Prescrivibilità LUCEN

Discussione, consigli e confronti per poter superare le difficolt della burocrazia sanitaria.
Rispondi
Avatar utente
sanmag
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 538
Iscritto il: mer feb 05, 2003 5:45 pm

Prescrivibilità LUCEN

Messaggio da sanmag » ven mag 07, 2004 10:25 am

Renzo ci scrive:

<blockquote id="quote"><font size="1" face="Verdana, Arial, Helvetica" id="quote">quote:<hr height="1" noshade id="quote">

Mia moglie soffre da 20 anni di LES ( Lupus Eritematoso Sistemico) che da
allora cura con cortisone ( Deltacortene) e immunosoppressori (
Azatioprina)
Ha una invalidita del 67% che Le da diritto all'esenzione ( tessere nr
29177250 nr malattia 50)
La cura le ha sempre procurato inappetenza ,gonfiore di stomaco e vari
problemi gastrici che sono spariti dopo che il gastroenterologo Le ha
prescritto il LUCEN da 20mg. Da quel momento la qualità della vita è
migliorata sensibilmente e penso sia la cosa fondamentale per chi deve
convivere (e sopravvivere ) con una malattia cronica invalidante. Il medico
curante da circa un anno non prescrive il farmaco asserendo che non è
prescrivibile se non dopo una gastroscopia. In ogni caso la prescrizione è
solo per il periodo di cura ( 1-2 mesi) mentre l'ASL di competenza dichiara
che la prescrizione è "a discrezione" del medico curante.
Da un anno spendiamo oltre 40 euro al mese per poter continuare la cura.
Gradirei da Voi sapere cosa devo fare e/o dove devo rivolgermi per avere la
possibilità della prescrizione sotto esenzione .
Per mia moglie non è un medicinale di cura temporanea ma dovrà assumerlo
per tutta la vita visto che di LES non si guarisce e le uniche cure attuali
sono il cortisone e gli immunosoppressori.

Rimango in attesa Vs gentile risposta
Distinti saluti.


<hr height="1" noshade id="quote"></blockquote id="quote"></font id="quote">

Avatar utente
sanmag
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 538
Iscritto il: mer feb 05, 2003 5:45 pm

Messaggio da sanmag » ven mag 07, 2004 10:26 am

cercherò per quanto possibile di chiarirle il quadro della situazione.
Innanzitutto non è affatto vero che la prescrizione sia "a discrezione" del
medico curante. Il medico è obbligato a prescrivere a norma di legge: non
può decidere arbitrariamente, ma deve seguire ed applicare la normativa
vigente.
La normativa sulla ricettazione è piuttosto complessa (numero di pezzi per
ricetta, ricetta ripetibile, non ripetibile ecc ecc) ma per quanto concerne
il suo problema i punti importanti della vigente legislazione sono due.
Il primo punto (spesso disatteso da molti medici) è che un farmaco può
essere prescritto solamente per le indicazioni contenute nella Scheda
Tecnica depositata dalla Casa Farmaceutica presso il Ministero della Salute.
Il secondo punto è che quando un farmaco è rimborsabile secondo una "NOTA
CUF" (CUF= Commissione Unica del Farmaco), può essere prescritto in regime
di rimborsabilità solamente nelle patologie espressamente elencate nella
suddetta Nota.

Questo premesso, veniamo a considerare il farmaco in questione. Il Lucen
(Esomeprazolo) è un farmaco appartenente alla classe degli "Inibitori di
Pompa Protonica (PPI)" insieme ad omeprazolo, lansoprazolo, pantoprazolo,
rabeprazolo ecc. ecc.

Le indicazioni ministeriali per il Lucen sono:

===========================================================
Malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE)

- trattamento dell'esofagite da reflusso erosiva

- trattamento di mantenimento a lungo termine per la prevenzione delle
recidive nei pazienti in cui si è ottenuta la cicatrizzazione dell'esofagite

- trattamento sintomatico della malattia da reflusso gastroesofageo
(MRGE)

In associazione ad antibatterici in un appropriato regime terapeutico per l'
eradicazione dell'Helicobacter pylori e

- guarigione dell'ulcera duodenale associata a Helicobacter pylori e

- prevenzione delle recidive delle ulcere peptiche nei pazienti con
ulcere associate aHelicobacter pylori .

