Pubblicità

D-Penicillamina

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

D-Penicillamina: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

 

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

D-PENICILLAMINA

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Penicillamina

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Capsule rigide

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Terapia della cistinosi/cistinuria, in tutti i casi in cui si ritenga indispensabile l’impiego di tale farmaco, in alternativa o in associazione con altri presidi terapeutici compatibili.

Pubblicità

Tutti i pazienti con diagnosi accertata di cistinosi/cistinuria per i quali il clinico ritenga opportuno instaurare una terapia con D-Penicillamina in alternativa o in associazione con altri presidi terapeutici compatibili.

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Periodo di prescrizione a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale: fino a nuova determinazione dell’Agenzia italiana del Farmaco.

Piano terapeutico: la D-Penicillamina può essere utilizzata nel trattamento della cistinosi/cistinuria per periodi di tempo determinati o indefinitamente secondo il giudizio del clinico. Il dosaggio è variabile, mediamente compreso negli adulti fra i 1000 e 4000 mg al dì. Il dosaggio massimo consentito è di 4000 mg al dì. Nei bambini il dosaggio medio consigliato è di 30 mg/kg/die. La dose totale giornaliera può essere suddivisa fino a 4 somministrazioni. I pazienti che ricevono D-Penicillamina devono assumere adeguate quantità di liquidi. È particolarmente importante che assumano circa 0,5 litri di acqua prima di coricarsi ed altrettanto nel corso della notte. Maggiore è la quantita’ dei liquidi che si ingeriscono, minore sarà la dose necessaria di D-Penicillamina.

Il dosaggio deve essere adattato al paziente fino ad un valore che limiti l’escrezione della cistina a 100-200 mg/die nei pazienti che non hanno mai avuto episodi di calcolosi renali ed al di sotto dei 100 mg/die nei pazienti con anamnesi positiva per calcolosi renale.

Perciò, nel determinare il dosaggio, i difetti tubulari esistenti, la corporatura del paziente l’età, il ritmo di crescita, la dieta e l’assunzione di liquidi devono essere complessivamente presi in considerazione.

Il trattamento va interrotto se si verifica una trombocitopenia (conta piastrinica inferiore a 90000/mm³) o neutropenia (conta dei neutrofili inferiore a 2000/mm³) e potrà essere ripreso quando i parametri siano rientrati nella normalità con un dosaggio iniziale non superiore a 300 mg al dì.

 

04.3 Controindicazioni

Indice

Aumenti progressivi e significativi, in corso di trattamento, di proteinuria e/o ematuria. Deficit grave di lattasi, galattosemia o sindrome da malassorbimento di glucosio/galattosio.

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Altre condizioni da osservare: le modalità previste dagli articoli 4, 5, 6 del provvedimento CUF datato 20 luglio 2000 citato in premessa, in relazione a:

art 4: istituzione del registro, rilevamento e trasmissione dei dati di monitoraggio clinico ed informazioni riguardo a sospensioni del trattamento (mediante apposita scheda come da Provvedimento 31 gennaio 2011, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 70 del 24 marzo 2001);

art 5: acquisizione del consenso informato, modalità di prescrizione e di dispensazione del medicinale;

art 6: rilevamento e trasmissione dei dati di spesa.

DATI DA INSERIRE NEL REGISTRO

Prima del trattamento 1, 3, 6 e 12 mesi
Esame emocromocitometrico con formula leucocitaria e piastrine mensile
Creatininemia mensile
Esami di laboratorio per proteinuria ed ematuria mensile
Eruzioni cutanee/fenomeni allergici o di intolleranza mensile
Segni emorragici cutanei trimestrale
Altri eventi avversi trimestrale

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

 

06.2 Incompatibilità

Indice

 

06.3 Periodo di validità

Indice

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Costi indicativi: la D-Penicillamina sarà prodotta dallo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze al prezzo di € 15,18 per una confezione di 50 capsule da 150 mg di D-Penicillamina. Il costo di una capsula da 150 mg è di circa € 0,30.

Si presume un costo massimo mensile di € 234,00 per paziente.

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

700002482

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *