Home Schede Tecniche Neoustiol: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Neoustiol: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Neoustiol

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Neoustiol: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Neoustiol: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

NEO USTIOL

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Un tubo da 10 g contiene:

Principi attivi: Citrato trisodico g 0,80; Acido paraminobenzoico (sale sodico) g 0,20; Procaina cloridrato g 0,050

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Unguento oftalmico.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Tutte le ustioni dell’occhío, con particolare riguardo per quelle da calce spenta.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Applicare tre volte al giomo, salvo diversa prescrizione medica.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità alla procaina e agli altri componenti del prodotto.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Evitare l’uso prolungato e ripetuto del prodotto in quanto, per la presenza dell’anestetico locale, il può provocare gravi lesioni corneali.

Tenere fuori della portata dei bambini.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Questo preparato può ridurre l’azione di un preparato oculare a base di sulfamidici.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Come per tutti i farmaci, usare con cautela e sotto il diretto consiglio del medico.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Nessuno.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Se si manifestassero segni di irritazione, interrompere il trattamento e consultare il medico.

04.9 Sovradosaggio

Indice

Non sono noti, in letteratura, casi di sovradosaggio.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Nelle ustioni da calce, nei diversi tessuti oculari, si hanno numerosissime microinfiltrazioni di sali di calcio.

Il Citrato trisodico è in grado di reagire con tali sali, formando ioni complessi con il calcio che divengono solubili e vengono allontanati facilmente con le lacrime.

Accanto a questa azione, il citrato trisodico presenta una buona azione decongestionante.

L’Acido paraminobenzoico (sale sodico) esplica una buona azione antisettica, cheratoplastica e riepitelizzante.

La Procaina cloridrato, per applicazione topica, possiede una buona azione anestetica locale.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Per applicazione topica oculare, non sono riportate tali indagini in letteratura.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

DL 50 al 7° giomo dal trattamento per via orale, nel ratto e nel Mus musculus: > 250 mg/kg, come procaina.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Olio di fegato di merluzzo; lanolina anidra; acqua depurata; vaselina bianca.

06.2 Incompatibilità

Indice

Conservare ad una temperatura non superiore a 25°C

06.3 Periodo di validità

Indice

Validità in confezionamento integro: 60 mesi.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Nessuna.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

10g di unguento oftalmico sono confezionati in tubo di alluminio flessibile con punta oftalmica in materiale plastico, verniciato internamente e chiuso inferiormente per aggraffatura meccanica e superiormente con capsula a vite e sigillo.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna in particolare.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

ALFA INTES – Industria Terapeutica Splendore S.r.l. – Via Fratelli Bandiera, 26 – 80026 Casoria (NA)

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

AIC 009121017

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

01/03/1971 – 31/05/2005.

10.0 Data di revisione del testo

Indice

01/06/2007

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

    Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983