Home Schede Tecniche Tremaril: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Tremaril: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Tremaril

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Tremaril: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Tremaril

INDICE DELLA SCHEDA

Tremaril: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

TREMARIL 5 mg compresse

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

1 compressa contiene: Principio attivo:

metixene cloridrato monoidrato …………………………………………… 5 mg

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Compresse per uso orale.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

TREMARIL è indicato in tutte le forme di sindrome parkinsoniana: parkinsonismi idiopatici, post-encefalitici ed arteriosclerotici, come pure sindromi parkinsonoidi nel corso di trattamento con neurolettici, sintomi residui e postumi nei parkinsoniani operati. Tremore senile.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Il trattamento va iniziato con piccole dosi, che vengono aumentate lentamente e progressivamente sino a raggiungere la dose ottimale usando particolare cautela nei soggetti con labilità del sistema neurovegetativo.

La dose quotidiana, la progressione delle dosi e la loro ripartizione in dosi singole, vanno adattate individualmente dal medico. Qualora sia già in corso altro trattamento con farmaco avente analoghe indicazioni, la sua sostituzione deve avvenire a poco a poco, riducendo progressivamente le dosi del farmaco precedente e somministrando per un certo periodo di tempo i due medicamenti contemporaneamente, fino alla totale eliminazione di quello che ha preceduto TREMARIL.

Trattamento: ½ compressa da 5 mg (2,5 mg) da 3 a 6 volte al giorno secondo le esigenze individuali stabilite dal medico.

La dose quotidiana di TREMARIL varia generalmente da 20 a 60 mg.

04.3 Controindicazioni

Indice

Come tutti i parasimpaticolitici, a dosi elevate, TREMARIL è controindicato in caso di ipotonia e atonia intestinale, ipertrofia prostatica, tachicardia e glaucoma.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Essendo TREMARIL un parasimpaticolitico è consigliato evitare il consumo di alcool durante l’uso del farmaco.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

L’associazione con altri psicofarmaci richiede particolare cautela e vigilanza da parte del medico ad evitare inattesi effetti indesiderati da interazione. In particolare, se si somministra TREMARIL contemporaneamente ad un fenotiazinico, non si deve superare la dose giornaliera complessiva di 15 mg.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Prove condotte nell’animale gravido hanno evidenziato che TREMARIL non possiede attività teratogenetica.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

All’inizio del trattamento il paziente può provare una certa difficoltà nel guidare un veicolo e nel compiere delle funzioni che richiedono precisione, a causa di disturbi dell’accomodazione visiva e di leggere vertigini.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

All’inizio del trattamento si possono avvertire stipsi, nausea, secchezza alle fauci, vertigini, tachicardia, lievi disturbi alla vista, un senso di ebbrezza: tali manifestazioni scompaiono di solito con il procedere del trattamento.

Qualora invece esse persistessero, occorrerà ridurre progressivamente la dose fino ad un limite ben tollerato, mantenerla per un certo periodo di tempo e poi aumentarla di nuovo con cautela.

Da mezz’ora ad un’ora dopo la somministrazione di una dose singola di 10-15 mg possono verificarsi nausea, senso di tensione addominale, debolezza, fatica.

Segni di confusione mentale possono manifestarsi specie in pazienti trattati con alti dosaggi del prodotto somministrato in associazione con altri medicamenti. Se tali segni si manifestano è necessario interrompere il trattamento.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Sono stati riportati solo pochi casi di intossicazione con TREMARIL. Sintomi:

Secchezza delle fauci, visione confusa, confusione, senso di instabilità, sonnolenza, allucinazioni, convulsioni, stato di incoscienza, tachicardia, febbre, difficoltà di respirazione.

Trattamento:

Il trattamento è essenzialmente sintomatico e di supporto; deve essere effettuata, se possibile, una lavanda gastrica seguita da somministrazione di carbone attivo.

Per i sintomi antimuscarinici: somministrazione lenta per via e.v. di fisostigmina.

Per la depressione respiratoria: respirazione artificiale con ossigeno.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

TREMARIL è un farmaco anticolinergico, che agisce sia a livello centrale che, in maniera meno pronunciata, a livello periferico. Questo lo rende

particolarmente utile per il trattamento dei disordini extrapiramidali.

Il "tremore fine" scompare nella maggior parte dei casi ed il "tremore grossolano" spesso viene notevolmente ridotto. Per quanto riguarda gli altri sintomi tipici del morbo di Parkinsons, TREMARIL è in grado di controllare adeguatamente la rigidità, mentre è meno efficace sul controllo della bradicinesia.

Inoltre TREMARIL migliora l’umore ed esercita una leggera azione antidepressiva, può essere associato con altri farmaci antiparkinsoniani, come L-dopa e amantadina.

E’ efficace anche nel tremore arteriosclerotico o senile.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Il metixene cloridrato viene assorbito dal tubo gastro-enterico ed escreto con l’urina, in parte come tale ed in parte come solfossido nelle sue forme stereoisomere e relativi metaboliti.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

La DL50 (mg/kg), 24 ore dopo la somministrazione è risultata la seguente:

SpecIe DL50 mg/kg
Os i.p. e.v.
Topo 43015518
Ratto ca. 160024

Negli studi di tossicità cronica per os condotti nel ratto (9 mesi) e nel cane beagle (12 mesi) non si è verificato alcun caso di mortalità e l’accrescimento corporeo è stato normale.

Studi di teratogenesi per via orale nel ratto e nel coniglio hanno messo in evidenza che il metixene non ha azione teratogena. Così negli studi di fertilità e negli studi peri e post-natali il metixene non ha influito nè sulla fertilità, né sullo sviluppo del feto e della prole.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Lattosio, olio di vaselina, sodio alginato, amido di mais, talco, magnesio stearato.

06.2 Incompatibilità

Indice

Nessuna.

06.3 Periodo di validità

Indice

5 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Nessuna.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Blister opaco in PVC/Al.

Astuccio da 20 compresse per uso orale.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

INDUSTRIE DIFESA – STABILIMENTO CHIMICO FARMACEUTICO MILITARE – Via XX Settembre 123/A, 00187 Roma

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

A.I.C. n. 014136028

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Prima autorizzazione: 22.09.1962

Rinnovo: 01.06.2010

10.0 Data di revisione del testo

Indice

27/03/2014

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Tremaril – 20 Cpr 5 mg (Metixene Cloridrato Monoidrato)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Prontuario terapeutico regionale ATC: N04AA03 AIC: 014136028 Prezzo: 1,65 Ditta: Aid-stab.chim. Farm.militare


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983