Home Schede Tecniche Treparin: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Treparin: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Treparin

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Treparin: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Treparin

INDICE DELLA SCHEDA

Treparin: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

TREPARIN 250 L.R.U. capsule molli

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Una capsula molle contiene

Principio attivo:

Sulodexide (Glucuronil glucosaminoglicano solfato) prodotto da mucosa intestinale porcina

250 L.R.U. (Lipoprotein-lipase Releasing Units).

Eccipienti:

Etile p-idrossibenzoato E214 0,241 mg Propile p-idrossibenzoato E216 0,119 mg Olio di soia raffinato c.a. 70 mg

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Capsule molli.

Capsule di colore da rosso a rosso-marrone opaco, di forma ovale.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

cere venose croniche. TREPARIN è indicato negli adulti.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Posologia

1 capsula 1-2 volte al giorno, lontano dai pasti.

Orientativamente si consiglia una terapia di circa 60 giorni. Il ciclo terapeutico va ripetuto almeno due volte l’anno.

La posologia può essere variata in quantità e frequenza, a giudizio del medico.

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l’efficacia di TREPARIN nei bambini ed adolescenti al di sotto dei 18 anni non sono state stabilite.

Non ci sono dati disponibili.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1, verso l’eparina e gli eparinoidi. Diatesi e malattie emorragiche.

TREPARIN contiene olio di soia. Pertanto TREPARIN è controindicato nei pazienti allergici alle arachidi o alla soia.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

TREPARIN, per le sue caratteristiche farmaco-tossicologiche, non presenta particolari precauzioni d’uso. Comunque, nei casi in cui sia anche in atto un trattamento con anticoagulanti, è consigliabile controllare periodicamente i parametri emocoagulativi.

Popolazione pediatrica

Non ci sono dati disponibili sulla popolazione pediatrica.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Non sono stati effettuati studi d’interazione.

Essendo Sulodexide una molecola eparino-simile può aumentare gli effetti anticoagulanti dell’eparina stessa e degli anticoagulanti orali se somministrato contemporaneamente.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

L’esperienza sulla sicurezza dell’uso di TREPARIN somministrato durante la gravidanza o l’allattamento non è stata valutata in studi clinici controllati.

L’uso di TREPARIN in gravidanza è sconsigliato sebbene gli studi di tossicità fetale non abbiano messo in evidenza effetti embrio-feto-tossici.

Allattamento

L’esperienza sulla sicurezza dell’uso di TREPARIN somministrato durante l’allattamento non è stata valutata in studi clinici controllati.

Pertanto TREPARIN non deve essere utilizzato durante l’allattamento.

Fertilità

Gli studi su animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti sulla fertilità maschile e femminile.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

i TREPARIN non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli e di usare macchinari.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Gli effetti indesiderati riportati più avanti si basano su dati ottenuti dall’ esperienza post-marketing e sono stati elencati secondo la classificazione per sistemi e organi MedDRA (SOC, Classificazione per sistemi e organi) e livello Termine Preferito.

La frequenza è stata valutata sulla base dei seguenti criteri: molto comune (≥1/10), comune (≥1/100, <1/10), non comune (≥1/1.000, <1/100), raro (≥1/10.000, <1/1.000) e molto raro (<1/10.000), non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Classificazione per sistemi e organi secondo MedDRA (SOC) Reazioni Avverse (Termine
preferito derivante dal dizionario MedDRA)
Frequenza
Patologie gastrointestinali Nausea
Vomito Epigastralgia
non nota
non nota non nota
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Manifestazioni cutanee o in sedi diverse non nota

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo http://www.aifa.gov.it/content/segnalazioni-reazioni-avverse.

04.9 Sovradosaggio

Indice

L’incidente emorragico è l’unico effetto ottenibile da un sovradosaggio.

In caso di emorragia occorre iniettare, come si usa nelle “emorragie epariniche”, solfato di Protamina all’1% (3 ml i.v. = 30 mg).

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: Sulodexide è classificato tra i farmaci antitrombotici eparinici -Codice ATC: B01AB11.

Meccanismo d’azione

L’attività del Sulodexide si esplica mediante una spiccata azione antitrombotica sia sul versante arterioso che venoso.

Numerosi studi clinici condotti somministrando il prodotto per via parenterale ed orale dimostrano che l’attività antitrombotica del Sulodexide è dovuta all’inibizione dose-dipendente di alcuni fattori coagulativi tra i quali, in primo luogo, il fattore Xattivato, mentre l’interferenza con la trombina, restando a livelli poco significativi, evita in genere le conseguenze di una azione anticoagulante.

L’azione antitrombotica è sostenuta anche dall’inibizione della adesività piastrinica e dall’attivazione del sistema fibrinolitico circolante e di parete.

Il Sulodexide, inoltre, normalizza i parametri viscosimetrici che di solito si ritrovano alterati in pazienti con patologie vascolari a rischio trombotico: tale attività si esercita principalmente mediante la riduzione dei valori di fibrinogeno.

Il profilo farmacologico sin qui descritto per Sulodexide, è completato dalla normalizzazione dei valori lipidici alterati, ottenuta mediante attivazione della lipoproteinlipasi.

Effetti farmacodinamici

Studi volti ad evidenziare eventuali altri effetti, oltre a quelli sopra descritti, che sono alla base dell’efficacia terapeutica, hanno permesso di confermare che la somministrazione di TREPARIN non mostra effetti anticoagulanti.

Efficacia e sicurezza clinica

L’attività terapeutica di TREPARIN è stata sempre valutata in pazienti affetti da patologie vascolari con rischio trombotico, sia sul versante arterioso che venoso.

Il farmaco ha dimostrato particolare efficacia in pazienti anziani ed in pazienti diabetici.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento

Sulodexide presenta un profilo farmacocinetico simile a quello dell’eparina e i suoi livelli plasmatici risultano essere correlati linearmente con l’inibizione del fattore di coagualazione attivato (Xa) e logaritmicamente con l’attivazione della lipoproteinlipasi.

La cinetica plasmatica di Sulodexide marcato con fluoresceina è stata ampiamente studiata nel ratto per le vie di somministrazione parenterale ed orale.

Prove farmacologiche eseguite nell’uomo hanno dimostrato che Sulodexide ha elevata biodisponibilità dopo somministrazione i.m., i.v., e orale. La biodisponibilità del Sulodexide dopo somministrazione di bolo i.v e somministrazione orale è quasi equivalente, ma la somministrazione orale ha

determinato concentrazioni circolanti maggiori di quelle ottenute con somministrazione i.v. a tutti i tempi eccetto che nelle prime ore.

Distribuzione

L’assorbimento parenterale del Sulodexide è caratterizzato da una fase rapida di distribuzione in organi e tessuti e da una successiva eliminazione bifasica secondo un criterio di tipo bicompartimentale. La cinetica per via orale è interpretabile secondo un modello monocompartimentale. La sostanza marcata si accumula preferenzialmente a livello di fegato, reni ed endotelio vascolare.

Biotrasformazione

Il metabolismo è risultato principalmente epatico.

Eliminazione

L’escrezione del Sulodexide avviene prevalentemente per via urinaria; dopo somministrazione, l’escrezione urinaria corrisponde rispettivamente a circa il 50% nelle prime 24h e raggiunge il 67% dopo 48h.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

I dati preclinici non rivelano rischi particolari per l’uomo sulla base di studi convenzionali di sicurezza farmacologica, tossicità a dosi ripetute, genotossicità, potenziale cancerogeno, tossicità della riproduzione e dello sviluppo.

Il Sulodexide è un’eparinoide che ha dimostrato di possedere una buona tollerabilità locale e generale, anche a dosaggi superiori rispetto a quelli impiegati in clinica.

Lo studio sulla tossicità del prodotto, condotto su varie specie di animali da laboratorio, ha consentito di concludere che, per somministrazioni orali, non è agevole determinare il valore della DL50, dato che, a dosaggi 1000 volte superiori alla DTS, non si ottengono segni di sintomatologia tossica; dosi superiori sono di non agevole somministrazione nell’animale: comunque, è stato stabilito che la DL50 per os, è superiore a 8000 mg/kg.

Somministrato per via iniettiva, il farmaco risulta ben tollerato a dosaggi fino a 200 DTS/kg (i.m.) e 100 DTS/kg (e.v.) e la DL50, per impiego parenterale, è stata calcolata, in mg/kg, a 2840 (i.m.) e 2090 (i.p.) per il Mus musculus ed in 3120 (i.m.) e 2100 (i.p.) per il ratto.

Anche per somministrazioni protratte nel tempo, il farmaco appare ben tollerato, senza influenze nocive su organi e funzioni organiche, incapace di indurre modificazioni sullo sviluppo embriofetale o alterazioni sulla gestazione.

Prove di laboratorio hanno dimostrato che il farmaco risulta sprovvisto di attività mutagena nel corso dei tests di più frequente accezione.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Nucleo della capsula

Sodio laurilsolfato, Olio di soia raffinato, Cera d’api gialla E901.

Involucro della capsula

Glicerina E422, Gelatina, Etile p-idrossibenzoato E214, Propile p- idrossibenzoato E216, Titanio biossido E171, Ferro ossido giallo E172, Ferro ossido rosso E172, Ferro ossido marrone E172.

06.2 Incompatibilità

Indice

Non pertinente.

06.3 Periodo di validità

Indice

2 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare a temperatura inferiore a 25°C.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Astuccio di cartone contenente 5 blister in PVC/alluminio da 10 capsule molli cadauno.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Nessuna istruzione particolare.

Il medicinale non utilizzato e i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Omikron Italia S.r.l. Viale Bruno Buozzi, 5 – 00197 Roma tel: 06-80693572

fax: 06-80665266

e-mail: info@omikronitalia.it

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

“250 L.R.U. capsule molli” 50 capsule: A.I.C. n° 023797119

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

04/10/1978 – 01/06/2005

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Documento messo a disposizione da A.I.FA. in data: 26/09/2017

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Treparin – 50 Cps 250 Lru (Sulodexide)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta Ripetibile Tipo: Etico Info: Nessuna ATC: B01AB11 AIC: 023797119 Prezzo: 29,5 Ditta: Omikron Italia Srl


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983