Carpantin: effetti collaterali e controindicazioni

Carpantin (Pantetina + Carnitina + Ciproeptadina) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Anoressie primitive e secondarie a malattie infettive, metaboliche ed endocrine. Insufficienza ponderale.

Carpantin: effetti collaterali

Pubblicità

Come tutti i farmaci, però, anche Carpantin ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Carpantin, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Carpantin: controindicazioni

Soggetti con ipersensibilità verso uno o più dei componenti.

Durante il trattamento con inibitori delle MAO. Glaucoma. Sindromi di ritenzione urinaria e di occlusione intestinale.

Carpantin: effetti collaterali

Con l’uso della ciproeptadina in dosi notevolmente superiori a quelle somministrabili con CARPANTIN sono state raramente segnalate vertigini, secchezza delle fauci, cefalea, nausea e vomito, eruzioni cutanee su base allergica o da fotosensibilizzazione ed eccezionalmente sintomi di stimolazione del SNC, ipotensione, aritmie cardiache, discrasie ematiche.

Sono stati riportati casi di convulsioni in pazienti, con o senza precedenti di attività convulsiva, che avevano ricevuto levocarnitina per via orale o endovenosa.

Carpantin: avvertenze per l’uso

Si consiglia cautela nel trattamento di cardiopatici, ipertesi, ipertiroidei, asmatici.

Nel caso, sia pure infrequente, di mancata risposta di soggetti disappetenti dopo un prolungato periodo di trattamento si consigliano ulteriori accurate indagini cliniche.

Poichè, come è noto, l’avvelenamento con antiistaminici può risultare infausto specie nell’infanzia, è necessario, come per ogni altro farmaco, non lasciare il preparato alla portata dei bambini.

Tenere fuori della portata dei bambini.


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.