Infertilità

Forum di discussione sui nostri problemi sanitari. Il confronto e l'incontro con altri che possono essere nelle nostre stesse condizioni ci puo' aiutare a capire meglio e a superare i dubbi e le difficolta'.

Rispondi
guest1
1 Stella
1 Stella
Messaggi: 11
Iscritto il: mer feb 05, 2003 7:00 pm

Infertilità

Messaggio da guest1 » lun mar 08, 2004 7:41 am

Sara ci scrive:
<blockquote id="quote"><font size="1" face="Verdana, Arial, Helvetica" id="quote">quote:<hr height="1" noshade id="quote">

ho visitato il vostro sito e vorrei ringraziarvi per la vostra disponibilità.
Sono una ragazza di 27 anni e da un anno e mezzo io e mio marito stiamo cercando di avere un bambino ma purtroppo senza risultati, ho preso la pillola (diane) per parecchi anni e ad ottobre del 2002 ho smesso di prenderla per provare ad avere un bambino, a gennaio del 2003 ho avuto un emorragia e dal momento che mi sono fatta visitare tardi da un medico non ho saputo se era un aborto spontaneo o semplicemente dovuta alla sospensione della pillola, il ginecologo da cui mi sono recata mi ha detto che va tutto bene a parte un aspetto multifollicolare delle ovaie, ma mi ha detto che non c'erano problemi, mi ha dato da prendere il dufaston sia per aiutare l'ovulazione che per regolare il ciclo, mi ha detto di prenderlo una volta al giorno dalla 17° giornata per dieci giorni per tutti i mesi, lo prendo ormai da gennaio del 2003 ma ancora niente, nonostante abbiamo rapporti liberi non riesco a rimanere incinta, a questo punto ho pensato o che il dufaston non sia giusto prenderlo come mi ha prescritto il mio ginecologo o che ci sia qualcosa che non va.
Io ho tanta paura dei medici e per un carattere molto timido mi vergogno del ginecologo sia che esso sia maschio o femmina, quindi sto aspettando il più possibile prima di fare alcune visite che lui stesso mi ha detto che non sono per niente piacevoli.
Lei potrebbe consigliarmi qualcosa? Potrebbe dirmi se c'è qualche altro farmaco per aiutarmi a restare incinta?
Mi hanno parlato del clomid ma non so bene cosa sia.
La prego mi aiuti perchè se continuo così cado veramente in depressione.
Mi hanno anche detto di stare tranquilla, che più mi agito e più lo cerco e meno arriva, e infatti sto cercando di stare il più tranquilla e rilassata possibile, sto cercando di non pensarci, ma credo che lei possa capirmi più di chiunque altro in quanto è una donna come me, ho una paura assurda di non poter avere figli, di non poter avere quel figlio che desideriamo così tanto.
La prego mi aiuti, ho scritto a tanti medici che ho trovato i tanti siti, ma mai nessuno mi ha risposto, la prego almeno lei mi risponda.
La ringrazio per avermi ascoltata e per avermi dedicato un pò del suo tempo.
Buonasera e grazie ancora

<hr height="1" noshade id="quote"></blockquote id="quote"></font id="quote">

guest1
1 Stella
1 Stella
Messaggi: 11
Iscritto il: mer feb 05, 2003 7:00 pm

Messaggio da guest1 » lun mar 08, 2004 7:42 am

Cara Sara,

il tuo problema è piuttosto diffuso e, sebbene non sia specialista in ginecologia, cercherò di aiutarti per quello che ho potuto constatare nella esperienza clinica di tutti i giorni.
Innanzitutto una precisazione: il dufaston è un progestinico e non serve a stimolare l'ovulazione, ma a regolarizare il ciclo. Esistono dei farmaci che stimolano l'ovulazione ed il clomifene (Clomid) è uno di questi, ma vanno assolutamente presi sotto la guida di un ginecologo (mi raccomando di non provare a "fare da sola"!!). Esistono poi una serie di tecniche di fecondazione assistita che sono però piuttosto costose ed anche complesse ed hanno percentuali di successo variabili.
Il punto fondamentale che vorrei che tu capissi è che il ciclo ormonale nella donna è garantito da un equilibrio ormonale delicatissimo e che risente in modo spettacolare dalla situazione emotiva della paziente. Ricordo, quando lavoravo in laboratorio di analisi, le ragazzine che portavano le urine per effettuare il test di gravidanza: vivevano nel terrore di rimanere incinte; quando si verificavano 1 o 2 giorni di ritardo del ciclo, entravano in uno stato di ansia che bloccava del tutto il ciclo mestruale. Arrivavano in laboratorio anche con 15-20 giorni di ritardo del ciclo e per aiutarle, facevo il test immediatamente. Quando vedevano la risposta negativa si rilassavano e quasi sempre il giorno dopo ricompariva il ciclo, come d'incanto.
E scusa se insisto, ma voglio portarti un altro esempio: una giovane coppia come voi, con 2 anni di infertilità primaria che ho seguito anni fa, si sottopose a tutto il possibile: decine e decine di esami diagnostici (tutti ovviamente negativi), e poi mesi e mesi di tentativi con la fertilizzazione in vitro ed in vivo. Insomma, dopo più di 2 anni di tentativi senza risultato (e aggiungerei dopo decine e decine di milioni spesi...!) si rassegnarono ed adottarono un bellissimo bimbo. Dopo qualche mese lei rimase incinta spontaneamente ed ora hanno 2 splendidi bambini!
Tutto questo solamente per poterti dare qualche consiglio (forse più da amica saggia che da medico): qualche visita specialistica e qualche accertamento lo dovete fare (altrimenti rimarrete sempre con il dubbio che possa esserci una causa organica per l'infertilità) ma senza particolare accanimento: fate tutti gli accertamenti di base (esame del liquido seminale, dosaggi ormonali, ecografia pelvica, isterosalpingografia) seguiti da un ginecologo che ti dia fiducia e serenità, dopodichè, se tutto è normale, smettete di pensarci, vivete la vita con tranquillità e serenità e vedrete che tutto si aggiusta!

