Pubblicità

K flebo (Potassio Aspartato): indicazioni e modo d’uso

K flebo (Potassio Aspartato) è un farmaco che serve per curare le seguenti condizioni patologiche:

opotassiemie di qualsiasi origine. Iperammoniemie.

K flebo: come si usa?

farmaco: indicazioni e modo d'uso

Come per tutti i farmaci, anche per K flebo è molto importante rispettare e seguire i dosaggi consigliati dal medico al momento della prescrizione.

Se però non ricordate come prendere K flebo ed a quali dosaggi (la posologia indicata dal medico), è quanto meno necessario seguire le istruzioni presenti sul foglietto illustrativo. Vediamole insieme.

Posologia di K flebo

Posologia

La posologia deve essere valutata caso per caso dal medico e deve essere in rapporto al grado di ipopotassiemia da correggere. La somministrazione deve essere fatta:

Pubblicità

per fleboclisi lenta, previa diluizione in 100 ml di soluzione fisiologica per 10 mEq di potassio;

per ipodermoclisi, previa diluizione in 100 ml in soluzione fisiologica per 10 mEq di potassio;

per via orale previa diluizione in succo di frutta o altro liquido.

Popolazione pediatrica

La posologia nei bambini e negli adolescenti (0-18 anni) non è stata stabilita. Modo di somministrazione

Diluire prima della somministrazione: mortale se infuso non diluito. Agitare bene durante la preparazione e prima dell’uso.

Per le istruzioni sulla diluizione del medicinale prima della somministrazione vedere paragrafo 6.6.

Ricordate in ogni caso che se non ricordate la posologia indicata dal medico e utilizzate K flebo seguendo le istruzioni del foglietto illustrativo, sarà poi opportuno che contattiate il vostro medico e lo avvisiate del dosaggio che avete assunto, per avere conferma o ulteriori consigli!

Lo posso prendere se sono incinta?

Un’altra domanda che spesso ci poniamo prima di prendere una medicina è se è possibile assumerla in gravidanza

Tenendo presente che in gravidanza sarebbe opportuno evitare qualsiasi farmaco se non strettamente necessario e che prima di assumere qualsiasi farmaco in gravidanza va sentito il medico curante, vediamo insieme quali sono le istruzioni sulla scheda tecnica di K flebo per quanto riguarda la gravidanza:

K flebo: si può prendere in gravidanza?

Studi di teratogenesi hanno dimostrato che il farmaco non influisce negativamente sulla gravidanza e sullo sviluppo del feto,

Ne ho preso troppo! Cosa fare?

Può anche capitare che per errore o distrazione assumiate una quantità di farmaco superiore a quella prescritta dal vostro medico.

Talvolta capita che bambini piccoli per gioco ingeriscano dei farmaci lasciati a portata di mano: raccomandiamo sempre di tenere i farmaci lontano dalla portata dei bambini, in luoghi chiusi e custoditi.

Cosa devo fare se per sbaglio ho preso un dosaggio eccessivo di K flebo?

Qualunque sia la causa dell’ingestione di una quantità eccessiva di farmaco, ecco cosa riporta la Scheda Tecnica di K flebo in caso di sovradosaggio.

K flebo: sovradosaggio

Sintomi

Gli effetti di un eventuale sovradosaggio sono quelli dell’iperpotassiemia da trattare nel modo appropriato.

Trattamento

In caso di sovradosaggio sospendere immediatamente l’infusione della soluzione contenente potassio e istituire una terapia correttiva per ridurre i livelli elevati plasmatici di potassio e ristabilire, se necessario, l’equilibrio acido-base.

K flebo: istruzioni particolari

DILUIRE PRIMA DELLA SOMMINISTARZIONE: MORTALE SE INFUSO NON DILUITO.

Agitare bene durante la preparazione della diluizione e prima della somministrazione. La soluzione diluita deve essere utilizzata immediatamente in una sola ed ininterrotta somministrazione, l’eventuale residuo deve essere eliminato.

Il medicinale diluito deve essere ispezionato visivamente prima della somministrazione per individuare corpuscoli o alterazioni cromatiche.

La soluzione deve essere limpida, incolore o leggermente giallina e priva di particelle visibili. Non usare soluzioni torbide o che presentano depositi.

Adottare tutte le usuali precauzioni al fine di mantenere la sterilità prima e durante l’infusione endovenosa.

Il medicinale non utilizzato ed i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.


Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *