Pubblicità

Buprenorfina Sun

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Buprenorfina Sun: ultimo aggiornamento pagina: (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Brufecod 30 Cpr Riv 400 mg+30 mg

 

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Buprenorfina SUN 2 mg compresse sublinguali Buprenorfina SUN 8 mg compresse sublinguali

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Buprenorfina SUN 2 mg: ogni compressa contiene 2,16 mg di buprenorfina cloridrato equivalente a 2 mg di buprenorfina.

Eccipienti con effetti noti:

Ogni compressa contiene 29,85 mg di lattosio monoidrato e 0,25 mg di butilidrossianisolo (E320).

Buprenorfina SUN 8 mg: ogni compressa contiene 8,62 mg di buprenorfina cloridrato equivalente a 8 mg di

buprenorfina.

Eccipienti con effetti noti:

Ogni compressa contiene 119,40 mg di lattosio monoidrato e 1,00 mg di butilidrossianisolo (E320).

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compressa sublinguale.

Compressa da 2 mg: Compressa sublinguale non rivestita di colore bianco-biancastro, rotonda, biconvessa, con “2” inciso su un lato e liscia sull’altro.

Compressa da 8 mg: Compressa sublinguale non rivestita di colore bianco-biancastro, rotonda, biconvessa,

con “8” inciso su un lato e liscia sull’altro.

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento sostitutivo della dipendenza da oppiacei nell’ambito di una terapia medica, sociale e psicologica.

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Posologia

L’uso del medicinale è inteso per gli adulti e gli adolescenti di età uguale o superiore a 16 anni che hanno accettato di essere trattati per la tossicodipendenza.

Terapia di induzione

Prima di iniziare il trattamento si raccomanda di effettuare delle analisi di funzionalità epatica al basale e di documentare la condizione di epatite virale. Pazienti positivi per epatite virale, pazienti in trattamento concomitante (vedere paragrafo 4.5) e/o che presentano attualmente disfunzione epatica sono a rischio di accelerata compromissione epatica. Si raccomanda un monitoraggio regolare della funzione epatica (vedere paragrafo 4.4).

Induzione

Prima del trattamento di induzione, è necessario prendere in considerazione il tipo di dipendenza dagli oppioidi (ad esempio oppioidi a lunga o breve durata d’azione), il tempo intercorso dall’ultima assunzione di

oppioidi ed il livello di dipendenza. Al fine di evitare il precipitarsi di sintomi da astinenza, indurre il trattamento con Buprenorfina SUN quando i sintomi da astinenza saranno evidenti oggettivi e chiari.

La dose iniziale varia da 0,8 mg a 4 mg, somministrati in dose singola giornaliera. Non è disponibile il dosaggio da 0,4 mg di Buprenorfina SUN. Qualora fosse necessaria una dose inferiore, il paziente dovrà usare le compresse (da 0,4 mg) di un’altra marca.

per i dipendenti da oppioidi che non hanno subito sintomi da astinenza: una dose di buprenorfina compresse somministrata per via sublinguale almeno 4-6 ore dopo l’ultima assunzione di oppioidi ovvero alla comparsa dei primi segni di forte astinenza.

per i pazienti che ricevono metadone: prima di iniziare la terapia con buprenorfina, ridurre la dose di metadone ad un massimo di 30 mg/die. La buprenorfina può precipitare i sintomi di astinenza nei pazienti dipendenti da metadone.

Aggiustamento della dose e terapia di mantenimento

La dose deve essere individualizzata per ogni paziente. Il dosaggio di mantenimento varia tra gli individui e deve essere determinato dal progressivo aumento della dose fino a che viene individuata la dose minima efficace. La dose di mantenimento media giornaliera è di 8 mg. La maggioranza dei pazienti non richiede dosi superiori a 16 mg/die, tuttavia, l’efficacia e la sicurezza di buprenorfina compresse sono state dimostrate in studi clinici a dosi fino a 24 mg/die.

La dose viene aggiustata sulla base della rivalutazione dello stato clinico e sulla gestione generale del paziente. La stabilizzazione insoddisfacente con 16 mg al giorno può essere collegata a un eventuale uso improprio o di comorbidità psichiatrica. In questo caso devono essere prese in considerazione opzioni terapeutiche alternative.

In particolare durante l’inizio del trattamento si raccomanda di fornire la buprenorfina giornalmente. Successivamente, dopo la stabilizzazione, al paziente può essere data una quantità di medicinale sufficiente per diversi giorni di trattamento. Tuttavia, si raccomanda che la quantità del medicinale erogato sia limitata ad un massimo di 7 giorni o a seconda dei requisiti regolatori locali.

Riduzione della dose e interruzione del trattamento

Dopo aver raggiunto un soddisfacente periodo di stabilizzazione, il dosaggio può essere ridotto gradualmente ad una dose di mantenimento inferiore; se ritenuto appropriato, in alcuni pazienti il trattamento potrà essere interrotto. La disponibilità della compressa sublinguale in dosi da 0,4 mg, 2 mg e 8 mg, rispettivamente, permette una titolazione decrescente del dosaggio. Monitorare i pazienti dopo l’interruzione del trattamento con buprenorfina a causa di possibili ricadute.

Pazienti con compromissione epatica

L’effetto della compromissione epatica sulla farmacocinetica della buprenorfina non è noto. La buprenorfina viene ampiamente metabolizzata; quindi si ritiene che i livelli plasmatici saranno superiori nei pazienti con compromissione epatica moderata e grave.

Pazienti con compromissione renale

Nei pazienti con insufficienza renale non è richiesto alcun aggiustamento della dose di buprenorfina. Si raccomanda cautela nella somministrazione del medicinale a pazienti con grave compromissione renale (CLcr < 30 ml/min) (vedere paragrafo 5.2).

Popolazione pediatrica

Non sono disponibili dati clinici sull’efficacia e la sicurezza d’impiego di Buprenorfina SUN nei bambini e negli adolescenti. Buprenorfina SUN non deve essere quindi impiegata nei bambini e negli adolescenti di età inferiore a 16 anni.

Modo di somministrazione

Pubblicità

La somministrazione è sublinguale. Il medico avviserà i pazienti che la via di somministrazione sublinguale è l’unica efficace e sicura per questo medicinale. Tenere la compressa sotto la lingua fino a scioglimento, solitamente 5-10 minuti.

Il risultato del trattamento dipende dal dosaggio prescritto e dai provvedimenti medici, psicologici, sociali ed educativi presi contemporaneamente nel monitoraggio del paziente.

 

04.3 Controindicazioni

Indice

ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1

bambini con meno di 16 anni di età

grave insufficienza respiratoria

grave insufficienza epatica

alcolismo acuto o delirium tremens

allattamento.

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Non sono disponibili dati sugli adolescenti (età 16-18 anni); di conseguenza usare buprenorfina con cautela in questo gruppo di età.

Avvertenze

Buprenorfina compresse sublinguali sono indicate solo per il trattamento di dipendenza dagli oppioidi. Il trattamento deve essere inoltre prescritto da un medico esperto nella gestione dei pazienti con tossicodipendenza.

Precipitazione della sindrome da astinenza da oppiacei

Iniziando il trattamento con buprenorfina, il medico deve essere consapevole del parziale profilo agonista di buprenorfina e della sua potenzialità di precipitare i sintomi di astinenza nei pazienti con dipendenza da oppioidi. Se somministrato prima che gli effetti agonisti risultanti dal recente uso o abuso di oppioidi siano diminuiti, per evitare la precipitazione della sindrome da astinenza da oppioidi, l’induzione deve essere intrapresa quando sono evidenti segni e sintomi oggettivi di astinenza moderata (vedere paragrafo 4.2). La buprenorfina si lega ai recettori oppiacei μ e κ.

A causa del rischio di abuso, specialmente in caso di somministrazione endovenosa e di aggiustamento del dosaggio, la prescrizione deve essere di breve durata, in particolare all’inizio del trattamento. Se possibile, implementare la dispensazione controllata o parziale al fine di favorire la compliance del trattamento da parte del paziente. L’interruzione del trattamento può indurre una sindrome da astinenza che può essere ritardata.

Uso improprio, abuso e deviazione

Buprenorfina può essere oggetto di uso improprio o abuso, nello stesso modo in cui accade con gli altri oppioidi, legali o illeciti. Alcuni dei rischi di uso improprio e abuso includono sovradosaggio, diffusione di infezioni virali di origine ematogena o infezioni localizzate, depressione respiratoria e danni epatici.

L’uso improprio di buprenorfina da parte di qualcuno che non sia il paziente predestinato costituisce quindi un ulteriore rischio di esporre nuovi soggetti con dipendenza da droghe ad assumere la buprenorfina come droga d’abuso principale; ciò potrebbe verificarsi se il medicinale viene distribuito per uso illecito direttamente dal paziente predestinato oppure se il medicinale non viene salvaguardato dal furto.

Il trattamento subottimale con buprenorfina può provocare l’uso errato da parte del paziente, portando al sovradosaggio o all’abbandono del trattamento. Un paziente sottoposto a sottodosaggio con buprenorfina può continuare a rispondere ai sintomi di astinenza non controllati ricorrendo all’automedicazione con oppioidi, alcol o altri sedativi ipnotici come le benzodiazepine.

Deviazione: deviazione indica l’introduzione della buprenorfina sublinguale nel mercato illecito da parte di pazienti o individui che ottengono il medicinale rubandolo ai pazienti o alle farmacie. Tale deviazione può portare a nuovi tossicodipendenti che usano la buprenorfina sublinguale come farmaco primario di abuso con il rischio di sovradosaggio, diffusione di infezioni virali mediante il sangue, depressione respiratoria e danno epatico.

Per minimizzare il rischio di uso improprio, abuso e deviazione, i medici devono prendere adeguate precauzioni quando prescrivono e dispensano buprenorfina, come ad esempio evitare di prescrivere più

rinnovi in una fase precoce del trattamento, e svolgere visite di follow-up del paziente con un monitoraggio clinico adeguato alle esigenze del paziente.

Dipendenza

Buprenorfina è un agonista parziale che si lega ai recettori μ (mu)-oppioidi e la somministrazione cronica produce dipendenza del tipo oppioide. L’esperienza clinica, ha dimostrato che la buprenorfina può produrre dipendenza, ma ad un livello inferiore rispetto a un agonista completo.

Si sconsiglia una brusca interruzione del trattamento, dal momento che può causare una sindrome da astinenza la cui insorgenza può essere ritardata.

Depressione respiratoria

Sono stati riportati un numero di casi di morte per depressione respiratoria, soprattutto quando buprenorfina è usata insieme a benzodiazepine (vedere paragrafo 4.5) o quando la buprenorfina non è stata impiegata secondo le indicazioni. Casi di morte sono stati riportati anche quando buprenorfina è stata usata in associazione con altri sedativi del sistema nervoso centrale come alcol o altri oppioidi. Se buprenorfina è somministrata ad alcuni individui non dipendenti da oppiacei che non tollerano i suoi effetti, può verificarsi una depressione respiratoria potenzialmente fatale.

Buprenorfina deve essere usata con cautela in pazienti con insufficienza respiratoria (per es. malattia polmonare ostruttiva cronica, asma, cuore polmonare, riserva respiratoria ridotta, ipossia, ipercapnia, depressione respiratoria preesistente o cifoscoliosi).

Buprenorfina può causare grave depressione respiratoria, possibilmente fatale, nei bambini e nelle persone non dipendenti che accidentalmente o deliberatamente la assumono. I bambini e le persone non dipendenti da oppioidi vanno protetti dall’esposizione al medicinale.

Epatite, eventi epatici

Casi di danno epatico acuto sono stati riportati in pazienti con dipendenza dagli oppioidi, sia negli studi clinici che nelle segnalazioni degli eventi avversi comparsi nella fase successiva alla commercializzazione. Lo spettro delle anomalie si estende da innalzamento asintomatico transitorio delle transaminasi epatiche a casi di epatite citolitica, insufficienza epatica, necrosi epatica, sindrome epatorenale, encefalopatia epatica e morte. In molti casi, la presenza di preesistenti anomalie degli enzimi epatici, di infezione da virus dell’epatite B o C, l’uso concomitante di altri farmaci potenzialmente epatotossici e l’uso in corso del farmaco per iniezione possono svolgere un ruolo causale o contribuire a tali eventi. Questi fattori di base devono essere presi in considerazione prima di prescrivere la buprenorfina e durante il trattamento. Quando si sospetta un evento epatico di cui non si conosce la causa, è necessaria un’ulteriore valutazione.

A seconda dei risultati, buprenorfina può essere sospesa cautamente al fine di prevenire i sintomi da astinenza e prevenire il ritorno all’uso di droghe illecite.

Qualora si sospetti che la buprenorfina sia la causa di necrosi epatica o ittero, interrompere il trattamento il più rapidamente possibile in considerazione delle condizioni cliniche del paziente. Tutti i pazienti devono sottoporsi regolarmente a test di funzionalità epatica. Gravi casi di danno epatico acuto sono stati riportati anche in un contesto di uso improprio, soprattutto dopo somministrazione endovenosa. Tali danni epatici sono stati osservati soprattutto a dosi elevate e possono essere dovuti a tossicità mitocondriale (malattie genetiche, infezioni virali, soprattutto epatite cronica di tipo C, abuso di alcol, anoressia, tossine mitocondriali associate, ad esempio aspirina, isoniazide, valproato, amiodarone, analoghi nucleosidici antiretrovirali e l’uso concomitante di altri medicinali potenzialmente epatotossici).

Poiché gli inibitori del CYP3A4 (vedere paragrafo 4.5) possono aumentare le concentrazioni di buprenorfina, pazienti già sottoposti a trattamento con inibitori del CYP3A4 la dose di buprenorfina deve essere titolata attentamente, poiché per questi pazienti può essere sufficiente un dosaggio inferiore.

La buprenorfina può precipitare i sintomi da astinenza nei pazienti con dipendenza dagli oppioidi, soprattutto se somministrata meno di 4-6 ore dopo l’ultima somministrazione di eroina o altri oppioidi a breve durata d’azione ovvero se somministrata meno di 24 ore dopo l’ultima dose di metadone.

Depressione sistema nervoso centrale

Questo medicinale può causare sonnolenza, che può essere aggravata da altri agenti attivi a livello centrale, quali alcol, tranquillanti, sedativi, ipnotici (vedere paragrafo 4.5).

Questo medicinale può provocare ipotensione ortostatica.

Studi sugli animali nonché l’esperienza clinica hanno dimostrato che la buprenorfina può causare dipendenza ma in misura minore della morfina. Di conseguenza è importante seguire le raccomandazioni date all’inizio del trattamento, l’adeguamento del dosaggio ed il monitoraggio del paziente (vedere paragrafo 4.2).

Gli atleti devono sapere che questo medicinale può indurre una reazione positiva ai test anti-doping. Compromissione epatica

Gli effetti della compromissione epatica sulla farmacocinetica di buprenorfina sono stati valutati in uno studio post commercializzazione. Poiché buprenorfina viene ampiamente metabolizzata nel fegato, i livelli del plasma sono risultati più elevati per buprenorfina somministrata in pazienti con moderata e severa compromissione epatica. I pazienti devono essere monitorati per segni e sintomi di precipitazione della sindrome da astinenza da oppiacei, tossicità o overdose causata da un aumento dei livelli di buprenorfina. Buprenorfina compresse sublinguali deve essere usata con cautela in pazienti con compromissione epatica moderata (vedere paragrafo 4.3 e 5.2). In pazienti con compromissione epatica grave l’uso di buprenorfina è controindicato.

Compromissione renale

L’eliminazione per via renale ha un ruolo relativamente piccolo (circa 30%) sulla clearance totale di buprenorfina; di conseguenza, non è richiesto alcun aggiustamento della dose a seconda della funzionalità renale. I metaboliti di buprenorfina si accumulano in pazienti con insufficienza renale. Si raccomanda cautela nel dosaggio in pazienti con compromissione renale grave (clerance della creatinina < 30 ml/min) (vedere paragrafo 5.2).

Precauzioni d’impiego

Questo medicinale deve essere usato con cautela nei pazienti affetti da:

asma o insufficienza respiratoria (con buprenorfina sono stati riportati casi di depressione respiratoria)

insufficienza epatica (il metabolismo epatico di buprenorfina può essere alterato)

come con altri oppioidi è richiesta cautela nei pazienti che usano buprenorfina e hanno subito un danno cerebrale ovvero presentano aumento della pressione endocranica, ipotensione, ipertrofia prostatica o stenosi uretrale.

poichè buprenorfina è un oppiaceo, il dolore, come sintomo di malattia, può risultare attenuato

Pubblicità

gli oppioidi possono aumentare la pressione del liquido cerebrospinale, che può causare convulsioni, quindi gli oppioidi devono essere usati con cautela in pazienti con trauma cranico, lesioni intracraniche, altre circostanze in cui la pressione cerebrospinale può essere aumentata, o storia pregressa di convulsioni

la miosi indotta da oppioidi, l’alterazione del livello di coscienza o della percezione del dolore come sintomo della patologia, possono interferire con la valutazione del paziente, o confondere la diagnosi o nascondere il decorso clinico di patologie concomitanti

gli oppioidi devono essere usati con cautela in pazienti che soffrono di mixedema, ipotiroidismo o insufficienza corticosurrenale (per es. morbo di Addison)

è stato riscontrato che gli oppioidi aumentano la pressione intracoledocale; pertanto devono essere usati con cautela in pazienti che soffrono di disfunzione del tratto biliare.

Gli oppioidi devono essere somministrati con cautela a pazienti anziani o debilitati. Uso negli adolescenti

Data la mancanza di dati sull’uso negli adolescenti (tra i 16 e i 18 anni), i pazienti che rientrano in questo gruppo devono essere monitorati attentamente per la durata del trattamento.

Eccipienti

Questo medicinale contiene lattosio monoidrato. Pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al galattosio, carenza di Lapp lattasi o malassorbimento del glucosio-galattosio non devono assumere questo medicinale.

Questo medicinale contiene idrossianisolo butilato (E320) che può provocare reazioni cutanee locali (ad esempio dermatite da contatto) o irritazione agli occhi e delle membrane mucose.

Questo medicinale contiene meno di 1 mmol (23 mg) di sodio per massima dose giornaliera, cioè essenzialmente ‘senza sodio’.

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

La buprenorfina non deve essere assunta insieme a

bevande alcoliche o medicinali contenenti alcol. L’alcol aumenta l’effetto sedativo della buprenorfina (vedere paragrafo 4.7).

