Miodesopsie o Floaters

Forum di discussione sui nostri problemi sanitari. Il confronto e l'incontro con altri che possono essere nelle nostre stesse condizioni ci puo' aiutare a capire meglio e a superare i dubbi e le difficolta'.

Rispondi
Heise IT-Markt [Crawler]

Miodesopsie o Floaters

Messaggio da Heise IT-Markt [Crawler] » gio giu 24, 2004 1:48 pm

Fabio ci scrive:

<blockquote id="quote"><font size="1" face="Verdana, Arial, Helvetica" id="quote">quote:<hr height="1" noshade id="quote">
Da sei mesi sono affetto da miodesopsie (floaters) è un problema che mi fa impazzire.

Le miodesopsie sono degli addensamenti del corpo vitreo dell'occhio che procurano
la visione di macchie serpenti neri attorciliati e altre schifezze sempre in primo piano sull'occhio.

La medina ufficiale non fa (non vuole) far nulla ma, siamo veramente in tanti a soffrire di questo problema.

Sono disperato. Ho bisogno di sapere due cose:

- Composizione chimica del vitreo
- Composizione chimica dei floaters o miodesopsie
Mi potete aiutare?

Non buttate questo messaggio è molto importante trovare qualcosa che aiuti a guarire o a star meglio.
Perlatene Vi Prego.

<hr height="1" noshade id="quote"></blockquote id="quote"></font id="quote">

Heise IT-Markt [Crawler]

Messaggio da Heise IT-Markt [Crawler] » gio giu 24, 2004 1:48 pm

Caro Fabio,

Le miodesopsie, più comunemente note come "corpi mobili del vitreo" (in inglese "floaters") o "mosche volanti" sono delle macchie scure di varia forma e dimensione che compaiono nel "visus", cioè nella visione, disturbandola talvolta al punto da coprire quasi l'intero campo visivo.
Esse sono causate dalla denaturazione (ovvero precipitazione) ossidativa di proteine presenti abitualmente nel corpo vitreo che in tal modo vanno a formare agglomerati di varie forme e dimensioni.
Il Corpo Vitreo è una massa trasparente e gelatinosa composta chimicamente da fibrille di collagene ed acido ialuronico normalmente limpida in condizioni ottimali, e permette ai raggi luminosi, provenienti dall'esterno, di raggiungere la retina. Tale struttura riempie la cavità del bulbo oculare e cioè quella zona situata tra la superficie posteriore del cristallino e la membrana retinica. Ha una principale duplice funzione: mantenere la sfericità del bulbo oculare e proteggerlo da eventuali traumi da impatto.
Le miodesopsie fluttuano liberamente nel vitreo ad ogni movimento degli occhi, e il disagio per chi ne è affetto può essere talvolta veramente invalidante, giacchè queste opacità sono visibili in qualsiasi condizione di luce e, spesso, anche ad occhi chiusi. La luce diurna soprattutto, le pareti bianche, le pagine di un libro, lo schermo di un terminale, peggiorano enormemente la situazione.
Spesso, i corpi mobili vitreali, sono visibili anche in condizione di luce scarsa e sono un reale problema per chi guida.
Purtroppo al momento non mi risulta che esista una cura nè sono a conoscenza di studi scientifici o progetti di ricerca sull'argomento.
Sarebbe comunque interessante conoscere almento l'entità epidemiologica del fenomeno ed inviterei quindi i pazienti che ne sono affetti, a parlarne, perchè no, anche nel nostro forum.

Spero di esserti stato utile!

Saluti!

Rispondi