vitamina k

Tutto quello che riguarda le diete: dimagranti, ingrassanti, speciali per varie patologie.
Rispondi
michela67
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 1
Iscritto il: sab feb 26, 2005 3:36 pm

vitamina k

Messaggio da michela67 » sab feb 26, 2005 3:41 pm

vorrei sapere dove posso trovare una tabella con indicata la quantità di vitamina k nei vari alimenti,mi serve per mia zia che assume anticoalgulanti grazie michela

franc
3 Stelle 1/2
3 Stelle 1/2
Messaggi: 66
Iscritto il: lun set 13, 2004 10:07 pm

Messaggio da franc » mer apr 06, 2005 12:15 am

gli alimenti più ricchi di vit K sono:
gli spinaci, il cavolo, il cavolfiore, i piselli, le foglie di tè verde, il tuorlo dell'uovo, l'olio di soia e il fegato(soprattutto di pesce).
se non basta, guardi su internet, c'è veramente di tutto!
saluti

antifra
6 Stelle
6 Stelle
Messaggi: 353
Iscritto il: ven ott 29, 2004 12:39 pm

Messaggio da antifra » mer apr 06, 2005 6:32 pm

cara amica ti allega un prospetto completo della vit. K
VITAMINA K
La vitamina K ha azione antiemorragica, favorendo la produzione dei fattori di coagulazione da parte del fegato



CHE COS'E'
Con il termine di vitamina K viene indicato un numero elevato di sostanze naturali e/o sintetiche contenenti la molecola 2-metil-1,4-naftochinone. Le principali vitamine presenti in natura sono la K1, la forma prevalente nella dieta, e la K2 (menachinoni). La vitamina K1 è sintetizzata dalle piante verdi mentre la vitamina K2 è sintetizzata da alcuni batteri. La vitamina K ha attività antiemorragica e favorisce la coagulazione del sangue.
FONTI ALIMENTARI
Ne sono ricchi gli ortaggi a foglia verde (spinaci, lattuga, broccoli e cavoli), mentre quantità meno rilevanti si trovano nei cereali, nella carne e nei prodotti lattiero caseari.
FABBISOGNO
Non è facile determinare il fabbisogno di vitamina K, il LARN ne raccomanda un apporto minimo di 1 microgrammo/giorno di peso corporeo, apporto che è normalmente fornito da una normale dieta mista.
CARENZE
La carenza di vitamina K non è frequente in quanto l'uomo, oltre a introdurla con gli alimenti, la sintetizza nell'intestino a opera di batteri ivi presenti. Le principali cause di carenza sono da imputarsi alla somministrazione di farmaci (sulfamidici, antibiotici) aventi la capacità di interferire con i batteri intestinali e a un inadeguato assorbimento intestinale, come può verificarsi per assenza di bile o in altre situazioni di cattivo assorbimento dei lipidi. La deficienza di vitamina K determina una sindrome emorragica a cause dell'inadeguata sintesi dei fattori della coagulazione del sangue. I segni clinici vanno da lievi ecchimosi a emorragie, anche fatali. I primi sintomi sono l'allungamento dei tempi di coagulazione.
Spero aver esaudito le tue incertezze.
Ti saluto

Rispondi