Amitriptilina ed emicrania

Forum di discussione sui nostri problemi sanitari. Il confronto e l'incontro con altri che possono essere nelle nostre stesse condizioni ci puo' aiutare a capire meglio e a superare i dubbi e le difficolta'.

Rispondi
Federico
6 Stelle
6 Stelle
Messaggi: 143
Iscritto il: mar gen 02, 2007 8:35 pm

Amitriptilina ed emicrania

Messaggio da Federico » mar gen 02, 2007 6:39 pm

Salve a tutti,
sono un ragazzo di 16 anni che soffre di mal d testa da qnd ne aveva 8. sono stato dal neurologo del mio ospedale che mi ha diagnosticato un'emicrania a crisi trisettimanali senza aura..Per il trattamento di profilassico della stessa mi ha dato da prendere 5gtt di laroxyl(amitriptilina) x giorno alla sera, e nel caso in cui abbia l'emicrania posso prendere un qualsiasi antidolorifico o meglio ancora quello che mi ha dato lui cioè un antagonista selettivo dei ricettori 5HT1 (tripatani). Ora a parere dei medici è normale che sia prevista la cura profilassica con un antidepressivo triciclico??
Aspetto vostre risposte..

Heise IT-Markt [Crawler]

Messaggio da Heise IT-Markt [Crawler] » mer gen 03, 2007 3:42 pm

Se hai 3 crisi di emicrania a settimana, la profilassi della crisi è sicuramente indicata. Esistono vari farmaci con dimostrata attività profilattica, la cui efficacia deve essere provata a dosaggi idonei e per periodi sufficientemente lunghi prima che uno di essi venga sostituito con un altro (beta-bloccanti, che bloccano i ricettori dell'adrenalina che intermedia le reazioni di stress: metoprololo, propranololo; antagonisti del calcio, che influenzano l'attività della muscolatura vascolare: flunarizina, verapamil; sostanze che stabilizzano le proprietà elettriche delle membrane delle cellule nervose come gli antiepilettici: acido valproico, gabapentina e topiramato; antidepressivi, che modificano l'attività di vari neurotrasmettitori: <b>amitriptilina</b>, fluoxetina, paroxetina, sertralina). La terapia profilattica deve essere seguita per periodi protratti, per cui è particolarmente importante valutare i possibili effetti collaterali. Inoltre, non essendo possibile prevedere quale farmaco e quale dosaggio siano più efficaci per ognuno, è necessario un adeguamento individuale di questa terapia.

Ciao ed in bocca al lupo!

Rispondi