glaucoma

Forum di discussione sui nostri problemi sanitari. Il confronto e l'incontro con altri che possono essere nelle nostre stesse condizioni ci puo' aiutare a capire meglio e a superare i dubbi e le difficolta'.

Rispondi
nico
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 8
Iscritto il: lun mar 15, 2004 11:25 am

glaucoma

Messaggio da nico » gio mar 25, 2004 6:03 pm

in maggio 2003 ho subito un intervento di chirurgia refrattiva con il "laser ad eccimeri" per correggere la miopia. L'operazione in sè è andata benissimo e le visite successive ne hanno confermato il buon esito.La cura farmacologica prescritta successivamente l'opereazione consisteva in due colliri da mettere a varie fascie orarie: FORMOFTIL e NETTACIN, quest'ultimo messo solo per tre gioni dopo l'intervento. Nella visita effettuata in novembre 2003 hanno costatato una pressione dell'occhio pari a 27.Voglio precisare che ho 31 anni e che il chirurgo non ha parlato di glaucoma, ma di un "tono pressorio momentaneamente alto". Sto prendendo ormai da mesi il LUMIGAN il quale mi ha abbassato la pressione sino a 16-17.
La mia domanda è questa:il fatto di aver assunto FORMOFTIL per due mesi dopo l'operazione, può aver fatto scatenare un glaucoma latente che sarebbe uscito con gli anni?Oppure posso ancora sperare che non si tratti di glaucoma ma di "tono pressorio momentaneamente alto" ?
Ringrazio sin d'ora della cortesia!

Heise IT-Markt [Crawler]

Messaggio da Heise IT-Markt [Crawler] » lun mar 29, 2004 7:36 am

Il cortisone (Formoftil) può aumentare la pressione oculare, ma l'effetto è prontamente reversibile e la pressione oculare torna nella norma dopo la sospensione del trattamento. E' improbabile quindi che la tua ipertensione oculare sia legata alla terapia che hai effettuato.
D'altra parte la sola ipertensione oculare non è affatto sininimo di glaucoma: esistono glaucomi a pressione oculare normale ed ipertensioni oculari assolutamente innocue e che non portano mai a glaucoma.
Per fare diagnosi di glaucoma occorre la presenza di altri sintomi ed altre alterazioni.
Le alterazioni del nervo ottico, rappresentate dalla escavazione della papilla, confermano la presenza del glaucoma. L'esame valuta il rapporto tra la misura della escavazione e il diametro papillare: valori oltre 0,5 di questo rapporto sono segno di patologia, così pure se i rapporti dei due occhi differiscono tra loro più di 0,2. Anche alcuni difetti del campo visivo, come scotomi e incisione nella regione nasale, sono criteri diagnostici del glaucoma.
Tuttavia i medicinali possono solo prevenire il glaucoma e rallentarne il decorso, quindi la terapia deve essere iniziata il prima possibile: è opportuno quindi, in caso di ipertono oculare, o iniziare subito un trattamento oppure seguire nel tempo il paziente ed essere pronti ad iniziare il trattamento ai primi sintomi.

nico
Nuovo Utente
Nuovo Utente
Messaggi: 8
Iscritto il: lun mar 15, 2004 11:25 am

Messaggio da nico » lun mar 29, 2004 8:07 pm

la ringrazio della gentilezza dottore.

Rispondi