Sabril – Vigabatrin: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Sabril

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Sabril: ultimo aggiornamento pagina: (Fonte: A.I.FA.)

Indice della scheda

Sabril: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

SABRIL 500 mg granulato per soluzione orale

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ogni bustina contiene: 500 mg di vigabatrin.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Granulato per soluzione orale; polvere granulare da bianca a quasi bianca.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Trattamento in associazione con altri medicinali antiepilettici per pazienti con epilessia parziale resistente con o senza generalizzazione secondaria e cioè in quei pazienti in cui tutte le altre associazioni siano risultate inadeguate o non siano state tollerate.

Monoterapia nel trattamento di spasmi infantili (Sindrome di West).

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Il trattamento con SABRIL può essere iniziato solo da uno specialista in epilettologia, neurologia o neurologia infantile. Il follow-up deve essere organizzato sotto il controllo di uno specialista in epilettologia, neurologia o neurologia infantile infantile.

Posologia

Il SABRIL è destinato alla somministrazione orale una o due volte al giorno e può essere assunto prima o dopo i pasti. Se il controllo dell’epilessia non è migliorato in maniera clinicamente significativa dopo un periodo di trattamento adeguato, la somministrazione di vigabatrin non deve essere continuata.

Vigabatrin deve essere gradualmente sospeso sotto rigoroso controllo medico.

Adulti

L’efficacia massima si manifesta generalmente in un intervallo di 2-3 g/die. Una dose iniziale di 1 g/die deve essere aggiunta al regime terapeutico attuale dei pazienti con medicinali antiepilettici. La dose giornaliera deve essere poi titolata con incrementi di 0,5 g ad intervalli settimanali, a seconda della risposta clinica e della tollerabilità del farmaco. La dose massima raccomandata è di 3 g/die.

Non esiste alcuna correlazione diretta fra la concentrazione plasmatica e l’efficacia del farmaco. La durata dell’effetto del medicinale dipende dal tasso di resintesi della GABA-transaminasi anziché dalla concentrazione plasmatica del farmaco (vedere anche ì paragrafì 5.1 e 5.2 ).

Popolazione pediatrica

Epilessia parziale resistente

La dose iniziale raccomandata nei neonati, bambini e adolescenti è di 40 mg/kg/die. Le dosi di mantenimento raccomandate in rapporto al peso corporeo sono le seguenti:

Peso corporeo: 10-15 kg 0,5-1 g/die

15-30 kg 1-1,5 g/die

30-50 kg 1,5-3 g/die

> 50 kg 2-3 g/die

Non si deve superare la dose massima raccomandata in ciascuna delle categorie. Monoterapia per gli spasmi infantili (Sindrome di West)

La dose iniziale raccomandata è di 50 mg/kg/die che può essere titolata nel corso di una settimana, se necessario. Sono state usate con una buona tollerabilità dosi fino a 150 mg/kg/die.

Anziani e pazienti con compromissione renale

Dato che vigabatrin viene eliminato attraverso il rene, si deve usare cautela quando si somministra il farmaco a persone anziane e, più in particolare, a pazienti con clearance della creatinina inferiore a 60 ml/min. Si deve prendere in considerazione un aggiustamento della dose o della frequenza di somministrazione. Questi pazienti possono rispondere ad una dose di mantenimento inferiore. I pazienti devono essere tenuti sotto controllo per accertare eventuali effetti

indesiderati, come sedazione o confusione (vedere ì paragrafì 4.4 e 4.8).

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al vigabatrin o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Tranne che per il trattamento degli spasmi infantili, il SABRIL non deve essere iniziato come monoterapia.

Sono stati segnalati difetti del campo visivo (DCV) con elevata prevalenza (circa 1/3 dei pazienti) in pazienti trattati con vigabatrin. Le frequenze riscontrate, in uno studio clinico aperto, sono state inserite nel paragrafo 5.1. L’insorgenza generalmente si verifica dopo un periodo che varia da mesi ad anni di terapia con il vigabatrin. Il grado di restrizione del campo visivo può essere grave, il che può avere conseguenze pratiche per il paziente. La maggior parte dei pazienti con difetti confermati dalla misurazione del campo visivo (perimetria) era priva di sintomi. Quindi questo effetto indesiderato può essere riconosciuto in maniera attendibile solo mediante perimetria sistematica che di solito è possibile solo in pazienti con età dello sviluppo di oltre 9 anni. Il produttore fornisce su richiesta un metodo messo a punto appositamente, basato sui “Potenziali Evocati Visivi” (Visual Evoked Potentials = VEP), per controllare la presenza della visione periferica in bambini di 3 anni e più. Attualmente questo metodo non è stato validato nel riconoscimento di difetti visivi attribuiti al vigabatrin. L’elettroretinografia può essere utile, ma deve essere impiegata solo in adulti che non siano in grado di collaborare con la perimetria o in soggetti molto giovani (vedere “Dìfettì del campo vìsìvo DCV”).

I dati attualmente disponibili fanno ritenere che i difetti del campo visivo siano irreversibili anche dopo la sospensione di vigabatrin. Non può essere escluso un peggioramento dei DCV dopo la sospensione del trattamento.

Pertanto, il vigabatrin deve essere impiegato solo dopo un’accurata valutazione del rapporto rischio/beneficio rispetto alle alternative terapeutiche disponibili.

Non è raccomandato l’uso del vigabatrin in pazienti con difetti del campo visivo preesistenti clinicamente significativi.

I pazienti devono essere sottoposti ad un esame di screening sistematico quando si inizia la terapia con vigabatrin e a intervalli regolari per diagnosticare difetti del campo visivo. Gli esami del campo visivo devono continuare a intervalli di 6 mesi per l’intera durata del trattamento. (Vedere “Dìfettì del campo vìsìvo”).

Sono stati segnalati difetti del campo visivo (DCV) con elevata prevalenza (circa 1/3 dei pazienti) in pazienti trattati con vigabatrin. Le frequenze riscontrate, in uno studio clinico aperto, sono state inserite nel paragrafo 5.1. L’insorgenza generalmente si verifica dopo un periodo che varia da mesi ad anni di terapia con il vigabatrin. Il grado di restrizione del campo visivo può essere grave, il che può avere conseguenze pratiche per il paziente. La maggior parte dei pazienti con difetti confermati dalla misurazione del campo visivo (perimetria) era priva di sintomi. Quindi questo effetto indesiderato può essere riconosciuto in maniera attendibile solo mediante perimetria sistematica che di solito è possibile solo in pazienti con età dello sviluppo di oltre 9 anni. Il produttore fornisce su richiesta un metodo messo a punto appositamente, basato sui “Potenziali Evocati Visivi” (Visual Evoked Potentials = VEP), per controllare la presenza della visione periferica in bambini di 3 anni e più. Attualmente questo metodo non è stato validato nel riconoscimento di difetti visivi attribuiti al vigabatrin. L’elettroretinografia può essere utile, ma deve essere impiegata solo in adulti che non siano in grado di collaborare con la perimetria o in soggetti molto giovani (vedere “Dìfettì del campo vìsìvo DCV”).

I dati attualmente disponibili fanno ritenere che i difetti del campo visivo siano irreversibili anche dopo la sospensione di vigabatrin. Non può essere escluso un peggioramento dei DCV dopo la sospensione del trattamento.

Pertanto, il vigabatrin deve essere impiegato solo dopo un’accurata valutazione del rapporto rischio/beneficio rispetto alle alternative terapeutiche disponibili.

Non è raccomandato l’uso del vigabatrin in pazienti con difetti del campo visivo preesistenti clinicamente significativi.

I pazienti devono essere sottoposti ad un esame di screening sistematico quando si inizia la terapia con vigabatrin e a intervalli regolari per diagnosticare difetti del campo visivo. Gli esami del campo visivo devono continuare a intervalli di 6 mesi per l’intera durata del trattamento. (Vedere “Dìfettì del campo vìsìvo”).

Difetti del campo visivo (DCV)

In base ai dati disponibili, l’andamento abituale è costituito da una restrizione concentrica del campo visivo di entrambi gli occhi, che generalmente è più marcata a livello nasale che a livello temporale. Nel campo visivo centrale (entro 30° di eccentricità), si osserva spesso un difetto nasale anulare. Tuttavia i DCV segnalati in pazienti trattati con vigabatrin andavano da lievi a gravi. I casi gravi sono potenzialmente invalidanti.

La maggior parte dei pazienti con difetti del campo visivo confermati mediante perimetria non aveva notato in precedenza spontaneamente alcun sintomo, neppure in casi in cui si osservava un grave difetto alla perimetria. I dati disponibili fanno ritenere che il DCV sia irreversibile anche dopo sospensione di vigabatrin. Non può essere escluso un peggioramento dei DCV dopo la sospensione del trattamento.

I dati riuniti in pool di studi di prevalenza fanno ritenere che non meno di un terzo dei pazienti trattati con vigabatrin presenti DCV. I pazienti di sesso maschile possono essere esposti a un rischio maggiore dei pazienti di sesso femminile. Le frequenze riscontrate, in uno studio clinico aperto, sono state inserite nel paragrafo 5.1. In questo studio è stata evidenziata una possibile relazione tra il rischio di difetti del campo visivo e l’esposizione prolungata al vigabatrin, sia in termini di dose giornaliera (da 1 g a più di 3 g), sia in termini di durata del trattamento (il massimo è durante i primi tre anni).

Tutti i pazienti devono essere sottoposti a consulto oftalmologico con l’esame del campo visivo prima di iniziare il trattamento con vigabatrin.

Prima di iniziare il trattamento e a intervalli di sei mesi per l’intera durata dello stesso devono essere eseguiti esami del campo visivo appropriati (perimetria) usando una perimetria statica standardizzata (Humphrey oppure Octopus) o una perimetria cinetica (Goldmann). La perimetria statica è il metodo preferito per riconoscere i difetti del campo visivo associati al vigabatrin.

L’elettroretinografia può essere utile, ma deve essere usata solo in pazienti adulti che non siano in grado di collaborare durante la perimetria. In base ai dati disponibili, il primo potenziale oscillatorio e le risposte di flicker a 30 Hz dell’elettroretinogramma sembrano correlate a un DCV associato a vigabatrin. Queste risposte sono ritardate e ridotte al di là dei limiti normali. Queste modificazioni non sono state osservate in pazienti trattati con vigabatrin senza DCV.

Il paziente e/o coloro che se ne prendono cura devono ricevere una descrizione approfondita della frequenza e delle

implicazioni dello sviluppo di DCV durante il trattamento con vigabatrin. I pazienti devono essere istruiti a segnalare eventuali nuovi problemi e sintomi visivi che possano essere associati a una limitazione del campo visivo. Se si sviluppano dei sintomi visivi, il paziente deve essere inviato a consulto da un oculista.

Se si osserva una restrizione del campo visivo durante il follow-up, occorre prendere in considerazione una sospensione graduale del vigabatrin. Se si decide di continuare il trattamento, occorre prendere in considerazione un follow-up più frequente (perimetria) per riconoscere la progressione del difetto o difetti che mettano in pericolo la vista del paziente.

Il vigabatrin non deve essere impiegato in concomitanza con altri farmaci retinotossici.

Popolazione pediatrica

La perimetria è raramente possibile in bambini di età inferiore a 9 anni nell’età dello sviluppo. I rischi del trattamento devono essere ponderati accuratamente in confronto a un possibile vantaggio nei bambini. Attualmente non esiste alcun metodo affermato per diagnosticare o escludere difetti del campo visivo in bambini in cui non si possa eseguire una perimetria standardizzata. Un metodo messo a punto appositamente, basato su Potenziali Evocati Visivi (PEV) specifici è messo a disposizione dal produttore su richiesta per controllare la presenza della visione periferica di bambini di 3 anni e più. Attualmente questo metodo non è stato validato nel riconoscimento dei difetti del campo visivo attribuiti al vigabatrin. Se il metodo rivela una risposta normale del campo visivo centrale, ma una risposta periferica assente, il rapporto rischio/beneficio del vigabatrin deve essere passato in rassegna e bisogna prendere in considerazione una sospensione graduale del farmaco. La presenza della visione periferica non esclude la possibilità che si sviluppi un DCV. L’elettroretinografia può essere utile, ma deve essere impiegata solo in bambini di età inferiore ai 3 anni.

Condizioni neurologiche e psichiatriche

Tenendo conto dei risultati degli studi sulla sicurezza del farmaco nell’animale (vedere paragrafo 5.3), si consiglia di tenere sotto stretta osservazione i pazienti trattati con il vigabatrin per accertare eventuali effetti avversi sulla funzione neurologica.

Poco dopo l’inizio del trattamento con il vigabatrin sono stati descritti rari rapporti di sintomi encefalopatici, come marcata sedazione, stupore e confusione in associazione con un’attività aspecifica a onde lente nell’elettroencefalogramma. I fattori di rischio di sviluppo di queste reazioni comprendono una dose iniziale più elevata di quella raccomandata, un aumento della dose più rapida di quella raccomandata e insufficienza renale. Questi eventi erano reversibili dopo una riduzione della dose o dopo la sospensione di vigabatrin. (vedere ìl paragrafo 4.8).

