ANSIA

Forum di discussione sui nostri problemi sanitari. Il confronto e l'incontro con altri che possono essere nelle nostre stesse condizioni ci puo' aiutare a capire meglio e a superare i dubbi e le difficolta'.

Rispondi
mpsint
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 6
Iscritto il: gio set 23, 2004 9:44 am

ANSIA

Messaggio da mpsint » lun set 27, 2004 10:22 am

Caro dottore,
le scrive per un consulto.
Tutto è comonciato da quest'estate. Primo giorno arrivo al mare e comincio ad avere la diarrea. Passa ma ricompare circa ogni 2/3 giorni fino alla fine delle vacanze tanto che ormai mi era venuta la fobia di uscire di casa. Speravo nel ritorno a milano ma arrivata qui la diarrea era scomparsa anche se io continuavo ada avere paura di uscire di casa nell'eventualità di stare male fuori di casa. Vado dal mio medico, faccio esami completi sangue urine feci ma nulla anzi tutto più che perfetto. Allora spiego questo stato di ansia che diventa quasi panico quando finisco in una coda in macchina oppure le mie attività fuori di casa si prolungano, panico dovuto sempre alla paura di stare male di pancia (almeno così la vivo al momento). Il mio medico mi fa fare un consulto da uno psichiatra del centro di ansia, ma quest'ultimo mi ascolta pochi minuti e mi prescrive subito: XANAX 0.25 3 volte al giorno e CITRALOPRAM 1 volta al giorno e ritorni dopo 40 gg.
Rimango in dubbio e mi rivolgo ancora al mio medico che mi dice di rivolgermi ad un centro: ICARO 2000 della mia città dove vedo una psicoterapeuta che mi ascolta per più di un ora e poi mi consiglia di fare sedute settimanali senza medicinali o solo prendendo XANAX (se voglio) sotto controllo del mio medico.
Faccio così anche perchè ho 2 bambini e questo stato di ansia che mi travolge non mi permette di uscire di frequente come la loro gestione invece richiede.
Però rimango col dubbio su cosa fare per vivere meglio. E la pancia sempre in movimento sarà ansia? Spero in una sua risposta.
Grazie

Heise IT-Markt [Crawler]

Messaggio da Heise IT-Markt [Crawler] » dom ott 03, 2004 3:55 pm

Il colon irritabile ad impronta diarroica è una tipica somatizzazione di ansia; però bisogna considerare che è quasi sempre una diagnosi "di esclusione": cioè di fronte ad una diarrea cronica, si fà diagnosi di colon irritabile quando ogni altra possibile causa sia stata esclusa. Hai detto di aver fatto esami del sangue, delle urine e delle feci, ma che tipo di esami del sangue? Per esempio, è stata studiata bene la tiroide con FT3, FT4, TSH, Anti TPO, Anti TG?
L' esame parassitologico delle feci l'hai fatto almeno 3 volte?
Se veramente tutto è negativa e quindi la diagnosi è effettivamente quella di colite ansiosa (colon irritabile), con la terapia con benzodiazepine (Xanax) starai certamente meglio. Però la terapia benzodiazepinica non puoi proseguirla indefinitamente (può dare assuefazione e modica dipendenza dopo più di 6 mesi di terapia a dosaggio pieno) mentre il colon irritabile è una malattia cronica che ti porterai per tuta la vita. Dovrai imparare a conviverci anche utilizzando a cicli dei farmaci che regolarizzano la motilità intestinale (ad esempio Debridat, Valpinax ecc ecc) e che puoi prendere tranquillamente anche per lunghi periodi. Parlane al tuo medico.

Ciao!

mpsint
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 6
Iscritto il: gio set 23, 2004 9:44 am

Messaggio da mpsint » lun ott 04, 2004 7:54 am

Grazie mille per la risposta. Volevo precisare che dopo l'episodio estivo di ca. 1 mese, ora non soffro più di diarrea, invece è rimasta la paura di uscire di casa per tempi prolungati, di andare in posti non conosciuti e la cosa più assurda di dover andare ad un appuntamento. Se improvvisamente devo andare da qualche parte va meglio, ma se la cosa è programmata, ecco comparire uno stato ansioso forte accompagnato da paura. Riesco a spiegarmi che non potrà succedere niente di particolare ma non riesco a controllare gli stati ansiosi. Questa cosa mi sta rendendo la vita abbastanza difficile perchè non riesco più a programmare una gita con i miei figli, un pomeriggio all'aperto in un parco ecc.ecc. La cosa assurda è che la paura la giustifico (forse in maniera inconscia) con la possibilità di stare male "di pancia".
Ho anche il Valpinax, ma in che maniera dovrebbe agire?
Grazie ancora per la risposta e buona settimana lavorativa.

Rispondi