Parere

Forum di discussione sui nostri problemi sanitari. Il confronto e l'incontro con altri che possono essere nelle nostre stesse condizioni ci puo' aiutare a capire meglio e a superare i dubbi e le difficolta'.

Rispondi
aldebaran
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 4
Iscritto il: lun mar 26, 2007 2:37 pm

Parere

Messaggio da aldebaran » lun mar 26, 2007 2:04 pm

Salve,
ho bisogno di qualche chiarimento xché non ci sto capendo più niente. La mia mamma è stata operata due anni fa, 23 febbraio 2005, di un adenocarcinoma endometriale, stadio IIB, annessi cutanei, linfonodi e washing peritoneale negativi. La terapia adiuvante indicata è stata la radioterapia. Prima di partire hanno effettuato alcuni esami di controllo, clisma opaco e TAC addominale. La TAC, effettuata nei primi di aprile, indicava la presenza di una lesione epatica sospetta. In radioterapia non erano convinti, quindi a distanza di un mese è stata ripetuta un'altra TAC: la lesione non era aumentata, quindi decidono di partire con la radioterapia. A questo punto siamo a settembre 2005:inizia il follow-up. La TAC viene ripetuta:la lesione al fegato è sempre uguale, ed i marker sono nella norma. Ad ottobre viene effettuata RM con lo stesso risultato dei precedenti esami, ma non si riesce a capire che cosa sia. Di nuovo TAC a gennaio 2006 e la lesione è sempre uguale. A febbraio andiamo da un ecografo che, oltre a confermare la stabilità della lesione, pronuncia un'ipotesi di angioma. E così andiamo avanti fino a novembre 2006, quando il Ca 125 passa da 21 a 32 (la lesione è stabile). I medici decidono di ripetere l'analisi del Ca verso gennaio 2007: è andato a 61. A questo punto siamo un po' in allarme: viene fatta la PET che evidenzia captazione a livello del fegato, ma lì sappiamo che c'è questa lesione stabile da quasi due anni, quindi siamo abbastanza tranquilli. Comunque viene decisa una biopsia, effettuata il 16 marzo scorso. Beh, morale della favola, sembra che il rusultato non sia buono! Ancora non ho il referto vero e proprio, ma ho già parlato con il medico che ha effettuato la biopsia e che da oltre un anno ci dice che si tratta di un'angioma. A questo punto mi chiedo come sia possibile che una lesione maligna al fegato sia stata ferma per così tanto tempo. E' possibile che la biopsia sia sbagliata? Inoltre, in tutto questo tempo, la mia mamma è stata bene, a parte gli effetti intestinali della radioterapia.
Per favore, spiegatemi cosa può essere successo xché ancora non me ne capacito. Scusatemi se sono stata prolissa, ma la cosa si trascina da due anni e c'era un po' da raccontare...
Grazie

ros
1 Stella
1 Stella
Messaggi: 10
Iscritto il: lun mar 26, 2007 2:47 pm

Messaggio da ros » lun mar 26, 2007 2:22 pm

E' una situazione un po' strana.Di solito gli angiomi si vedono benissimo con la tac e facendo la pet (con il contrasto) ti dovrebbero dire subito se si tratta di tumore...certo,la biopsia è ancora + sicura perchè analizza il tessuto. Ma di solito un tumore non se ne sta fermo per 2 anni. Spero la biopsia sia sbagliata e non ci sia niente di grave.ciao

aldebaran
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 4
Iscritto il: lun mar 26, 2007 2:37 pm

Messaggio da aldebaran » lun mar 26, 2007 2:35 pm

Anch'io sono stata sempre convinta che una metastasi epatica non stia ferma, ma la biopsia mi ha lasciato senza parole.... Ma è davvero possibile che si tratti di un falso positivo? E poi anche il marker non riesco a spiegarmelo..
Grazie per il sostegno, ne ho bisogno.

ros
1 Stella
1 Stella
Messaggi: 10
Iscritto il: lun mar 26, 2007 2:47 pm

Messaggio da ros » lun mar 26, 2007 2:42 pm

...a meno che le "macchie" fossero state di origine tumorale... e la radioterapia ha fermato l'eventuale crescita evitando anche la metastasi in altre parti del corpo...

aldebaran
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 4
Iscritto il: lun mar 26, 2007 2:37 pm

Messaggio da aldebaran » lun mar 26, 2007 2:51 pm

Di sicuro non hanno fatto alcuna radioterapia al fegato, ma solo nella zona pelvica, quindi la lesione non è mai stata trattata.

ros
1 Stella
1 Stella
Messaggi: 10
Iscritto il: lun mar 26, 2007 2:47 pm

Messaggio da ros » lun mar 26, 2007 3:01 pm

per esperienza personale ti posso dire che senza protezioni quando fai la radioterapia i raggi possono arrivare anche ad altri organi

aldebaran
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 4
Iscritto il: lun mar 26, 2007 2:37 pm

Messaggio da aldebaran » lun mar 26, 2007 3:10 pm

già, infatti l'intestino è devastato... xrò è comunque strano che da aprile a maggio, quindi senza radioterapia, quella "cosa" non si è mossa..e credo che questo sia stato il pensiero dei radioterapisti xché se fosse stata una metastasi qualcosa avrebbe dovuto fare..

Rispondi