infezione ai tessuti molli del piede

Dedicato a chi ha bisogno di aiuto su argomenti di vario genere
Rispondi
franceschetti
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 2
Iscritto il: gio mar 09, 2006 6:47 pm

infezione ai tessuti molli del piede

Messaggio da franceschetti » gio mar 09, 2006 6:55 pm

Gentilissimi tutti,
vi chiedo un aiuto per capire qualcosa su un problema che riguarda mio padre, ottantenne.
Da circa 1 mese presenta il piede destro estremamente gonfio e tumefatto.
Inizialmente ha avuto la febbre per circa una settimana.
Su consiglio del medico di base è stato sottoposto ad un ecodoppler venoso: gli è stata diagnosticata una infezione ai tessuti molli del piede.
Visitato da un angiologo ha seguito una cura di 12 giorni a base di
Klacid 500 (2 al giorno) e Tavanic 500 (una al giorno)
Purtroppo la cura non ha avuto effetti di sorta.
Sono 4 giorni che è finita, il piede è sempre gonfissimo e tumefatto e lui si sente sempre più sfinito e debilitato.
Che fare?
Qualcuno può dirmi se esiste una cura più efficace?
Vi ringrazio immensamente!!
Gianni Franceschetti

Avatar utente
sanmag
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 538
Iscritto il: mer feb 05, 2003 5:45 pm

Messaggio da sanmag » ven mar 10, 2006 9:03 am

Dopo che il giustificato tentativo di terapia antibiotica ad ampio spettro sembra fallito, credo si imponga la necessità di isolare il germe responsabile dell'infezione, per poter effettuare un antibiogramma (cioè testare l'efficacia di vari antibiotici contro il germe isolato) e quindi una terapia antibiotica energica e mirata allo specifico patogeno. Le infezioni ai tessuti molli possono essere causate da numerosi patogeni, fra i quali anche germi anaerobi che comunemente non sono sensibili agli antibiotici utilizzati generalmente per le infezioni comuni.

Cordiali saluti

franceschetti
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 2
Iscritto il: gio mar 09, 2006 6:47 pm

Messaggio da franceschetti » mar mar 14, 2006 12:35 am

Grazie di cuore per la Vostra risposta!
Potreste anche consigliarmi come e dove poter effettuare il test da Voi consigliato?
Sempre grato
G. Franceschetti

Rispondi