Sono stati segnalati casi di risonanza magnetica cerebrale anormale, in particolare nei bambini piccoli, trattati per spasmi infantili con alte dosi di vigabatrin. Allo stato attuale il significato clinico di questi risultati non è noto.

In pazienti trattati per spasmi infantili sono stati segnalati disordini del movimento che comprendono distonia, discinesia e ipertonia. Il rischio/beneficio del vigabatrin deve essere valutato su base individuale. Se durante il trattamento con il vigabatrin si presentano nuovi disordini del movimento, si deve prendere in considerazione la riduzione della dose o una graduale interruzione del trattamento.

Come avviene con altri medicinali antiepilettici, in alcuni pazienti si possono verificare un aumento della frequenza delle convulsioni o la comparsa di nuovi tipi di convulsioni con il vigabatrin (vedere paragrafo 4.8). Questi fenomeni possono essere anche la conseguenza di un sovradosaggio, di una diminuzione delle concentrazioni plasmatiche di un trattamento antiepilettico concomitante o di un effetto paradosso.

Come avviene con altri medicinali antiepilettici, un’improvvisa sospensione può determinare convulsioni di rimbalzo. Nel caso di sospensione del trattamento con il vigabatrin, si consiglia una graduale riduzione della dose nel corso di un periodo di 2-4 settimane.

Il vigabatrin deve essere usato con cautela in pazienti con anamnesi di psicosi, depressione o problemi comportamentali. Eventi psichiatrici (ad es. agitazione, depressione, pensieri anormali, reazioni paranoidi) sono stati riferiti durante il trattamento con il vigabatrin. Questi eventi si sono verificati in pazienti con e senza un’anamnesi psichiatrica e, di solito, erano reversibili quando le dosi di vigabatrin venivano ridotte o gradualmente sospese.

Idea/comportamento suicida

Sono stati segnalati casi di idea e comportamento suicida nei pazienti in trattamento con farmaci antiepilettici nelle loro diverse indicazioni. Una meta-analisi di trials clinici con medicinali antiepilettici, randomizzati controllati con placebo ha, inoltre, evidenziato un modesto incremento del rischio di idea e comportamento suicida.

Il meccanismo di tale effetto non è noto e i dati disponibili non escludono la possibilità di un incremento di rischio con il vigabatrin.

Pertanto, i pazienti devono essere monitorati per eventuali segni di idea e comportamento suicida e in tal caso deve essere preso in considerazione un appropriato trattamento. I pazienti (e chi ne ha cura) devono essere istruiti ad avvertire il medico qualora emergano segni di idea o comportamento suicida.

Anziani o pazienti con compromissione renale

Dato che il vigabatrin viene eliminato per via renale, si deve usare cautela in pazienti con clearance della creatinina inferiore a 60 ml/min e in pazienti anziani. Questi pazienti devono essere tenuti sotto stretta sorveglianza per accertare eventuali effetti indesiderati, come sedazione e confusione. (vedere paragrafo 4.2).

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

L’uso concomitante di vigabatrin e clonazepam può aggravare l’effetto sedativo (vedere paragrafo 4.5). Deve essere attentamente valutata la necessità di un uso concomitante.

Interazioni con altri medicinali ed interazioni di qualsiasi altro genere

Dato che vigabatrin non viene metabolizzato né si lega alle proteine e non è un induttore di enzimi del citocromo P450 che metabolizzano i farmaci, sono improbabili interazioni con altri medicinali. Tuttavia, durante studi clinici controllati, è stata osservata una graduale riduzione del 16-33% delle concentrazioni plasmatiche di fenitoina. La natura esatta di questa interazione non è attualmente chiara, ma, nella maggior parte dei casi, è improbabile che abbia un significato terapeutico.

Le concentrazioni plasmatiche di carbamazepina, fenobarbital e valproato di sodio sono state anch’esse monitorate durante studi clinici controllati e non è stata riconosciuta alcuna interazione clinicamente significativa.

Vigabatrin può determinare una diminuzione dell’attività plasmatica misurata dell’alanin-aminotransferasi (ALT) e, in misura minore, dell’aspartato-aminotransferasi (AST). E’ stato riferito che l’entità della soppressione dell’ALT variava fra il 30 ed il 100%. Pertanto questi test epatici possono essere inaffidabili dal punto di vista quantitativo in pazienti che assumevano vigabatrin. (Vedere ìl paragrafo 4.8).

Vigabatrin può aumentare la quantità di aminoacidi nell’urina probabilmente determinando un test falso-positivo per certi disturbi metabolici genetici rari (ad es. la presenza nell’urina di acido alfa-amino-adipico).

L’uso concomitante di vigabatrin e clonazepam può aggravare l’effetto sedativo ( vedere paragrafo 4.4).

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

danza

Rischio correlato all’epilessia e ai medicinali antiepilettici in generale

Nella prole di donne trattate con antiepilettici la prevalenza di malformazioni è due o tre volte maggiore rispetto alla popolazione generale. Quelle riportate più frequentemente sono labioschisi, malformazioni cardiovascolari e difetti del tubo neurale. La politerapia può essere associata ad un maggiore rischio di malformazioni congenite rispetto alla monoterapia, pertanto è importante praticare la monoterapia ogni volta che sia possibile.

Deve essere fornito un consiglio specialistico a tutte le pazienti che potrebbero iniziare una gravidanza o che sono in età fertile. Deve essere rivalutata la necessità di un trattamento antiepilettico quando una paziente pianifica una gravidanza. Non si deve interrompere improvvisamente una terapia antiepilettica efficace quando una paziente entra in gravidanza, poiché il peggioramento della malattia può essere dannoso sia per la madre che per il feto.

Rischio correlato al vigabatrin

Sulla base dei dati ottenuti da gravidanze esposte al vigabatrin, disponibili da segnalazioni spontanee, sono stati segnalati risultati anormali (anomalie congenite o aborto spontaneo) nella prole delle madri che hanno assunto il vigabatrin.

Non si può trarre alcuna conclusione definitiva per stabilire se vigabatrin determini un maggior rischio di malformazioni se assunto durante la gravidanza a causa dei dati limitati e della presenza di concomitanti medicinali antiepilettici.

Studi negli animali hanno mostrato tossicità riproduttiva (vedere paragrafo 5.3).

Sabril non deve essere usato durante la gravidanza a meno che le condizioni cliniche della donna richiedano un trattamento con vigabatrin.

Esiste una quantità limitata di informazioni sulla possibile comparsa di difetti del campo visivo in bambini che siano stati esposti a vigabatrin in utero.

Allattamento

Vigabatrin viene escreto nel latte materno umano. Non ci sono informazioni sufficienti sugli effetti di vigabatrin nei neonati/infanti. Si deve decidere se interrompere l’allattamento o interrompere/astenersi dalla terapia con Sabril considerando il beneficio dell’allattamento per il bambino e il beneficio della terapia per la donna.

Fertilità

Studi sulla fertilità nei ratti non hanno mostrato nessun effetto sulla fertilità maschile e femminile (vedere paragrafo 5.3).

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Come regola generale, i pazienti con epilessia non controllata non sono autorizzati a guidare veicoli o usare macchinari potenzialmente pericolosi. Tenendo conto del fatto che è stato osservato senso di stordimento in studi clinici con il SABRIL, i pazienti devono essere avvisati di questa possibilità all’inizio del trattamento.

Difetti del campo visivo che possano influenzare significativamente la capacità di guidare veicoli ed usare macchinari

sono stati segnalati frequentemente in associazione con il SABRIL. I pazienti devono essere esaminati per accertare l’eventuale presenza di difetti del campo visivo (vedere anche ìl paragrafo 4.4). I pazienti che guidano veicoli, usano macchinari od eseguono compiti pericolosi devono avere particolare attenzione.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Riassunto del profilo di sicurezza

Sono stati segnalati frequentemente difetti del campo visivo da lievi a gravi in pazienti trattati con il vigabatrin. I casi gravi sono potenzialmente invalidanti. La comparsa avviene di solito dopo mesi o anni di terapia con il vigabatrin. I dati riuniti in pool di studi di prevalenza fanno ritenere che non meno di un terzo dei pazienti trattati con il vigabatrin sviluppi difetti del campo visivo (vedere anche paragrafo 4.4).

Circa il 50% dei pazienti in studi clinici controllati ha avuto effetti indesiderati durante il trattamento con vigabatrin. Negli adulti, essi erano per la maggior parte a carico del sistema nervoso centrale, ad esempio: sedazione, stordimento, stanchezza e diminuita capacità di concentrazione. Tuttavia, nei bambini è frequente l’eccitazione o l’agitazione. L’incidenza di questi effetti indesiderati è generalmente più elevata all’inizio del trattamento e diminuisce con l’andar del tempo.

Come avviene con altri antiepilettici, alcuni pazienti possono avere un aumento della frequenza di convulsioni, compreso lo “status epilepticus” (stato epilettico), con vigabatrin. I pazienti con convulsioni miocloniche possono essere particolarmente soggetti a questo effetto. In casi rari possono verificarsi mioclono di nuova insorgenza ed esacerbazione del mioclono esistente.

Elenco tabulato delle reazioni avverse

Di seguito vengono elencati gli effetti indesiderati classificati secondo la loro frequenza, usando la seguente convenzione:

molto comune: (>1/10); comune (da >1/100 a <1/10); non comune (da >1/1000 a <1/100); raro (da >1/10.000 a

<1/1000); molto raro (<1/10.000); non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Molto comune Comune Non comune Raro Molto raro Non nota
Patologie del sistema emolinfopoietico anemia
Disturbi psichiatrici* agitazione, aggressività, nervosismo, depressione, reazioni paranoidi, insonnia ipomania, mania, disturbi psicotici tentato suicidio allucinazioni
Patologie del sonnolenza disordini del coordinazione encefalopatia* neurite sono stati
sistema nervoso linguaggio, anormale * ottica segnalati casi
cefalea, (atassia) di risonanza
capogiri, magnetica
parestesia, cerebrale
disturbi anormale
dell’attenzione e (vedere
compromissione paragrafo
della memoria, 4.4).
compromissione Sono stati
mentale segnalati
(disturbi del disturbi del
pensiero), movimento
tremori che
comprendono
distonia,
discinesia e
ipertonia, sia
da soli che
associati a
risonanza
magnetica
anormale
(vedere
Molto comune Comune Non comune Raro Molto raro Non nota
paragrafo 4.4)
Patologie dell’occhio difetti del campo visivo visione offuscata, diplopia, nistagmo patologie retiniche (come atrofia periferica della retina) atrofia ottica
Patologie gastrointestinali nausea, vomito, dolore addominale
Patologie epatobiliari epatite
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo alopecia rash angioedema, orticaria
Patologie del sistema muscoloscheletric o e del tessuto connettivo artralgia
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione fatica edema, irritabilità
Esami diagnostici*** aumento di peso

* Sono state segnalate reazioni psichiatriche durante la terapia con il vigabatrin. Queste reazioni si sono manifestate in pazienti con o senza anamnesi psichiatrica e sono risultate, di solito, reversibili con la riduzione o la sospensione graduale del vigabatrin (vedere paragrafo 4.4). La depressione è risultata una reazione psichiatrica comune negli studi clinici ma raramente ha richiesto l’interruzione del vigabatrin.

** Nelle prime fasi del trattamento con il vigabatrin, sono stati descritti rari casi di sintomi encefalopatici come sedazione marcata, stupore e confusione associati a un’attività aspecifica a onde lente nell’elettroencefalogramma.

Tali reazioni si sono dimostrate completamente reversibili dopo la riduzione della dose o la sospensione del vigabatrin (vedere paragrafo 4.4).

*** Dati di laboratorio indicano che il trattamento con il vigabatrin non conduce a tossicità renale. Sono state osservate diminuzioni nei valori di ALT e AST, tali diminuzioni sono considerate essere il risultato dell’inibizione di queste aminotransferasi da parte del vigabatrin.

Popolazione pediatrica Disturbi psichiatrici

Molto comune: eccitazione, agitazione.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzohttp://www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-segnalare-una-sospetta-reazione-avversa..

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sono stati riferiti casi di sovradosaggio di vigabatrin in cui le dosi, se riferite, comunemente erano comprese fra 7,5 e 30 g; tuttavia sono stati segnalati casi di ingestione fino a 90 g. Quasi metà dei casi implicava l’ingestione di numerosi farmaci. I sintomi più comuni, se erano riferiti, comprendevano stordimento o coma. Altri sintomi riferiti meno di frequente

comprendevano: vertigini, cefalea, psicosi, depressione respiratoria od apnea, bradicardia, ipotensione, agitazione, irritabilità, confusione, comportamento anormale e disturbi della parola. Nessuno dei casi di sovradosaggio si è concluso con la morte del soggetto.

Trattamento

Non esiste alcun antidoto specifico. Si devono impiegare le misure di sostegno consuete. Si devono prendere in considerazione alcune misure per eliminare il farmaco non assorbito. In uno studio in vitro è stato dimostrato che il carbone attivo non assorbe significativamente vigabatrin. L’efficacia dell’emodialisi nel trattamento del sovradosaggio di vigabatrin è sconosciuto. In casi isolati in pazienti con insufficienza renale trattati con dosi terapeutiche di vigabatrin, l’emodialisi ha ridotto del 40-60% le concentrazioni plasmatiche di vigabatrin.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: antiepilettici, codice ATC: N03AG04

Meccanismo d’azione

Vigabatrin è un medicinale antiepilettico con un meccanismo d’azione chiaramente definito. Il trattamento con vigabatrin determina un aumento della concentrazione di GABA (acido gamma-aminobutirrico), che è il principale neurotrasmettitore inibitore a livello cerebrale, perché vigabatrin è stato impostato razionalmente come inibitore irreversibile selettivo della GABA-transaminasi, l’enzima responsabile della scissione del GABA.

Efficacia e sicurezza clinica

Studi clinici controllati ed a lungo termine hanno dimostrato che vigabatrin è un anticonvulsivante efficace se somministrato come terapia associata in pazienti con epilessia non controllata in misura soddisfacente mediante la terapia convenzionale. Questa efficacia è particolarmente marcata in pazienti con convulsioni parziali.

L’epidemiologia dei DCV nei pazienti con epilessia refrattaria parziale è stata esaminata in uno studio di fase IV aperto, multicentrico, comparativo, per gruppi paralleli, che ha incluso 734 pazienti con almeno 8 anni di età, con epilessia refrattaria parziale da almeno un anno.

I pazienti sono stati suddivisi in tre gruppi di trattamento: pazienti in trattamento con vigabatrin (gruppo I), pazienti precedentemente esposti al vigabatrin (gruppo II) e pazienti mai esposti al vigabatrin (gruppo III).

La seguente tabella presenta le principali evidenze emerse nella valutazione iniziale ed in quelle conclusive nella popolazione di pazienti valutabili (n=524):

Bambini (dagli 8 ai 12 anni di età) Adulti (>12 anni di età)
Gruppo I1 Gruppo II2 Gruppo III Gruppo I3 Gruppo II4 Gruppo III
N= 38 N= 47 N= 41 N= 150 N= 151 N= 97
Difetti del campo visivo senza una eziologia identificata.
Osservati all’inclusione 1 (4,4%) 3 (8,8%) 2 (7,1%) 31 (34,1%) 20 (19,2%) 1 (1,4%)
Osservati alla prima valutazione conclusiva 4 (10,5%) 6 (12,8%) 2 (4,9%) 59 (39,3%) 39 (25,8%) 4 (4,1%)
Osservati all’ultima valutazione conclusiva 10 (26,3%) 7 (14,9%) 3 (7,3%) 70 (46,7%) 47 (31,1%) 5 (5,2%)

1Durata mediana del trattamento: 44,4 mesi, dose media giornaliera 1,48 g 2Durata mediana del trattamento: 20,6 mesi, dose media giornaliera 1,39 g 3Durata mediana del trattamento: 48,8 mesi, dose media giornaliera 2,10 g 4Durata mediana del trattamento: 23,0 mesi, dose media giornaliera 2,18 g

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento

Vigabatrin è un composto idrosolubile che viene assorbito rapidamente e completamente dal tratto gastrointestinale. La somministrazione di cibo non altera l’entità dell’assorbimento di vigabatrin. Il tempo per raggiungere la concentrazione plasmatica massima (tmax

) è di circa 1 ora.

Distribuzione

Vigabatrin si distribuisce largamente con un volume di distribuzione apparente leggermente superiore a quello dell’acqua corporea totale. Il legame con le proteine plasmatiche è trascurabile. Le concentrazioni nel plasma e nel liquido cerebrospinale sono in un rapporto lineare con la dose nell’ambito di dosi raccomandate.

Biotrasformazione

Vigabatrin non viene metabolizzato in modo significativo. Nessun metabolita è stato identificato nel plasma. Eliminazione

Vigabatrin viene eliminato tramite escrezione renale con un’emivita terminale di 5-8 ore. La clearance orale (Cl/F) di vigabatrin è di circa 7 l/h (cioè 0,10 l/h/kg). Circa il 70% di una dose orale singola viene recuperato sotto forma di farmaco immodificato nelle urine nelle prime 24 ore dopo la dose.

Relazioni farmacocinetiche/farmacodinamiche

Non c’è correlazione diretta tra concentrazione plasmatica ed efficacia. La durata dell’effetto del farmaco dipende dalla velocità di risintesi della GABA-transaminasi.

Popolazione pediatrica

Le proprietà farmacocinetiche di vigabatrin sono state investigate in gruppi di sei neonati (età 15-26 giorni), sei infanti (età 5-22 mesi) e sei bambini (età 4,6-14,2 anni) con epilessia resistente.

Dopo somministrazione di una dose singola di 37-50 mg/kg di una soluzione orale di vigabatrin, il tmax era di circa 2,5 ore nei neonati e negli infanti e di 1 ora nei bambini. L’emivita media terminale di vigabatrin era di circa 7,5 ore nei neonati, 5,7 ore negli infanti e 5,5 ore nei bambini. La Cl/F media dell’S-enantiomero attivo di vigabatrin in infanti e bambini era 0,591 l/h/kg e 0,446 l/h/kg, rispettivamente.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Studi animali sulla sicurezza del farmaco , eseguiti nel ratto, nel topo, nel cane e nella scimmia, hanno indicato che il vigabatrin non provoca alterazioni significative sul fegato, sul rene, sul polmone, sul cuore o sul tratto gastrointestinale. Nel cervello, è stata osservata microvacuolizzazione in tratti della sostanza bianca di ratto, topo e cane a dosi di 30-50 mg/kg/die. Nella scimmia queste lesioni sono minime o dubbie. Questo effetto è causato da una separazione della guaina lamellare esterna di fibre mieliniche, una modificazione caratteristica dell’edema intramielinico. Sia nel ratto che nel cane l’edema intramielinico era reversibile alla sospensione del trattamento con vigabatrin e si osservava una regressione istologica anche continuando il trattamento. Tuttavia, nei roditori, sono state osservate modeste alterazioni residue costituite da assoni rigonfi (sferoidi eosinofili) e microcorpi mineralizzati. Nel cane, i risultati di uno studio elettrofisiologico indicano che un edema intramielinico è associato a un incremento della latenza del potenziale somatosensoriale evocato che è reversibile quando si sospende il medicinale.

È stata osservata retinotossicità associata a vigabatrin solo in ratti albini, ma non in ratti pigmentati, cani o scimmie. Le alterazioni retiniche nei ratti albini si manifestavano sotto forma di disorganizzazione focale o multifocale dello strato nucleare esterno con spostamento dei nuclei nell’area dei coni e bastoncelli. Gli altri strati della retina non erano influenzati. Queste lesioni sono state osservate nell’80-100% degli animali alla dose di 300 mg/kg/die per os. L’aspetto istologico di queste lesioni era simile a quello riscontrato in ratti albini dopo eccessiva esposizione alla luce. Tuttavia le alterazioni retiniche possono rappresentare anche un effetto diretto indotto dal farmaco.

Esperimenti eseguiti nell’animale hanno dimostrato che il vigabatrin non ha alcuna influenza negativa sulla fertilità o sullo sviluppo dei piccoli. Non è stata osservata teratogenicità nel ratto a dosi fino a 150 mg/kg (3 volte la dose umana) o nei conigli a dosi fino a 100 mg/kg. Tuttavia, nel coniglio si è osservato un lieve aumento dell’incidenza di palatoschisi a dosi di 150-200 mg/kg.

Studi eseguiti con vigabatrin non hanno rivelato alcuna evidenza di effetti mutageni o cancerogeni.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Povidone K30 (E1201)

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

3 anni

Usare immediatamente dopo la ricostituzione.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Questo medicinale non richiede alcuna speciale condizione di conservazione.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Confezioni con bustine termosaldate in laminato(polietilene/alluminio/polietilene/carta) contenenti 50, 60 o 100 bustine. È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

Il contenuto del numero consigliato di bustine va sciolto in almeno 100 ml di acqua, succo di frutta o latte appena prima della somministrazione.

Dopo ricostituzione con acqua, la soluzione appare limpida e di colore giallo.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Sanofi S.p.A. – Viale L. Bodio, 37/B – Milano

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

Sabril 500 mg granulato per soluzione orale – 50 compresse: A.I.C. n. 027443047.

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Sabril 500 mg granulato per soluzione orale – 50 bustine: 16.4.2002

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Documento messo a disposizione da A.I.FA. in data: 11/06/2016

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Sabril – Os Grat 50 Bust 500 mg (Vigabatrin)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Nessuna ATC: N03AG04 AIC: 027443047 Prezzo: 35,11 Ditta: Sanofi Spa


Sabril – 50 Cpr Riv 500 mg (Vigabatrin)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Nessuna ATC: N03AG04 AIC: 027443011 Prezzo: 35,11 Ditta: Sanofi Spa


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983