Pubblicità

Macugen (Pegaptanib Sodico): indicazioni e modo d’uso

Macugen (Pegaptanib Sodico) è un farmaco che serve per curare le seguenti condizioni patologiche:

Macugen è indicato per il trattamento della degenerazione maculare neovascolare (essudativa) correlata all’età (AMD) (vedere paragrafo 5.1).

Macugen: come si usa?

farmaco: indicazioni e modo d'uso

Come per tutti i farmaci, anche per Macugen è molto importante rispettare e seguire i dosaggi consigliati dal medico al momento della prescrizione.

Se però non ricordate come prendere Macugen ed a quali dosaggi (la posologia indicata dal medico), è quanto meno necessario seguire le istruzioni presenti sul foglietto illustrativo. Vediamole insieme.

Posologia di Macugen

Per eslclusivo uso intravitreo.

Il trattamento con Macugen deve essere effettuato solo attraverso iniezione intravitreale e l’iniezione deve essere effettuata da oftalmologi esperti in iniezioni intravitreali.

Macugen 0,3 mg deve essere somministrato una volta ogni sei settimane (9 iniezioni all’anno) attraverso iniezione intravitreale nell’occhio da trattare.

Pubblicità

Prima della somministrazione, Macugen deve essere controllato visivamente per l’eventuale presenza di particolato e alterazioni di colore (vedere paragrafo 6.6).

L’iniezione deve essere effettuata in condizioni asettiche e questo implica che l’operatore si disinfetti le mani, che vengano utilizzati guanti sterili, una garza sterile ed uno speculum sterile per le palpebre (o equivalente) e che sia possibile effettuare una paracentesi sterile (se necessario). Prima di iniziare la procedura per l’iniezione intravitreale deve essere attentamente valutata la storia clinica del paziente per rilevare eventuali precedenti reazioni di ipersensibilità (vedere paragrafo 4.4.). Prima di effettuare l’iniezione si deve indurre una adeguata anestesia e somministrare un antibiotico topico ad ampio spettro.

Dopo l’iniezione, nei pazienti trattati con Macugen sono stati osservati incrementi transitori della pressione intraoculare. Pertanto, è necessario monitorare la perfusione della testa del nervo ottico e la pressione intraoculare. Inoltre, i pazienti devono essere attentamente monitorati per una eventuale endoftalmite nelle due settimane successive all’iniezione. I pazienti devono essere istruiti a segnalare senza ritardo qualsiasi sintomo possa suggerire una possibile endoftalmite (vedere paragrafo 4.4).

Gruppi particolari di pazienti:

Compromissione epatica::

Macugen non è stato studiato in pazienti con compromissione epatica. Tuttavia, in questa popolazione di pazienti non sono necessarie particolari precauzioni (vedere paragrafo 5.2).

Insufficienza renale::

Macugen non è stato studiato adeguatamente in pazienti con clearance della creatinina inferiore a 20 ml/min. Nei pazienti con clearance della creatinina superiore a 20 ml/min non sono necessarie particolari precauzioni (vedere paragrafo 5.2).

Bambini ed adolescenti::

Macugen non è stato studiato in pazienti al di sotto dei 18 anni. Pertanto, l’uso nei bambini e negli adolescenti non è raccomandato.

Pazienti anziani:

Non sono necessarie particolari precauzioni.

Sesso di appartenenza:

Non sono necessarie particolari precauzioni.

Ricordate in ogni caso che se non ricordate la posologia indicata dal medico e utilizzate Macugen seguendo le istruzioni del foglietto illustrativo, sarà poi opportuno che contattiate il vostro medico e lo avvisiate del dosaggio che avete assunto, per avere conferma o ulteriori consigli!

Lo posso prendere se sono incinta?

Un’altra domanda che spesso ci poniamo prima di prendere una medicina è se è possibile assumerla in gravidanza

Tenendo presente che in gravidanza sarebbe opportuno evitare qualsiasi farmaco se non strettamente necessario e che prima di assumere qualsiasi farmaco in gravidanza va sentito il medico curante, vediamo insieme quali sono le istruzioni sulla scheda tecnica di Macugen per quanto riguarda la gravidanza:

Macugen: si può prendere in gravidanza?

Pegaptanib non è stato studiato nelle donne in gravidanza. Gli studi su animali non sono sufficienti, ma hanno evidenziato una tossicità riproduttiva con livelli di esposizione sistemica elevati (vedere paragrafo 5.3). Il rischio potenziale per gli esseri umani non è noto. Si prevede che l’esposizione sistemica a pegaptanib dopo somministrazione oculare sia molto bassa. Tuttavia, Macugen deve essere

utilizzato durante la gravidanza solo se i potenziali benefici per la madre superano i potenziali rischi per il feto.

Non è noto se Macugen venga escreto nel latte materno. L’uso di Macugen durante l’allattamento non è raccomandato.

Ne ho preso troppo! Cosa fare?

Può anche capitare che per errore o distrazione assumiate una quantità di farmaco superiore a quella prescritta dal vostro medico.

Talvolta capita che bambini piccoli per gioco ingeriscano dei farmaci lasciati a portata di mano: raccomandiamo sempre di tenere i farmaci lontano dalla portata dei bambini, in luoghi chiusi e custoditi.

Cosa devo fare se per sbaglio ho preso un dosaggio eccessivo di Macugen?

Qualunque sia la causa dell’ingestione di una quantità eccessiva di farmaco, ecco cosa riporta la Scheda Tecnica di Macugen in caso di sovradosaggio.

Macugen: sovradosaggio

Non sono stati riportati casi di sovradosaggio nel corso degli studi clinici condotti con Macugen.

Macugen: istruzioni particolari

Macugen è solo per somministrazione singola. Se la soluzione appare torbida, se si osservano delle particelle o se vi sono segni evidenti di danni alla siringa Macugen non deve essere utilizzato.

Prima della somministrazione, la siringa deve essere rimossa dalla clip in plastica e deve essere tolto il cappuccio. Un ago calibro 27 o 30 x ½ inch deve essere annesso all’adattatore luer lock, per consentire la somministrazione del prodotto.

La siringa deve essere controllata per l’eventuale presenza di bolle posizionando l’ago verso l’alto. Se si osservano delle bolle, la siringa deve essere delicatamente colpita con un dito fino a quando le bolle salgono in cima alla siringa. A questo punto, il pistone deve essere lentamente spinto verso l’alto per permettere la fuoriuscita delle bolle dalla siringa. Lo stelo dello stantuffo non deve essere tirato indietro.

L’ultima linea del tappo a stantuffo (la più vicina allo stelo dello stantuffo) non deve essere spinta oltre la linea della dose indicata sulla siringa. Immediatamente prima della somministrazione, l’ultima linea del tappo a stantuffo deve essere allineata alla linea della dose per assicurare il rilascio della dose appropriata. A questo punto, deve essere iniettato l’intero contenuto della siringa.

Macugen deve essere conservato in frigorifero. La soluzione da iniettare deve raggiungere la temperatura ambiente prima della somministrazione. Macugen deve essere gettato se conservato a temperatura ambiente per oltre due settimane. Per prevenire la contaminazione, la siringa di Macugen non deve essere rimossa dall’involucro fino a quando il paziente non è pronto per l’iniezione.

Il prodotto non utilizzato ed i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità ai requisiti di legge locali.


Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *