...Aiuto se la dose di Lorazepam non mi basta piu?

Forum di discussione sui nostri problemi sanitari. Il confronto e l'incontro con altri che possono essere nelle nostre stesse condizioni ci puo' aiutare a capire meglio e a superare i dubbi e le difficolta'.

Rispondi
massimo63
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 5
Iscritto il: ven nov 05, 2004 11:00 am

...Aiuto se la dose di Lorazepam non mi basta piu?

Messaggio da massimo63 » ven nov 05, 2004 9:21 am

Gent.mi tutti
se qualcuno mi puo' aiutare perche' sono veramente sul quasi disperato.
Mia madre eta 76 anni affetta da morbo di padget localizzato al cervello e operata di idrocefalo; da tre mesi a questa parte di notte ha stati d'ansia acuti e praticamete dice tutte frasi sconnesse e NON DORME e di conseguensa il giorno dopo e come un automa..per farla dormire ho cominciato tre mesi fa con 1 mg di LORAZEPAM dopo 2 mesi e' diventato insufficiente e sono passato a 2 mg (alla sera prima di andare a letto) tutto bene per un altro mese e adesso comincia ad essere insufficiente anche quello ..la dose massima e 'di 2,5mg cosa faccio se anche i 2,5 mg non mi bastano piu'??? premetto che se non prende ogni sera questo ansiolitico-sedativo di notte .E' VERAMENTE MEGLIO NON ESSERCI con la conseguenza che lei soffre da matti e noi piu' di lei.
Tutte le analisi che ha fatto TAC ecc ecc.neurologo e endocrinologo sono tutte ok.
SE qualcuno mi puo' dire una parola a riguardo
LO RINGRAZIO TANTISSIMO
Massimo Gastaldello

Heise IT-Markt [Crawler]

Messaggio da Heise IT-Markt [Crawler] » ven nov 05, 2004 9:56 am

Caro Massimo, purtroppo è una caratteristica tipica delle benzodiazepine (categoria farmacologica di cui il Lexotan fa parte) quella di dare assuefazione , cioè di richiedere dosi sempre maggiori per ottenere lo stesso risultato. Fra l'altro spesso nel paziente anziano le benzodiazepine danno un effetto"paradosso" cioè anzichè sedare, stimolano.
Per questi motivi in genere per sedare gli stati di agitazione negli anziani si ricorre ad associazioni di piccole dosi di farmaci diversi (si possono usare con successo associazioni di benzodiazepine, antipsicotici come Haldol o Serenase, ed antistaminici come il Fargan in compresse che come effetto collaterale hanno l'induzione del sonno).
E' necessario però che tali farmaci siano somministrati sotto il controllo medico. Ti consiglierei di rivolgerti ad un Geriatra che ha sicuramente ampia esperienza in questo campo oppure, in alternativa, ad un Neuropsichiatra che, pur non avendo esperienza specifica nella cura degli anziani, conosce bene le caratteristiche dei farmaci in questione.

Saluti!

massimo63
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 5
Iscritto il: ven nov 05, 2004 11:00 am

Messaggio da massimo63 » ven nov 05, 2004 10:02 am

1000 grazie per la risposta .
Grazie ancora Massimo Gastaldello

Rispondi