Pubblicita'

Pulmonaria o Polmonaria

(Pulmonaria officinalis L. – Fam. Borraginee/Anchusee)

Pulmonaria o Polmonaria- Ultimo aggiornamento pagina: 27/02/2018

Indice dei contenuti

  1. Generalità
  2. Componenti principali
  3. Proprietà farmacologiche
  4. Estratti e preparati vari
  5. Preparazioni usuali e Formule
  6. Bibliografia

Generalità

Torna ad inizio pagina

pulmonaria

Etimologia – Pulmonaria, da pulmo = polmone, allusione alle macchie bianche delle foglie, paragonate a quelle del polmone, da cui la credenza che la pianta sia utile nelle affezioni polmonari.

E’ anche registrata col nome di Symphytum maculatum Bauch. dal greco sumfuton = aderente, saldato, da sumfuw = riunisco, perchè le foglie sono decorrenti (il vocabolo Symphytum si riferisce al Symphytum officinale L. che si usava per saldare le piaghe = Consolida maggiore).

Pubblicita'

officinalis – delle officine farmaceutiche.

Nomi volgari Numerosi – Borrana selvatica, salvia di Jerusalemme (tosc.), erba piattuzza, pan d’u Segnù (lig.), erba dij pulmon, erba d’San Cristofolo o d’Sant Giosep, papasoma, supa cagne (piem.), milzera pulmonera (lomb.), bovaloss, latarina (ven.), pulmoneria (emil.) ecc. Geftecktes Lungenkraut (ted.), common lungwort (ingl.), grande pulmonaire, herbe au lait, de Notre-Dame, sauge de Bethlèem o de Jerusalem (fr.), meduniza (russo), pettyegetett tudòfu (ungh.) , salvia de Jerusalen, hierba de la Virgen (spagn.), hierba frexurera (catalan), polmonaria (port.), plucnik (pol.).

Habitat Europa, Asia. In Italia frequente nei boschi ombrosi, umidi, freschi, lungo i ruscelli. Nel settentrione, nelle zone submontana e montana; lungo l’Appennino, sino alla Calabria ed al Gargano.

Nota esistono varie sottospecie: P. maculosa Heyne, P. obscura Dumort e parecchie varietà: P. Vallarsae Kern., P. mollis Wolf. (considerata da alcuni AA. specie a sè), P. vulgaris Mérat., P. angustifolia L. (considerata da alcuni AA. specie a sè) .

Pianta erbacea perenne, rizomatosa.

Parti usate Le foglie.

Lodi (Piante Officinali Italiane, 1957) annota: «Chi dice di raccogliere sole le foglie radicali, chi di scartare le foglie radicali. Le foglie caulinari si raccolgono solo in primavera, le grandi basali si raccolgono nell’autunno o alla fine dell'inverno, perchè, alla fioritura, sono morte».

Componenti principali

Torna ad inizio pagina

Saponine, mucillaggine, tannino (1) (2), flobafene, poliosi che per scissione producono galattosio, acido galatturonico e pentosi: resina; grasso con gli acidi stearico, palmitico e miristica; alcool cerilico, fitosterina (3). Vitamina C (4), carotene, tannini con elevate quantità di derivati polifenolici (5) e manganese (4) (5). Umidità 8,75-9,95 % nella pianta essiccata all'aria (6).

Grinkevic (4) ha notato l’accumularsi di manganese e di vitamina C nella pianta e principalmente nelle foglie durante il periodo di crescita. Durante lo stadio di fioritura nelle foglie è stato trovato dal 3,37 al 4,41 % di acido ascorbico, calcolato rispetto al peso della droga secca. Queste quantità diminuiscono con la maturazione dei frutti. Lo stesso A. (5) ha successivamente segnalato che la Pulmonaria contiene tannino e carotene e che il titolo di quest’ultimo e dell’acido ascorbico è direttamente proporzionale al contenuto di manganese.

Proprietà farmacologiche ed impiego terapeutico

Torna ad inizio pagina

La Pulmonaria ebbe fama in passato di utile rimedio nelle malattie polmonari, non esclusa la tubercolosi, indicazioni queste per le quali i sostenitori della teoria della «signatura» vedevano una indubbia conferma nella forma delle sue foglie e nella loro maculatura biancastra che, con l’aiuto di una certa fantasia, potevano richiamare alla mente l'aspetto di un polmone cosparso di noduli tubercolari…

In realtà a questa pianta non può essere attribuita che una leggera azione diaforetica [Leclerc (7)], mentre una maggior importanza potrebbe esserle riconosciuta in considerazione del suo notevole contenuto di vitamina C, di carotene e anche di manganese. Essa potrebbe essere pertanto, utilmente associata a preparati vitaminici e ricostituenti.

Estratti e preparati vari

Torna ad inizio pagina

Estratto fluido (g 1 = XXXII gtt).

Dosi: g 1-3 pro dose.

Preparazioni usuali e formule galeniche

Torna ad inizio pagina

Tintura

Estratto fluido pulmonaria……………………………………………… g 20

Alcool di 20°…………………………………………………………………. g 80

(g 5-15 pro dose).

Sciroppo

Estratto fluido pulmonaria……………………………………………… g 5

Sciroppo semplice F.U. ……………………………………………….. g 95

(a cucchiai).

BIBLIOGRAFIA

Torna ad inizio pagina

(1) Merck Index, 564, 1929 – (2) WEHMER C., Die Pflanzenstoffe, Il ed., p. 1019 – (3) ZELLNER e GETZOW, Arch. Pharm., 263, 161, 1925 – (4) GRINKEVIC N. I., Aptechnoe Delo. 7, 34, i958; 7, l4, 1958; Chem. Abs, 54, i458i i, 1960 – (5) GRINKEVIC N. I., ibid,, n. 5, 29, 1960; Chem. Abs., 55, 10799 i, 1961 – (6) KRONE W., Pharmazie, 15, 502, 1960 – (7) LECLERC H., Précis de Phytothérapie, Masson, Paris 1935, p, 219.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare anche: