Cefpodoxima San Os Polv 40 mg 5

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto –   (Fonte: A.I.FA.)

Pubblicità

Ultimo aggiornamento pagina:

Pubblicità

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALEIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: qual è il nome commerciale di Cefpodoxima?

Cefpodoxima Sandoz 40 mg/5 ml polvere per sospensione orale.


Cefpodoxima San Os Polv 40 mg 5: Scatola

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVAIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: quali sostanze e principi attivi contiene Cefpodoxima?

5 ml di sospensione ricostituita contengono cefpodoxima proxetil equivalente a 40 mg di cefpodoxima.

5 ml di sospensione ricostituita contengono 1845,78 mg di saccarosio. Per la lista completa degli eccipienti, vedere il paragrafo 6.1.


03.0 FORMA FARMACEUTICAIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: in quale forma (compresse, gocce, supposte ecc.) si presenta Cefpodoxima?

Polvere per sospensione orale.

Polvere giallo-arancio con una leggera tonalità color crema: dopo ricostituzione con acqua la sospensione risultante è di colore giallo-arancio.


04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeuticheIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: a cosa serve Cefpodoxima? Per quali malattie si prende Cefpodoxima?

Cefpodoxima Sandoz 40 mg/5 ml polvere per sospensione orale è indicato per il trattamento delle seguenti infezioni causate da organismi sensibili.

Otite media acuta

Sinusite

Tonsillite e faringite

Nelle indicazioni di cui sopra la cefpodoxima deve essere riservata alle infezioni croniche o ricorrenti, o alle infezioni il cui organismo scatenante è, o si sospetta essere, resistente agli antibiotici di uso comune o nel caso gli antibiotici di uso comune non possano essere usati per una ragione qualsiasi.

Bronchite acuta

Polmonite batterica

La cefpodoxima non è l’antibiotico preferito per il trattamento della polmonite da stafilococco e non deve essere usato nel trattamento della polmonite atipica causata da organismi quali Legionella, Mycoplasma e Chlamydia (vedere anche ìl paragrafo 5.1)

Si devono tenere in considerazione le linee guida ufficiali relative all’uso appropriato degli agenti antibatterici.


04.2 Posologia e modo di somministrazioneIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: come si prende Cefpodoxima? qual è il dosaggio raccomandato di Cefpodoxima? Quando va preso nella giornata Cefpodoxima

Posologia

Bambini (fino a 11 anni)

La dose raccomandata per i bambini è 8 mg/kg/die, somministrati in due dosi separate a intervalli di 12 ore. Il flacone è corredato di una siringa (10 ml) graduata ogni 0,5 ml per agevolare il corretto dosaggio.

Da notare che:

5 ml di sospensione contengono l’equivalente di 40 mg di cefpodoxima. 1 ml di sospensione contiene l’equivalente di 8 mg di cefpodoxima.

La seguente tabella fornisce una guida alla prescrizione

Peso corporeo in kg Dose di cefpodoxima in mg da somministrare due volte al giorno Dose di cefpodoxima in ml di sospensione da somministrare due volte al giorno
5 20 mg 2,5 ml
10 40 mg 5 ml
15 60 mg 7,5 ml
20 80 mg 10 ml
25 100 mg 12,5 ml

I bambini con peso corporeo di almeno 25 kg possono ricevere 12,5 ml due volte al giorno oppure possono ricevere una compressa da 100 mg due volte al giorno.

La cefpodoxima non deve essere usata nei neonati di età inferiore ai 15 giorni, poiché non esiste alcuna esperienza in questo gruppo di età.

Compromissione della funzionalità renale

La dose di cefpodoxima non richiede alcuna modifica se la clearance della creatinina è superiore a 40ml.min-1/1,73m2. Al di sotto di questo valore gli studi di farmacocinetica indicano un aumento dell’emivita di eliminazione plasmatica. La dose deve pertanto essere opportunamente corretta, in base alla tabella seguente.

Clearance della creatinina (ml/min)
39-10 4 mg/kg devono essere somministrati una volta ogni 24 ore
<10 4 mg/kg devono essere somministrati una volta ogni 48 ore
Pazienti in emodialisi 4 mg/kg devono essere somministrati dopo ogni sessione di dialisi

Compromissione della funzionalità epatica

In caso di compromissione della funzionalità epatica la dose non richiede alcuna modifica.

Durata della terapia

La durata della terapia dipende dal paziente, dall’indicazione e dall’organismo/i scatenante/i.

Modo di somministrazione

La sospensione è solo per uso orale.

Per un assorbimento ottimale la dose deve essere presa durante i pasti.


Pubblicità

04.3 ControindicazioniIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: quando non bisogna prendere Cefpodoxima?

Ipersensibilità alla cefpodoxima, ad altre cefalosporine o a uno qualsiasi degli eccipienti della sospensione.

Precedente reazione di ipersensibilità immediata e/o grave a una penicillina o a un qualsiasi altro tipo di farmaco beta-lattamico.

Fenilchetonuria, a causa del contenuto di aspartame.


04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l'usoIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: a cosa bisogna stare attenti quando si prende Cefpodoxima? Quali sono le precauzioni da osservare durante la terapia con Cefpodoxima?

Prima di istituire la terapia con cefpodoxima è necessario effettuare un’indagine accurata per determinare se il paziente ha avuto precedenti reazioni di ipersensibilità a cefpodoxima, cefalosporine, penicilline o altri farmaci beta-lattamici.

La cefpodoxima è controindicata nei pazienti che hanno avuto una precedente reazione di ipersensibilità a una qualsiasi cefalosporina.

È inoltre controindicata nei pazienti che hanno avuto una precedente reazione di ipersensibilità immediata e/o grave a qualsiasi penicillina o a un qualunque altro tipo di farmaco beta-lattamico. La cefpodoxima deve essere somministrata con cautela nei pazienti che hanno avuto un qualsiasi altro tipo di reazione di ipersensibilità a una penicillina o a un qualunque altro farmaco beta- lattamico.

Nei casi di insufficienza renale grave può essere necessario ridurre la dose in funzione della clearance della creatinina (vedere ìl paragrafo 4.2).

Con l’uso di cefpodoxima sono state segnalate diarrea, colite e colite pseudomembranosa associate ad antibiotici. Queste diagnosi devono essere considerate in qualsiasi paziente che sviluppa diarrea durante o subito dopo il trattamento. Se durante il trattamento insorge diarrea grave e/o emorragica la cefpodoxima deve essere interrotta e deve essere istituita una terapia appropriata.

La cefpodoxima deve essere usata sempre con cautela nei pazienti con anamnesi di malattie gastrointestinali, in particolare colite.

Come con tutti gli antibiotici beta-lattamici, durante un trattamento prolungato possono svilupparsi neutropenia e, più raramente, agranulocitosi. Nel caso di un trattamento di durata superiore a 10 giorni, la conta ematica deve essere monitorata e il trattamento interrotto se viene diagnosticata neutropenia.

Le cefalosporine possono essere assorbite dalla superficie della membrana dei globuli rossi e reagire con gli anticorpi diretti contro il farmaco. Questo può dare luogo a un falso positivo nel test di Coombs e, molto raramente, ad anemia emolitica. A causa di questa reazione può verificarsi reattività crociata con la penicillina.

Con gli antibiotici della classe delle cefalosporine sono state osservate alterazioni della funzionalità renale, in particolare quando vengono somministrati in concomitanza con farmaci potenzialmente nefrotossici, quali gli aminoglicosidi e/o i diuretici potenti. In tali casi deve essere monitorata la funzionalità renale.

Come con altri antibiotici, l’uso prolungato di Cefpodoxima Sandoz può provocare la proliferazione di organismi non-sensibili.

Questo medicinale non deve essere usato nei neonati di età inferiore ai 15 giorni, poiché in questo gruppo di età non sono ancora stati condotti studi clinici.

Questo medicinale contiene 1,8 g di saccarosio ogni 5 ml ed è quindi inadatto ai pazienti che soffrono di intolleranza al fruttosio, sindrome di malassorbimento di glucosio-galattosio o deficit di saccarasi-isomaltasi.

Questo medicinale contiene aspartame ed è quindi inadatto ai pazienti che soffrono di fenilchetonuria (vedere ìl paragrafo 4.3).


04.5 InterazioniIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quali farmaci non vanno presi insieme a Cefpodoxima? Quali alimenti possono interferire con Cefpodoxima?

Alcuni studi hanno dimostrato che, quando la cefpodoxima viene somministrata con farmaci che neutralizzano il pH gastrico o inibiscono la secrezione acida, la biodisponibilità diminuisce di

circa il 30%. Pertanto i farmaci come gli antiacidi di tipo minerale e i bloccanti H2 come la ranitidina, che possono causare un aumento del pH gastrico, devono essere presi 2-3 ore dopo la somministrazione di cefpodoxima.

Si può verificare un falso positivo con le soluzioni di Benedict o di Fehling o con il test al solfato di rame per il glucosio nelle urine, ma non con i test basati sulle reazioni enzimatiche della glucosio ossidasi.


04.6 Gravidanza e allattamentoIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Cefpodoxima si può prendere in gravidanza? Cefpodoxima si può prendere durante l'allattamento?

Non sono disponibili dati clinici relativi a gravidanze esposte a cefpodoxima proxetil. Gli studi sull’animale non indicano alcun effetto nocivo indiretto o diretto sulla gravidanza, sullo sviluppo embrionale/fetale, sul parto o sullo sviluppo postnatale (vedere ìl paragrafo 5.3).

Il medicinale deve essere prescritto con cautela alle donne in gravidanza.

Studi condotti su varie specie animali non hanno evidenziato alcun effetto teratogeno o fetotossico. Tuttavia la sicurezza della cefpodoxima proxetil in gravidanza non è stata stabilita e, come per tutti i farmaci, il medicinale deve essere somministrato con cautela nei primi mesi di gravidanza.

La cefpodoxima viene escreta nel latte materno. In corso di trattamento con cefpodoxima le madri devono interrompere l’allattamento al seno.


04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchineIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Posso guidare se sto prendendo Cefpodoxima? Posso fare lavori che richiedono attenzione se sto in terapia con Cefpodoxima?

La cefpodoxima proxetil esercita un’influenza da lieve a moderata sulla capacità di guidare veicoli e utilizzare macchinari.

Durante il trattamento con cefpodoxima sono stati riportati capogiri, che possono compromettere la capacità dei pazienti di guidare veicoli e utilizzare macchinari


04.8 Effetti indesideratiIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quali sono gli effetti collaterali di Cefpodoxima? Devo sospendere la terapia se ho degli effetti collaterali dovuti a Cefpodoxima?

In questo paragrafo la frequenza degli effetti indesiderati è definita come segue: Molto comuni (>1/10)

Comuni (>1/100, <1/10)

Non comuni (>1/1000, <1/100) Rari (>1/10.000, <1/1000)

Molto rari (<1/10.000), compresi i casi isolati.

All’interno di ciascuna classe di frequenza, gli effetti indesiderati sono riportati in ordine decrescente di gravità.

Patologie gastrointestinali

Comuni: tensione gastrica, nausea, vomito, dolore addominale, flatulenza, diarrea. La diarrea emorragica può essere un sintomo di enterocolite.

Se durante o dopo il trattamento insorge diarrea grave o persistente deve essere presa in considerazione la possibilità di enterocolite pseudomembranosa (vedere ìl paragrafo 4.4).

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Comuni: perdita dell’appetito.

Disturbi del sistema immunitario

Sono state osservate reazioni di ipersensibilità di ogni ordine di gravità (vedere ìl paragrafo 4.3). Non comuni: reazioni allergiche, quali reazioni mucocutanee, eruzioni cutanee, orticaria e prurito. Molto rari: reazioni cutanee con vesciche (eritema multiforme, sindrome di Stevens-Johnson, sindrome di Lyell). Se si manifestano tali sintomi il farmaco deve essere interrotto. Come con altre cefalosporine, sono pervenute segnalazioni molto rare di reazioni anafilattiche, broncospasmo, porpora e angioedema.

Patologie renali e urinarie

Molto rari: modesto aumento di azotemia e creatinina.

Patologie epatobiliari

Rari: aumento transitorio e moderato di AST, ALT e fosfatasi alcalina e/o della bilirubina. Queste anomalie di laboratorio, che possono essere giustificate dall’infezione stessa, raramente superano il doppio del limite massimo dell’intervallo di normalità, indicando un modello di danno epatico, in genere colestatico e in prevalenza asintomatico.

Molto rari: danno epatico.

Patologie del sistema emolinfopoietico

Rari: disturbi ematologici, quali riduzione dell’emoglobina, trombocitosi, trombocitopenia, leucopenia ed eosinofilia.

Molto rari: anemia emolitica.

Patologie del sistema nervoso

Non comuni: cefalea, parestesia, capogiri.

Patologie dell’orecchio e del labirinto

Non comuni: tinnito.

Infezioni ed infestazioni

Può verificarsi una moltiplicazione dei microrganismi non sensibili (vedere ìl paragrafo 4.4).

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione

Non comuni: astenia o malessere.


Links sponsorizzati

Pubblicità

04.9 SovradosaggioIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Cosa devo fare se per sbaglio ho preso una dose eccessiva di Cefpodoxima? Quali sintomi dà una dose eccessiva di Cefpodoxima?

In caso di sovradosaggio con Cefpodoxima Sandoz è indicata una terapia sintomatica e di supporto. In caso di sovradosaggio può verificarsi encefalopatia, in particolare nei pazienti con insufficienza renale. L’encefalopatia di solito è reversibile una volta diminuiti i livelli plasmatici di cefpodoxima.


05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamicheIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: A che categoria farmacologica appartiene Cefpodoxima? qual è il meccanismo di azione di Cefpodoxima?

Categoria farmacoterapeutica: antibiotici β-lattamici, cefalosporine di terza generazione. Codice ATC: J01D D13.

Meccanismo d’azione

Come altri farmaci β-lattamici, la cefpodoxima esercita la sua attività antibatterica legandosi ad alcuni specifici enzimi per la sintesi della parete cellulare batterica (nella fattispecie le proteine che legano la penicillina) e inibendo la loro azione. Questo comporta l’interruzione della biosintesi della parete cellulare (peptidoglicano), il che provoca la lisi e la morte delle cellule batteriche.

Meccanismi di resistenza

La resistenza batterica alla cefpodoxima può essere dovuta a uno o più dei seguenti meccanismi:

idrolisi da parte delle beta-lattamasi. La cefpodoxima può essere efficacemente idrolizzata da alcune beta-lattamasi a spettro esteso (ESBL) e dall’enzima codificato cromosomicamente (AmpC), che può essere indotto o stabilmente de-represso in alcune specie di batteri aerobici Gram-negativi

ridotta affinità delle proteine leganti la penicillina per la cefpodoxima

impermeabilità della membrana esterna, che limita l’accesso della cefpodoxima alle proteine leganti la penicillina negli organismi Gram-negativi

pompe di efflusso del farmaco.

Valori soglia

Secondo il NCCLS (National Committee on Clinical Laboratory Standardsomitato nazionale per gli standard dei laboratori clinici), per la cefpodoxima sono stati definiti i seguenti valori soglia:

Enterobatteriacee e Staphylococcus spp.:  2 g/ml sensibile, 4 g/ml intermedio,  8 g/ml

resistente.

Haemophilus spp.:  2 g/ml sensibile.

Neisseria gonorrhoeae:  0,5 g/ml sensibile.

Streptococcus pneumoniae:  0.5 g/ml sensibile, 1 g/ml intermedio,  2 g/ml resistente.

Altri streptococchi che sono sensibili alla penicillina (MIC90  0,12 g/ml) possono essere considerati sensibili alla cefpodoxima.

Sensibilità

La prevalenza di resistenza acquisita può variare per le specie selezionate sia dal punto di vista geografico sia da quello temporale, ed è pertanto necessario assumere informazioni locali relative alla resistenza, in particolare quando si trattano infezioni gravi. A seconda dei casi, è consigliabile ricorrere alla consulenza di esperti quando la prevalenza locale di resistenza è tale che l’utilità del farmaco si riveli dubbia, almeno in alcuni tipi di infezioni.

Specie comunemente sensibili

Microrganismi aerobi Gram-positivi

Staphylococcus aureus (sensibile alla meticillina) Stafilococchi coagulasi-negativi (sensibili alla meticillina) Streptococcus agalactiae

Streptococcus pneumoniae Streptococcus pyogenes

Microrganismi aerobi Gram-negativi

Escherichia coli Haemophilus influenzae Specie di Klebsiella Moraxella catarrhalis Neisseria gonorrhoeae Proteus mirabilis Proteus rettgeri

Anaerobi

Specie di Peptococcus Specie di Peptostreptococcus

Specie per le quali la resistenza può essere un problema

Specie di Acinetobacter Specie di Citrobacter Specie di Enterobacter Morganella morganii

Resistenti Bacteroides fragilis Clostridium difficile

Enterococchi

Listeria monocytogenes Proteus vulgaris Specie di Pseudomonas Specie di Serratia.


Links sponsorizzati

Pubblicità

05.2 Proprietà farmacocineticheIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: In quanto tempo viene assorbito dall'organismo Cefpodoxima? Per quanto tempo rimane nell'organismo Cefpodoxima? In quanto tempo Cefpodoxima viene eliminato dall'organismo?

La cefpodoxima proxetil viene assorbita nell’intestino e idrolizzata nel metabolita attivo cefpodoxima. Quando la cefpodoxima proxetil viene somministrata per via orale a digiuno sotto forma di una compressa corrispondente a 100 mg di cefpodoxima, il 51,1% viene assorbito e l’assorbimento risulta aumentato dall’assunzione di cibo. Il volume di distribuzione è 32,3 l e i livelli massimi di cefpodoxima si ottengono 2-3 ore dopo la somministrazione. La concentrazione plasmatica massima è di 1,2 mg/l e di 2,5 mg/l, dopo la somministrazione di dosi rispettivamente pari a 100 mg e 200 mg. Dopo la somministrazione di 100 e 200 mg due volte al giorno per 14,5 giorni, i parametri farmacocinetici plasmatici della cefpodoxima rimangono invariati.

Il legame della cefpodoxima alle proteine sieriche si verifica principalmente con l’albumina (40%). Questo legame è del tipo non saturabile.

Si possono ottenere concentrazioni di cefpodoxima superiori ai livelli minimi inibitori (MIC) per i patogeni comuni nel parenchima polmonare, nella mucosa bronchiale, nel liquido pleurico, nelle tonsille, nel liquido interstiziale e nei tessuti della prostata.

Studi condotti su volontari sani dimostrano che, 6-12 ore dopo la somministrazione di una singola dose di 200 mg, le concentrazioni medie di cefpodoxima nell’eiaculato totale sono superiori alla MIC90 di N. gonorrhoeae.

Poiché la maggior parte della cefpodoxima viene eliminata nelle urine, la concentrazione è elevata (le concentrazioni a intervalli di 0-4, 4-8 e 8-12 ore dopo la somministrazione di una singola dose sono superiori alla MIC90 dei comuni patogeni delle vie urinarie). Anche nel tessuto renale si osserva una buona diffusione di cefpodoxima, con concentrazioni superiori alla MIC90 dei comuni patogeni delle vie urinarie 3-12 ore dopo la somministrazione di una singola dose di 200 mg (1,6-3,1 µg/g). Le concentrazioni di cefpodoxima nei tessuti midollari e corticali sono simili.

La principale via di escrezione è quella renale: l’80% viene escreto immodificato nelle urine, con un’emivita di eliminazione di circa 2,4 ore.

Bambini

Nei bambini alcuni studi hanno dimostrato che la concentrazione plasmatica massima si verifica circa 2-4 ore dopo la somministrazione. Una singola dose di 5 mg/kg nei bambini di 4-12 anni ha prodotto una concentrazione massima simile a quella degli adulti che avevano ricevuto una dose di 200 mg.

Nei pazienti di età inferiore a 2 anni che avevano ricevuto dosi ripetute di 5 mg/kg ogni 12 ore, le concentrazioni plasmatiche medie 2 ore dopo la somministrazione erano comprese tra 2,7 mg/l (1-6 mesi) e 2,0 mg/l (7 mesi-2 anni).

Nei pazienti di età compresa tra 1 mese e 12 anni che avevano ricevuto dosi ripetute di 5 mg/kg ogni 12 ore, la concentrazione plasmatica residua allo stato stazionario era compresa tra 0,2-0,3 mg/l (1 mese-2 anni) e 0,1 mg/l (2-12 anni).


05.3 Dati preclinici di sicurezzaIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Cefpodoxima è sicuro e ben tollerato dall'organismo?

Le reazioni avverse, non osservate nel corso degli studi clinici, ma manifestatesi negli animali a livelli di esposizione simili a quelli clinici e pertanto probabilmente rilevanti dal punto di vista clinico, sono state le seguenti:

Tossicità acuta

La dose letale media nei topi e nei ratti è stata rispettivamente superiore a 8 e a 4 g/kg di peso corporeo. Nei ratti Fisher dosi di 1 g/kg di peso corporeo e superiori hanno influenzato la consistenza delle feci e l’aumento di peso. Singole dosi di 800 mg/kg non si sono rivelate tossiche nei cani.

Tossicità a dosi ripetute

Sono stati effettuati studi di tossicità cronica per oltre 12 mesi sui ratti e per 6 mesi sui cani. Le dosi massime giornaliere (1000 mg/kg per via orale nei ratti e 400 mg/kg per via orale nei cani) erano notevolmente superiori alle dosi terapeutiche raccomandate (3-8 mg/kg). Non è stata osservata mortalità nei ratti trattati con 250, 500 o 1000 mg/kg per 12 mesi. Solo a 1000 mg/kg sono stati osservati effetti sul tratto gastrointestinale, feci molli e dilatazione dell’intestino cieco. Gli effetti indesiderati intestinali, che sono stati più pronunciati nei ratti Fisher, sono dovuti alle alterazioni della flora intestinale causate dal marcato effetto antibatterico della cefpodoxima. La somministrazione quotidiana di 0, 25, 100 e 400 mg/kg nei cani non ha evidenziato mortalità. Nelle feci è stata identificata cefpodoxima in forma immodificata.