Buprenorfina deve essere impiegata con cautela con i seguenti medicinali:

benzodiazepine: Questa associazione può potenziare la depressione respiratoria di origine centrale, con rischio di morte, pertanto il paziente deve essere attentamente monitorato e questa combinazione deve essere evitata laddove vi sia il rischio di uso improprio. I pazienti devono essere avvisati che l’auto- somministrazione di benzodiazepine non prescritte è estremamente rischiosa durante l’assunzione di questo medicinale e informati del fatto che l’uso di benzodiazepine in concomitanza con questo medicinale deve avvenire unicamente in base ad una prescrizione. Considerare anche il rischio di abuso del farmaco (vedere paragrafo 4.4).

altri farmaci depressivi del sistema nervoso centrale; altri derivati degli oppioidi (analgesici e antitussivi); alcuni antidepressivi, antagonisti sedativi dei recettori H1, barbiturici, ansiolitici diversi dalle benzodiazepine, neurolettici, clonidina e sostanze correlate. Questa associazione aumenta la depressione del sistema nervoso centrale. Il ridotto livello di attenzione può rendere pericoloso la guida dei veicoli e l’uso di macchinari.

inibitori delle monoaminossidasi (IMAO): Possibile amplificazione degli effetti degli oppioidi, in base all’esperienza con la morfina. La buprenorfina non deve essere somministrata insieme al trattamento con IMAO ovvero fino a due settimane dopo la fine di tale trattamento.

naltrexone: È un antagonista degli oppioidi in grado di bloccare gli effetti farmacologici della buprenorfina. Per i pazienti dipendenti da oppioidi, in trattamento con buprenorfina, il naltrexone può scatenare l’improvvisa comparsa di sintomi intensi e prolungati di astinenza da oppioidi. Per i pazienti in trattamento con naltrexone, gli effetti terapeutici attesi della somministrazione di buprenorfina possono essere bloccati dal naltrexone.

analgesici oppiacei: Può essere difficile raggiungere un’adeguata analgesia quando viene somministrato un agonista completo degli oppioidi a pazienti trattati con buprenorfina. Un possibile sovradosaggio può verificarsi anche con un agonista totale, specialmente quando si cerca di superare gli effetti della buprenorfina in quanto agonista parziale, o quando i livelli di buprenorfina nel plasma stanno diminuendo

attualmente non è stata osservata nessuna interazione rilevante con la cocaina, l’agente più frequentemente usato da coloro che fanno abuso di molti farmaci in associazione agli oppioidi.

È stata riportata una sospetta interazione tra buprenorfina iniettabile e fenprocumone, che ha provocato porpora.

Uno studio sull’interazione tra buprenorfina e chetoconazolo (un potente inibitore del CYP3A4) ha dimostrato un aumento dei valori di Cmax e AUC per buprenorfina (rispettivamente circa il 70% e 50%) e, in misura minore, per il metabolita, norbuprenorfina. I pazienti sottoposti a trattamento con buprenorfina devono essere controllati attentamente e la dose di buprenorfina dovrà essere dimezzata qualora si iniziasse un trattamento con chetoconazolo.

Un’ulteriore titolazione di buprenorfina dovrà essere effettuata se clinicamente indicato. Sebbene non siano disponibili dati da studi clinici, l’impiego di altri inibitori del CYP3A4 (ad esempio gestodene, troleandomicina, gli inibitori della proteasi dell’HIV ritonavir, indinavir e saquinavir) può anche aumentare i livelli di esposizione a buprenorfina e norbuprenorfina; una simile riduzione della dose deve essere presa in considerazione all’inizio del trattamento.

L’uso concomitante degli induttori del CYP3A4 e della buprenorfina può ridurre le concentrazioni plasmatiche di buprenorfina, provocando potenzialmente un trattamento subottimale della dipendenza da oppioidi con buprenorfina. Si consiglia di monitorare con attenzione i pazienti in trattamento con

buprenorfina, se vengono somministrati contemporaneamente tali induttori (per es., fenobarbital, carbamazepina, fenitoina, rifampicina). Potrebbe essere necessario aggiustare conseguentemente il dosaggio della buprenorfina o dell’induttore del CYP3A4.

Sono stati effettuati studi d’interazione solo negli adulti.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Non sono disponibili dati adeguati sull’uso di buprenorfina in gravidanza.

Studi sugli animali hanno dimostrato tossicità riproduttiva (vedere paragrafo 5.3). Il rischio potenziale per l’uomo non è noto.

Al termine della gravidanza, dosi elevate del medicinale possono indurre depressione respiratoria nei neonati, anche se somministrate per brevi periodi di tempo.

La somministrazione nel lungo periodo durante gli ultimi 3 mesi di gravidanza può causare la sindrome da astinenza nei neonati (per esempio ipertonia, tremore neonatale, agitazione neonatale, mioclono o convulsioni). La sindrome si manifesta in genere da alcune ore a vari giorni dopo la nascita.

Buprenorfina deve essere usata in gravidanza solo nel caso in cui i potenziali benefici superano i rischi.

A causa della lunga emivita di buprenorfina, deve essere preso in considerazione il monitoraggio neonatale per diversi giorni al termine della gravidanza per prevenire il rischio di depressione respiratoria o della sindrome da astinenza nei neonati.

Allattamento

La buprenorfina viene secreta nel latte umano. Nei ratti, la buprenorfina inibisce potenzialmente l’allattamento o la produzione di latte. Di conseguenza, buprenorfina non deve essere usata durante l’allattamento al seno.

Fertilità

Non sono disponibili dati sugli effetti di buprenorfina sulla fertilità. Nei topi non c’è stato nessun effetto con buprenorfina sull’accoppiamento o sulla fertilità (vedere paragrafo 5.3).

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

La buprenorfina influisce in modo minore o moderato sulla capacità di guidare veicoli o di usare macchinari. La buprenorfina può causare sonnolenza, vertigini o confusione mentale, specialmente durante il trattamento di induzione e l’aggiustamento della dose. Se assunta con alcolici o depressivi del sistema nervoso centrale, l’effetto è probabilmente più accentuato (vedere paragrafo 4.4 e 4.5). Pertanto, i pazienti devono essere avvertiti di evitare la guida o l’uso di macchinari (vedere paragrafo 4.5).

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

L’insorgenza di effetti indesiderati dipende dalla soglia di tollerabilità del paziente; essa è più elevata nei pazienti con dipendenza farmacologica che nella popolazione generale.

Riassunto del profilo di sicurezza

Le reazioni avverse al farmaco più comunemente riportate sono state quelle correlate ai sintomi da astinenza (per esempio insonnia, cefalea, nausea e iperidrosi) e dolore.

Le reazioni avverse sono elencate secondo la classificazione per sistemi e organi secondo MedDRA. Le categorie di frequenza sono definite utilizzando la seguente convenzione: molto comune (≥ 1/10), comune (≥ 1/100, < 1/10), non comune (≥ 1/1.000, < 1/100), raro (≥ 1/10.000, < 1/1.000), molto raro (< 1/10.000), non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili). All’interno di ciascuna classe di frequenza, le ADR sono riportate in ordine di gravità decrescente.

Pubblicità

La tabella 1 riassume le reazioni avverse al farmaco più comunemente riportate durante la sorveglianza post- commercializzazione. Sono inclusi gli eventi riportati almeno nell’1% delle segnalazioni degli operatori sanitari e quelli attesi. La frequenza degli eventi non riportati negli studi cardine non può essere stimata e viene riportata come non nota.

Tabella 1 – Effetti indesiderati osservati negli studi clinici cardine e/o sorveglianza post commercializzazione elencati secondo classificazione sistemica organica
Classe di sistema/organo Frequenza Effetto indesiderato
Infezioni e infestazioni Comune Bronchite, infezione, influenza,
faringite, rinite
Patologie del sistema
emolinfopoietico
Comune Linfoadenopatia
Disordini del metabolismo e della
nutrizione
Comune Diminuzione dell’appetito
Disturbi psichiatrici Molto comune Insonnia
Comunc Agitazione, ansia, depressione, ostilità, nervosismo, paranoia,
pensiero anormale
Non nota Farmaco-dipendenza
Patologie del sistema nervoso Molto comune Cefalea
Comune Vertigini, ipertonia, emicrania,
parestesia, sonnolenza, sincope, tremore
Patologie dell’occhio Comune Disturbi della lacrimazione, midriasi
Patologie cardiache Comune Palpitazioni
Patologie vascolari Comune Vasodilatazione
Patologie respiratorie toraciche e
mediastiniche
Comune Tosse, dispnea, sbadigli
Non comune Depressione respiratoria
Patologie gastrointestinali Molto comune Nausea
Comune Costipazione, dolore addominale, diarrea, bocca secca, dispepsia, disordini gastrointestinali, flatulenza, disturbi ai denti,
vomito
Patologie della pelle e del tessuto
sottocutaneo
Molto comune Iperidrosi
Comune Eruzione cutanea
Patologie del sistema
muscoloscheletrico e del tessuto connetivo
Comune Artralgia, dolore dorsale, dolore
osseo, spasmi muscolari, mialgia, dolore al collo
Patologia dell’apparato
riproduttivo e della mammella
Comune Dismenorrea
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Molto comune Sindrome da astinenza, dolore
Comune Astenia, dolore al petto, brividi,
malessere, edema periferico, piressia
Non nota Sindrome da astinenza neonatale

Descrizione di reazioni avverse selezionate

Il seguente elenco è un riassunto di altre reazioni avverse riportate durante la post-commercializzazione che sono considerate gravi o altrimenti significativi:

in caso di uso improprio per via endovenosa, sono state riportate reazioni locali, talvolta settiche (ascesso, cellulite), epatite acuta potenzialmente grave e altre infezioni come polmonite, endocardite (vedere paragrafo 4.4)

in pazienti con farmacodipendenza marcata, la somministrazione iniziale di buprenorfina può provocare una sindrome di astinenza, simile a quella che si verifica con l’associazione del naloxone

i segni e i sintomi più comuni di ipersensibilità includono eruzioni cutanee, orticaria, prurito. Sono stati riportati casi di broncospasmo, angioedema e shock anafilattico (vedere paragrafo 4.3)

si sono verificati casi di aumento delle transaminasi epatiche, epatite, epatite acuta, epatite citolitica, ittero, sindrome epatorenale, encefalopatia epatica e necrosi epatica (vedere paragrafo 4.4)

è stata riportata una sindrome neonatale da astinenza da droga fra i neonati di donne che avevano assunto buprenorfina durante la gravidanza. La sindrome può essere più lieve di quella determinata da agonisti completi a breve durata d’azione dei recettori μ degli oppioidi e può essere all’inizio ritardata. La natura della sindrome può variare in base al passato da tossicodipendente della madre (vedere paragrafo 4.6)

sono state riportate allucinazioni, ipotensione ortostatica, ritenzione urinaria e vertigini.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo http://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sintomi

I sintomi iniziali di un sovradosaggio possono includere sonnolenza, ambliopia, miosi, ipotensione, nausea, vomito e/o disturbi del linguaggio.

In caso di sovradosaggio accidentale, istituire misure generali di supporto, inclusi il monitoraggio accurato delle condizioni respiratorie e cardiache del paziente. Il sintomo maggiore che richiede intervento è la depressione respiratoria che potrebbe indurre arresto respiratorio e morte. In caso di vomito, prevenire l’aspirazione del vomito da parte del paziente.

Trattamento

Istituire un trattamento della depressione respiratoria applicando cure intensive standard. Garantire la pervietà delle vie aeree e la ventilazione assistita o controllata.

Il paziente deve essere trasferito in ambiente dove siano disponibili apparecchiature per la rianimazione.

Si raccomanda l’impiego di un antagonista oppioide (ad esempio naloxone), nonostante il suo modesto effetto sulla reversione dei sintomi respiratori di buprenorfina rispetto agli effetti sugli oppioidi agonisti completi. Prendere in considerazione la lunga durata d’azione di buprenorfina quando si dovesse decidere la durata del trattamento necessario per annullare gli effetti di un sovradosaggio.

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica

Altri farmaci con effetto sul sistema nervoso; farmaci impiegati nei disturbi da tossicodipendenza; farmaci impiegati nella dipendenza dagli oppioidi.

Codice ATC: N07 BC01

Meccanismo d’azione

La buprenorfina è un oppioide agonista/antagonista parziale che si lega ai recettori μ (mu) e κ (kappa) del cervello. La sua attività nel trattamento di mantenimento verso gli oppioidi viene attribuita al suo legame lentamente reversibile con i recettori μ che, in un lungo periodo di tempo, minimizza la necessità di droga in un tossicodipendente.

Efficacia e sicurezza clinica

Durante gli studi farmacologici clinici in soggetti dipendenti da oppiodi, buprenorfina ha dimostrato effetti tetto per un numero di parametri, tra cui atteggiamento positivo, “effetto positivo” e depressione respiratoria.

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento

Assunta per via orale, la buprenorfina subisce il metabolismo epatico di primo passaggio con N- dealchilazione e glucuroconiugazione nell’intestino tenue. N-dealchilazione e glucuroconiugazione avvengono anche nel fegato. L’impiego di questo medicinale per via orale è quindi inappropriato.

Le concentrazioni plasmatiche di picco vengono raggiunte 90 minuti dopo somministrazione sublinguale ed il rapporto dose massima-concentrazione è lineare, tra 2 mg e 16 mg.

Distribuzione

All’assorbimento di buprenorfina segue una fase di rapida distribuzione ed un’emivita di 2-5 ore.

Biotrasformazione

Buprenorfina viene metabolizzata per via ossidativa mediante 14-N-dealchilazione in N-desalchil- buprenorfina (nota anche come norbuprenorfina) attraverso il citocromo P450 CYP3A4 e mediante glucuroconiugazione della molecola progenitrice del metabolita dealchilato. Norbuprenorfina è un agonista μ (mu) con debole attività intrinseca.

Eliminazione

L’eliminazione di buprenorfina è bi- o tri-esponenziale con una lunga fase terminale di eliminazione di 20-25 ore, dovuta in parte al riassorbimento della buprenorfina dopo idrolisi intestinale del derivato coniugato e in parte alla natura altamente lipofilica della molecola.

La buprenorfina viene principalmente eliminata nelle feci per secrezione biliare dei metaboliti glucuroconiugati (80%); il resto viene eliminato nelle urine.

Compromissione epatica

L’effetto della compromissione epatica sulla farmacocinetica di buprenorfina e naloxone è stato valutato durante uno studio post-commercializzazione.

La tabella 2 riassume i risultati dello studio clinico nel quale l’esposizione di buprenorfina è stata determinata dopo somministrazione di una compressa sublinguale di buprenorfina/naloxone in soggetti sani, e in soggetti con vari gradi di compromissione epatica.

Tabella 2 – effetto della compromissione epatica sui parametri farmacocinetici di buprenorfina, dopo somministrazione di buprenorfina/naloxone (variazione rispetto a soggetti sani)
Parametri farmacocinetici Compromissione epatica lieve
(Child-Pugh Class A) (n=9)
Compromissione epatica moderata
(Child-Pugh Class B) (n=8)
Compromissione epatica grave
(Child-Pugh Class C) (n=8)
Buprenorfina
Cmax Aumento di 1.2 volte Aumento di 1.1 volte Aumento di 1.7 volte
AUC last Simile al controllo Aumento di 1.6 volte Aumento di 2.8 volte

Nell’insieme, l’esposizione di buprenorfina nel plasma aumenta di circa 3 volte in pazienti con compromissione epatica grave.

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

La tossicità acuta di buprenorfina è stata determinata nel topo e nel ratto a seguito di somministrazione orale e parenterale. Le dosi letali mediane (LD50) nel topo sono state 26, 94 e 261 mg/kg rispettivamente per somministrazione intravenosa, intraperitoneale e orale. I valori di LD50 nel ratto sono stati 35, 243 e 600 mg/kg rispettivamente per somministrazione intravenosa, intraperitoneale e orale.

La tossicità tissutale e biochimica di buprenorfina si è mostrata notevolmente bassa quando è stata somministrata per via sottocutanea a cani beagles per un mese di seguito, per via orale a scimmie rhesus per un mese e a ratti e babbuini per via intramuscolare per sei mesi.

Studi di teratogenicità nei ratti e nei conigli dimostrano che la buprenorfina non ha effetti embriotossici né teratogenici e non possiede effetti marcati sul potenziale di allattamento. Non si sono avuti effetti avversi sulla fertilità o sulla funzione riproduttiva generale nei ratti, nonostante alla massima dose intramuscolare (5 mg/kg/die) le madri abbiano riscontrato alcune difficoltà nel parto e sia stato riportato un elevato tasso di mortalità neonatale.

Pubblicità

Iperplasia di grado minimo-moderato del dotto biliare con fibrosi peribiliare si è verificata nei cani dopo trattamento di 52 settimane con la dose orale di 75 mg/kg/die.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Lattosio monoidrato Mannitolo

Acido citrico anidro Sodio citrato diidrato Povidone K30 Butilidrossianisolo (E320)

Amido di mais

Amido di mais pregelatinizzato Magnesio stearato.

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

 

06.3 Periodo di validità

Indice

30 mesi

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Questo medicinale non richiede alcuna condizione particolare di conservazione.

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Blister in PVC, PVDC, alluminio e pellicola di chiusura sigillata a caldo Confezioni da 7 e 28 compresse sublinguali

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

Pubblicità

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Sun Pharmaceutical Industries Europe B.V. Polarisavenue 87

2132 JH Hoofddorp Paesi Bassi

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

“2 mg compresse sublinguali” 7 compresse in blister PVC/PVDC/AL AIC n. 040643013 “2 mg compresse sublinguali” 28 compresse in blister PVC/PVDC/AL AIC n. 040643025 “8 mg compresse sublinguali” 28 compresse in blister PVC/PVDC/AL AIC n. 040643037 “8 mg compresse sublinguali” 7 compresse in blister PVC/PVDC/AL AIC n. 040643049

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Data della prima autorizzazione: 07 giugno 2011

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Documento messo a disposizione da A.I.FA. in data: 08/01/2020

 


 

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Informazioni aggiornate al: 25/02/2020
Torna all’indice


Buprenorfina sun – 7 Cpr Subl 2 mg (Buprenorfina Cloridrato)
Classe H: Nota AIFA: Nessuna   Ricetta: Ospedaliero Tipo: Generico Info: Nessuna ATC: N07BC01 AIC: 040643013 Prezzo: 4,23 Ditta: Ranbaxy Italia Spa


Buprenorfina sun – 7 Cpr Subl 8 mg (Buprenorfina Cloridrato)
Classe H: Nota AIFA: Nessuna   Ricetta: Ospedaliero Tipo: Generico Info: Nessuna ATC: N07BC01 AIC: 040643049 Prezzo: 14,64 Ditta: Ranbaxy Italia Spa


 


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Torna all’indice


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *