Confusione

Forum di discussione sui nostri problemi sanitari. Il confronto e l'incontro con altri che possono essere nelle nostre stesse condizioni ci puo' aiutare a capire meglio e a superare i dubbi e le difficolta'.

Rispondi
Heise IT-Markt [Crawler]

Confusione

Messaggio da Heise IT-Markt [Crawler] » lun feb 09, 2004 8:34 am

Raffaella ci scrive:

<blockquote id="quote"><font size="1" face="Verdana, Arial, Helvetica" id="quote">quote:<hr height="1" noshade id="quote">
Tre anni fà è iniziato il mio calvario.

Problemi intestinali ( diarrea, nausea, inappettenza)
Primi accertamenti tra cui colonscopia, gastroscopia, ecografia, esami sangue, tutti nella norma.
Successivamente una ecografia evidenziava la comparsa di una lesione epatica ( angioma?) e N.S.E. mosso ( 18 )
Ipotesi carcinoide ? Tumore neuroendocrino ?
N.S.E. è sempre mosso ( 21-24-28-22-18-28 )
Un ecografia evidenziava epatopatia aspecifica, minute lesione epatiche ( la più grande circa cm 1,5 ) e adenopatia all' ilo epatico
angiomi ( ? ) al rene dx e sx.
Scintigrafia scheletrica: accumolo di tracciante branca superiore del pube destroeseguita 1 anno fà.
aumento degli esami immunologici ANCA C ( 74 ) e ASCA ( 33 )
Scintigrafia octreoscan negativaeseguita due anni fà.
Risonanza alla colonna vertebrale: ernie cervicali.
La situazione è peggiorata, sono comparsi dolori diffusi e intensi ( gambe spalle schiena ) giorno e notte.
Astenia importante e calo di peso, comparsa di echimosi su gambe e braccia spontanee.

In tutta questa confusione nessuno ha saputo darmi una risposta ne tantomeno una terapia per aiutarmi.
Dopo tre anni la mia situazione è soltanto peggiorata e non sò più cosa fare, continuo a sopportare ingiustamente dolori.

Grazie Raffaella


<hr height="1" noshade id="quote"></blockquote id="quote"></font id="quote">

Heise IT-Markt [Crawler]

Messaggio da Heise IT-Markt [Crawler] » lun feb 09, 2004 8:35 am

Cara Raffaella,

sai bene che non è possibile fare una diagnosi a distanza, senza conoscere il paziente né tutti i dati clinici.
Spero tuttavia di poterti dare alcuni chiarimenti.
Innanzitutto, la NSE (Enolasi Neurono-Specifica) è un marker tumorale prevalentemente per il Microcitoma polmonare (Tumore Polmonare a Piccole Cellule), del neuroblastoma (tumore tipico dell'infanzia) e in casi più rari di melanoma e carcinoide. Devi però considerare che comunque col solo valore dell' NSE non si può fare nessuna diagnosi: infatti, anche nel tumore in cui l' NSE è più frequentemente aumentato (il microcitoma), la sua sensibilità (rapportata al cut-off del 95% stabilito da una "Consensus Conference") è intorno al 52 %. Nei carcinoidi l' NSE è aumentato nel 38 % dei casi e nei melanomi dall' 8% al 33%. Di gran lunga più sensibile nella diagnosi dei carcinoidi è la Cromogranina A (positiva nel 70 % dei casi), ma non so' se nel tuo caso sia stato eseguito il dosaggio.
Per quanto riguarda gli C-ANCA (Anticorpi Anticitroplasme dei Neutrofili) e gli ASCA (Anticorpi Anti Saccaromyces Cerevisiae), sono utili nella diagnosi di Colite Ulcerosa il primo e di Morbo di Chron il secondo. Tuttavia si è visto che la loro presenza non è secondaria alla malattia e che sono presenti anche in familiari sani di malati: si è quindi concluso che la loro presenza non indichi malattia ma "predisposizione" alla malattia. D'altro canto sono invece molto utili nella diagnosi differenziale fra le due malattie una volta dimostrate lesioni intestinali istologiche.

Alla luce di quanto sopra, non posso certamente darti risposte esaurienti e definitive, però sarà sicuramente necessario continuare gli accertamenti, sotto la guida del tuo medico, magari ripetendo la colonscopia (se l'ultima è stata fatta 3 anni fa) nell'ipotesi di malattie infiammatoire intestinali (Morbo di Chron e Colite Ulcerosa) in cui spesso sono presenti dolori articolari fino a vere e proprie forme di artrite, programmando una TAC polmonare con mezzo di contrasto (se non è stata ancora fatta) anche se il microcitoma polmonare è un tumore a crescita rapida e dopo 3 anni avrebbe dato ben altri segni e non escludendo il dosaggio di Anticorpi anti-transglutaminasi, anti-gliadina ed anti-endomisio per il morbo celiaco e magari una gastroscopia con biopsia dei villi duodenali.

In ultimo un consiglio in generale: affidati al tuo medico curante, non c'è nessuno che conosce il tuo caso meglio di lui.

Cari saluti,

Rispondi