Pubblicità

Vancocina: effetti collaterali e controindicazioni

Vancocina a.p. 250 mg capsule rigide (Vancomicina Cloridrato) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

La vancomicina può essere somministrata per via orale nel trattamento dell’enterocolite stafilococcica e della colite pseudomembranosa da Clostridium difficile causata da antibioticoterapia.

La somministrazione parenterale di vancomicina non e’ efficace nel trattamento di queste malattie, e quindi deve essere somministrata per os.

La vancomicina per altri tipi di infezione non è efficace se somministrata per via orale.

Pubblicità

Vancocina a.p. 250 mg capsule rigide: effetti collaterali

Come tutti i farmaci, però, anche Vancocina a.p. 250 mg capsule rigide ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Vancocina a.p. 250 mg capsule rigide, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Vancocina a.p. 250 mg capsule rigide: controindicazioni

Ipersensibilità alla vancomicina o ad uno dei componenti.

Vancocina a.p. 250 mg capsule rigide: effetti collaterali

Nelle condizioni che predispongono ad un assorbimento in circolo della vancomicina somministrata per via orale si possono verificare reazioni di ipersensibilità ed altri effetti avversi similmente a quelli riscontrati a seguito della somministrazione endovenosa: anafilassi, nausea, brividi, febbre da farmaco, orticaria, prurito, rash (incluso la dermatite esfoliativa), sindrome del collo rosso, eosinofilia, sindrome di Stevens-Johnson, ipotensione, respiro sibilante, dispnea, dolore e spasmo muscolare localizzati al torace e al dorso e vasculite. Sono stati inoltre descritti casi di neutropenia, ototossicità e nefrotossicità, per la maggior parte reversibili.

Raramente è stata osservata trombocitopenia e agranulocitosi reversibile, benchè di quest’ultima non sia stato stabilito un nesso di causalità.

Vancocina a.p. 250 mg capsule rigide: avvertenze per l’uso

Nei pazienti con ridotta funzionalità renale, somministrare il farmaco con attenzione, riducendo eventualmente il dosaggio a meno di 2 g al giomo. Evitare di somministrare la vancomicina a soggetti con perdita della funzione uditiva e, se necessario, controllare i livelli ematici del farmaco.

Un uso prolungato della vancomicina orale può provocare la proliferazione di specie batteriche resistenti.

Eseguire periodicamente controlli della crasi ematica, delle urine e della funzionalità epatica e renale in tutti i pazienti.

Controllare la funzionalità vestibolare.

Nei pazienti con funzionalità renale ai limiti della norma o con oltre 60 anni di età può essere opportuno monitorare i livelli ematici dell’antibiotico, anche in corso di somministrazione per via orale.


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/articoli/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *