante?

Non pertinente.


04.8 Effetti indesideratiIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quali sono gli effetti collaterali di Anticoagulante? Devo sospendere la terapia se ho degli effetti collaterali dovuti a Anticoagulante?

Di seguito sono riportati gli effetti indesiderati di Anticoagulante ACD organizzati secondo la classificazione sistemica organica MedDRA. Non sono disponibili dati sufficienti per stabilire la frequenza dei singoli effetti elencati.

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Iperkaliemia, Ipocalcemia, Alcalosi metabolica

Patologie gastrointestinali

Diarrea, Nausea, Vomito

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione

Dolore nel sito di somministrazione


Links sponsorizzati

Pubblicità

04.9 SovradosaggioIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Cosa devo fare se per sbaglio ho preso una dose eccessiva di Anticoagulante? Quali sintomi dà una dose eccessiva di Anticoagulante?

Non sono stati riportati casi di sovradosaggio.


05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamicheIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: A che categoria farmacologica appartiene Anticoagulante? qual è il meccanismo di azione di Anticoagulante?

Categoria farmacoterapeutica: Prodotti ausiliari per la trasfusione del sangue, codice ATC: V07AC

Il citrato contenuto nell'anticoagulante ACD sequestra il calcio presente nel sangue e lo rende insolubile, impedendo così la coagulazione. Non essendo tossico, viene impiegato per rendere incoagulabile il sangue destinato alle trasfusioni.


Links sponsorizzati

Pubblicità

05.2 Proprietà farmacocineticheIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: In quanto tempo viene assorbito dall'organismo Anticoagulante? Per quanto tempo rimane nell'organismo Anticoagulante? In quanto tempo Anticoagulante viene eliminato dall'organismo?

Metabolismo

Il sodio citrato, contenuto nell'anticoagulante ACD è assorbito e metabolizzato a sodio bicarbonato. L'ossidazione è quasi totale.

Eliminazione

Meno del 5% dei citrati è escreto in forma immodificata nelle urine.


05.3 Dati preclinici di sicurezzaIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Anticoagulante è sicuro e ben tollerato dall'organismo?

Non sono disponibili dati preclinici di sicurezza.


06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 EccipientiIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quali eccipienti contiene Anticoagulante? Anticoagulante contiene lattosio o glutine?

Acqua per preparazioni iniettabili.


Pubblicità

06.2 IncompatibilitàIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Anticoagulante può essere mischiato ad altri farmaci?

In assenza di studi di incompatibilità, questo medicinale non deve essere miscelato con altri prodotti.


06.3 Periodo di validitàIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Per quanto tempo posso conservare Anticoagulante?

2 anni a confezionamento integro.

Dopo la prima apertura: dopo la prima apertura della confezione, il medicinale deve essere usato immediatamente per un'unica ed ininterrotta somministrazione.


06.4 Speciali precauzioni per la conservazioneIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Anticoagulante va conservato in frigo o a temperatura ambiente? Una volta aperto Anticoagulante entro quanto tempo va consumato?

Non usare la soluzione se non si presenta limpida, incolore o leggermente giallo paglierino, o se contiene particelle.

Non sono richieste particolari condizioni di conservazione in relazione alla temperatura. Non congelare.

Tenere il contenitore ermeticamente chiuso e al riparo dalla luce e dal calore.


06.5 Natura e contenuto della confezioneIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: In quale tipo di contenitore viene venduto Anticoagulante?

Sacca PVC 250 e 500 ml.


06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazioneIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Come si usa Anticoagulante? Dopo averlo aperto, come conservo Anticoagulante? Come va smaltito Anticoagulante correttamente?

Il medicinale non utilizzato e i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.


07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIOIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quale casa farmaceutica produce Anticoagulante?

S.A.L.F. S.p.A. Laboratorio Farmacologico - Via Marconi, 2 - Cenate Sotto (BG)


08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIOIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Con quali numeri AIFA ha autorizzato l'immissione in commercio di Anticoagulante?

Anticoagulante ACD <A> Sacca PVC 250 ml A.I.C. 030701041

Anticoagulante ACD <A> Sacca PVC 500 ml A.I.C. 030701054


09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONEIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quando ` stato messo in commercio per la prima volta Anticoagulante? QUando รจ stata rinnovata l'autorizzazione al commercio di Anticoagulante?

08 novembre 1993 / 05 Maggio 2008


10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTOIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quando è stato rivisto e corretto da AIFA il testo di questa scheda tecnica di Anticoagulante?

23 aprile 2012

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)Indice

 

 

Pubblicità