Citropiperazina: effetti collaterali

Citropiperazina (Piperazina) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Alcalinizzante delle urine e coadiuvante nella litiasi uratica e nella diatesi urica.

Citropiperazina: effetti collaterali

Pubblicità

Come tutti i farmaci, però, anche Citropiperazina ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Citropiperazina, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Citropiperazina: controindicazioni

Ipersensibilità già nota verso il prodotto. Insufficienza epatica e renale. Epilessia e altre malattie convulsivanti. Diatesi spasmofilica.

Citropiperazina: effetti collaterali

Le reazioni di ipersensibilità comprendono: l’orticaria, l’eritema multiforme, porpora, artralgia e febbre.

Citropiperazina: avvertenze per l’uso

Il prodotto deve essere assunto a stomaco vuoto per periodi di tempo non lunghi e con larghi intervalli tra detti periodi.

Il prodotto può indurre manifestazioni neurotossiche a dosi superiori a quelle consigliate nei pazienti con insufficienza renale, nei pazienti con disturbi del S.N.C., nonché, sia pure raramente, in pazienti trattati con psicofarmaci.

Se si manifestano reazioni indesiderabili a carico del S.N.C., dell’apparato gastroenterico o fenomeni di ipersensibilità, il trattamento deve essere interrotto.

Il prodotto contiene saccarosio e sali di sodio, di ciò si tenga conto in caso di diabete o di affezioni che richiedono un regime dietetico iposodico.


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.