Pagina 1 di 1

calcolosi renale

Inviato: mer mar 01, 2006 11:10 am
da Helen
Ciao, mi chiamo Elena e sono una ragazza di 23 anni. Dopo aver avuto varie coliche ho effettuato tutti gli esami necessari (ecografia,urografia,elettrocardiogramma ecc..con esito positivo) per sottopormi a un intervento. Sono stati rilevati 2 calcoli uno nell'uretere sinistro, l'altro nel rene destro, entrambi di dimensioni di circa 6 mm. Pur avvertendomi che solo il primo è di maggiore urgenza io vorrei togliere entrambi. Mi chiedevo: quanto tempo bisogna aspettare tra un bombardamento e un altro? Basterebbe una settimana? E poi quale deve essere la dimensione minima del calcolo per poterlo bombardare? Lo chiedo perché ci sono 2 altri microcalcoli nel rene sinistro.
Grazie! Aspetto vostre notizie!

Inviato: lun mar 06, 2006 9:08 am
da Heise IT-Markt [Crawler]
I calcoli che richiedono un trattamento urologico sono generalmente quelli superiori a 5 mm. Il trattamento chirurgico a cielo aperto è limitato a meno del 5 per cento dei pazienti. Calcoli renali di 2 cm o meno e calcoli ureterali prossimali di meno di 1 cm possono essere trattati utilizzando la litotripsia renale extracorporea, mentre oltre queste dimensioni la nefrolitotomia percutanea resta la procedura di scelta. Le nuove tecniche endoscopiche sono adatte a risolvere situazioni intermedie e sono elettive per gli ostacoli ureterali distali. La litotripsia extracorporea è risolutiva nel 70-77 per cento dei pazienti (liberazione completa da calcoli o residui frammenti inferiori a 4 mm).
In caso di calcoli asintomatici e che non interesano l'uretere, l'intervento di litotripsia può essere rimandato tranquillamente. Non ci sono tuttavia limiti fissi di tempo fra un intevento e l'altro.

Ciao!