============================================================

Per l' esomeprazolo (Lucen) quindi non è prevista la possibilità di
prescrizione (nè in regime di rimborsabilità nè in regime privato) per la
prevenzione di ulcere da FANS (farmaci antinfiammatori non steoidei), che
invece è prevista per altri farmaci dello stesso gruppo (omeprazolo e
lansoprazolo). Omeprazolo e lansoprazolo hanno infatti queste indicazioni:

Trattamento a breve termine di ulcere duodenali, ulcere gastriche ed
esofagite da reflusso. Sindrome di Zollinger Ellison. Malattia da reflusso
gastro-esofageo (GERD).

Terapia di mantenimento nella Sindrome di Zollinger Ellison ; ulcera
duodenale o gastrica recidivante; malattie da reflusso gastro-esofageo.

Trattamento dell'ulcera peptica quando associata ad infezione da
Helicobacter pylori.

Trattamento e prevenzione delle ulcere gastriche benigne e delle ulcere
duodenali associate all'uso di FANS.

Trattamento della dispepsia funzionale non ulcerosa


Per quello poi che riguarda le Note CUF, questa categoria di farmaci è
soggetta a 2 note fondamentali: la nota 48 e la nota 1.
La nota 48 non si applica al caso di sua moglie in quanto riguarda la
rimborsabilità per la malattia da reflusso gastroesofageo e per le ulcere.
Per completezza tuttavia gliela riporto qui di seguito:

<< NOTA 48 >>

Classe A, (cioè gratuito) limitatamente ai seguenti periodi di trattamento e
alle seguenti indicazioni:

- durata di trattamento 4 settimane (occasionalmente 6 settimane): ulcera
duodenale o gastrica positive per Helicobacter pylori; per la prima o le
prime due settimane in associazione con farmaci eradicanti l'infezione;
ulcera duodenale o gastrica Helicobacter pylori-negativa (primo episodio);
malattia da reflusso gastroesofageo con o senza esofagite (primo episodio);

- durata di trattamento prolungata, fino a un anno: sindrome di
Zollinger-Ellison; ulcera duodenale o gastrica Helicobacter pylori-negativa
recidivante; malattia da reflusso gastroesofageo con o senza esofagite
(recidivante).

Principi attivi (secondo le indicazioni autorizzate - vedi scheda tecnica):
Cimetidina; Famotidina; Lansoprazolo; Nizatidina; Omeprazolo; Pantoprazolo;
Rabeprazolo; Ranitidina; Roxatidina.

Motivazioni e criteri applicativi
L'ulcera duodenale è associata a infezione da Helicobacter pylori (Hp) nel
90-95% dei casi e l'ulcera gastrica nel 75-85%.
E' stato dimostrato da numerosi trial randomizzati e da meta-analisi che
l'eradicazione dell'infezione previene le recidive dell'ulcera, riducendole
al 5-10% o meno.

Potrebbe invece essrere applicabile nel caso di sua moglie la Nota 1 che
prevede il regime di dispensazione gratuito (solamente di Misoprostolo,
Omeprazolo e Lansoprazolo) nel caso di terapia con farmaci antinfiammatori
NON cortisonici (aspirina, voltaren, orudis, naprosin feldene ecc ecc)
CONTEMPORANEAMENTE alla terapia con cortisone, oppure nel caso di terapia
con farmaci antinfiammatori NON cortisonici in pazienti
ultrasessantacinquenni (non mi ha specificato l'età di sua moglie):

<< NOTA 01 >>

Classe A, limitatamente alla seguente indicazione:
- prevenzione delle emorragie del tratto gastrointestinale superiore nei
soggetti a rischio in trattamento cronico con farmaci antinfiammatori non
steroidei (FANS) non selettivi.
Principi attivi (secondo le indicazioni autorizzate - vedi scheda tecnica):
SOLAMENTE: Misoprostolo; Lansoprazolo; Omeprazolo.

Motivazioni e criteri applicativi
Si considerano soggetti a rischio:
- gli ultrasessantacinquenni;
- pazienti con storia documentata di ulcera peptica, non guarita con terapia
eradicante, o con storia di pregresse emorragie digestive;
- pazienti in concomitante terapia con anticoagulanti o con cortisonici.

IN CONCLUSIONE:
A sua moglie non può essere prescritto il Lucen nè in regime di rimborso nè
a pagamento. Potrebbero invece essere prescritti farmaci del tutto simili e
di efficacia identica (omeprazolo e lansoprazolo), ma solamente nel caso in
cui CONTEMPORANEAMENTE al cortisone sua moglie facesse uso di farmaci
antinfiammatori non steroidei (FANS).

Spero di esserle stato di aiuto,

Cordiali saluti,

Rispondi