Tossicità riproduttiva

Gli studi di embriotossicità condotti su ratti e conigli non hanno evidenziato alcun segno di un potenziale teratogeno. Nei ratti, la cefpodoxima non ha avuto effetti negativi sulla fertilità né ha dimostrato alcuna tossicità peri- e postnatale. La cefpodoxima o i suoi metaboliti attraversano la placenta e vengono escreti nel latte materno dei ratti. Non è disponibile alcuna esperienza sull’uso di cefpodoxima durante la gravidanza e l’allattamento nell’uomo.

Mutagenicità

Esaurienti test di mutagenicità test effettuati in diversi modelli sono risultati negativi.


06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 EccipientiIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quali eccipienti contiene Cefpodoxima? Cefpodoxima contiene lattosio o glutine?

Saccarosio

Guar galattomannano Aspartame

Aroma arancia Sodio benzoato Sodio cloruro Acido citrico anidro Aroma limone Sorbitano trioleato Talco

Ferro ossido giallo (E172) Silicio biossido


Pubblicità

06.2 IncompatibilitàIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Cefpodoxima può essere mischiato ad altri farmaci?

Non pertinente.


06.3 Periodo di validitàIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Per quanto tempo posso conservare Cefpodoxima?

3 anni.

Dopo la preparazione la sospensione può essere conservata in frigorifero (2-8°C) per 14 giorni senza alcuna significativa perdita di efficacia.


06.4 Speciali precauzioni per la conservazioneIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Cefpodoxima va conservato in frigo o a temperatura ambiente? Una volta aperto Cefpodoxima entro quanto tempo va consumato?

Non conservare a temperatura superiore a 25°C. Tenere il flacone ben chiuso. Conservare la sospensione ricostituita a una temperatura compresa tra 2 e 8°C.


06.5 Natura e contenuto della confezioneIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: In quale tipo di contenitore viene venduto Cefpodoxima?

Flacone in vetro marrone con tappo dotato di essiccante da 50 ml, 100 ml o 2 x 100 ml. La confezione comprende una siringa da 10 ml.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.


06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazioneIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Come si usa Cefpodoxima? Dopo averlo aperto, come conservo Cefpodoxima? Come va smaltito Cefpodoxima correttamente?

Flacone in vetro marrone con tappo dotato di essiccante:

Prima di preparare la sospensione si deve rimuovere ed eliminare l’essiccante (silica gel) contenuto in una capsula all’interno del tappo. La sospensione si prepara aggiungendo acqua nel flacone fino al segno graduato e agitando accuratamente, per ottenere una diluizione uniforme della sospensione.


07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIOIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quale casa farmaceutica produce Cefpodoxima?

Sandoz Spa – Largo U. Boccioni, 1 – 21040 Origgio (VA)


08.0 NUMERI DELLE AUTORIZZAZIONI ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIOIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Con quali numeri AIFA ha autorizzato l'immissione in commercio di Cefpodoxima?

40 mg/5 ml polvere per sospensione orale 1 flacone in vetro da 50 ml - AIC n. 039962156/M

40 mg/5 ml polvere per sospensione orale 1 flacone in vetro da 100 ml - AIC n. 039962168/M

40 mg/5 ml polvere per sospensione orale 2 flaconi in vetro da 100 ml - AIC n. 039962170/M


09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE/RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONEIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quando ` stato messo in commercio per la prima volta Cefpodoxima? Quando è stata rinnovata l'autorizzazione al commercio di Cefpodoxima?

16 febbraio 2011


10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTOIndice

Questo paragrafo risponde alle domande: Quando è stato rivisto e corretto da AIFA il testo di questa scheda tecnica di Cefpodoxima?

Gennaio 2011


 

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARIIndice

Cefpodoxima san  Os Polv 100 ml   (Cefpodoxima Proxetile)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Generico Info:Prontuario terapeutico regionale ATC:J01DD13 AIC:039962168 Prezzo:8,39 Ditta: Sandoz Spa

 

 

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)Indice

 

 

 

 

Pubblicità