Cari saluti,

brigy74
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 2
Iscritto il: mer lug 18, 2007 2:18 pm

Messaggio da brigy74 » mer lug 18, 2007 1:19 pm

<blockquote id="quote"><font size="1" face="Verdana, Arial, Helvetica" id="quote">quote:<hr height="1" noshade id="quote"><i>Originariamente inviato da adavet</i>

Sara ci scrive:
<blockquote id="quote"><font size="1" face="Verdana, Arial, Helvetica" id="quote">quote:<hr height="1" noshade id="quote">

ho visitato il vostro sito e vorrei ringraziarvi per la vostra disponibilità.
Sono una ragazza di 27 anni e da un anno e mezzo io e mio marito stiamo cercando di avere un bambino ma purtroppo senza risultati, ho preso la pillola (diane) per parecchi anni e ad ottobre del 2002 ho smesso di prenderla per provare ad avere un bambino, a gennaio del 2003 ho avuto un emorragia e dal momento che mi sono fatta visitare tardi da un medico non ho saputo se era un aborto spontaneo o semplicemente dovuta alla sospensione della pillola, il ginecologo da cui mi sono recata mi ha detto che va tutto bene a parte un aspetto multifollicolare delle ovaie, ma mi ha detto che non c'erano problemi, mi ha dato da prendere il dufaston sia per aiutare l'ovulazione che per regolare il ciclo, mi ha detto di prenderlo una volta al giorno dalla 17° giornata per dieci giorni per tutti i mesi, lo prendo ormai da gennaio del 2003 ma ancora niente, nonostante abbiamo rapporti liberi non riesco a rimanere incinta, a questo punto ho pensato o che il dufaston non sia giusto prenderlo come mi ha prescritto il mio ginecologo o che ci sia qualcosa che non va.
Io ho tanta paura dei medici e per un carattere molto timido mi vergogno del ginecologo sia che esso sia maschio o femmina, quindi sto aspettando il più possibile prima di fare alcune visite che lui stesso mi ha detto che non sono per niente piacevoli.
Lei potrebbe consigliarmi qualcosa? Potrebbe dirmi se c'è qualche altro farmaco per aiutarmi a restare incinta?
Mi hanno parlato del clomid ma non so bene cosa sia.
La prego mi aiuti perchè se continuo così cado veramente in depressione.
Mi hanno anche detto di stare tranquilla, che più mi agito e più lo cerco e meno arriva, e infatti sto cercando di stare il più tranquilla e rilassata possibile, sto cercando di non pensarci, ma credo che lei possa capirmi più di chiunque altro in quanto è una donna come me, ho una paura assurda di non poter avere figli, di non poter avere quel figlio che desideriamo così tanto.
La prego mi aiuti, ho scritto a tanti medici che ho trovato i tanti siti, ma mai nessuno mi ha risposto, la prego almeno lei mi risponda.
La ringrazio per avermi ascoltata e per avermi dedicato un pò del suo tempo.
Buonasera e grazie ancora

<hr height="1" noshade id="quote"></blockquote id="quote"></font id="quote">


<hr height="1" noshade id="quote"></blockquote id="quote"></font id="quote">

adig07
1 Stella 1/2
1 Stella 1/2
Messaggi: 22
Iscritto il: mar lug 17, 2007 3:32 pm

Messaggio da adig07 » mer lug 18, 2007 3:24 pm

Buonasera Sara,
ho letto che ti è stato prescritto il farmaco Dufaston,
risulta essere un progestinico,ciò vuol dire che tu hai
carenze ormonali di progesterone,pertanto questo farmaco
da te assunto si rende utile per stabilizzare il tuo ciclo
ormonale.Per quanto riguarda un'eventuale gravidanza c'è
bisogno che entrambi i patner vengano monitorati da uno specialista
per la riproduzine della fisiopatologia umana.
Ti consiglio di sospendere il rapporto con il tuo ginecologo poichè non credo faccia al vostro caso, Prendi come riferimento il reparto di ginecologia dell'Ospedale San Camillo, richiedi una visita ginecologica per Fisiopatologia della riproduzione Umana,chiedi di essere visitata dal dott.Coccinelli Francesco.
La visita è in Convenzione pertanto fatti fare l'autorizzazione
dal tuo medico di base specificando la patologia,con la richiesta
potrai prenotarti presso il centro di prenotazione ubicato in Roma
via Giacomo Folchi n.15,altrimenti con la prenotazione al numero verde della regione Lazio 803333.Il dottor Coccinelli è un serio professionista,Non invasivo,non ti devi preoccupare per ciò che riguarda eventuali esami del tipo Ecografie e quant'altro,sono sicuro
che la costanza,la buona volontà,l'impegno, ha lungo termine vengano premiati.Ti consiglio di attivarti per la prenotazione poiche i tempi
sono abbastanza lunghi,nel frattempo sarebbe opportuno che il tuo Patner facesse un'esame del Liquido Seminale,mi auguro che il tuo ginecologo ho medico di base glielo abbiano già sottoposto precedentemente.Tutti gli esami in possesso, Tuoi e del Tuo patner, dovrai portarli con te alla Visita ginecologia.
Spero di esserti stato D'aiuto.
Di Giovambattista Andrea.

Rispondi