Pubblicità

preflucel sosp iniett in sir prer 1 sir prer 0 5 ml

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

preflucel sosp iniett in sir prer 1 sir prer 0 5 ml: ultimo aggiornamento pagina: 14/11/2020 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di preflucel sosp iniett in sir prer 1 sir prer 0 5 ml

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

PREFLUCEL sospensione iniettabile in siringa preriempita

Vaccino influenzale (virus split, inattivato, preparato in colture cellulari)

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Virus dell’influenza (split, inattivati) dei seguenti ceppi*:

A/California/07/2009 (H1N1) 15 microgrammi di HA**
A/Victoria/361/2011 (A/H3N2) 15 microgrammi di HA**
B/Hubei-Wujiagang/158/2009 (B) 15 microgrammi di HA**
per dose da 0,5 ml

* propagato in cellule Vero (linea cellulare continua di origine mammifera)

** emagglutinina

Questo vaccino è conforme alle raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) (emisfero settentrionale) e alla decisione dell’Unione Europea (UE) per la stagione 2012/2013.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Sospensione iniettabile in siringa preriempita. PREFLUCEL è una sospensione da limpida a opalescente.

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Profilassi dell’influenza in adulti e anziani.

L’uso di PREFLUCEL si deve basare sulle raccomandazioni ufficiali.

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Posologia

Adulti (età non inferiore ai 18 anni) e anziani (età superiore a 60 anni): 0,5 ml

Popolazione pediatrica

Non sono state valutate la sicurezza e l’efficacia in soggetti di età inferiore a 18 anni (vedere paragrafo 5.1).

Modo di somministrazione

L’immunizzazione deve essere eseguita tramite iniezione intramuscolare (nel muscolo deltoide). Per le istruzioni sul vaccino prima della somministrazione, vedere paragrafo 6.6.

 

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1 o residui (per es., formaldeide, benzonasi o saccarosio).

Pubblicità

Si raccomanda di rimandare l’immunizzazione nei pazienti con malattia acuta di grado moderato o severo, con o senza febbre.

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Come per tutti i vaccini iniettabili, devono sempre essere prontamente disponibili appropriati trattamenti medici e la supervisione medica nel caso di una reazione anafilattica in seguito alla somministrazione del vaccino.

E’ stata riportata anafilassi con l’uso di PREFLUCEL.

PREFLUCEL non deve essere somministrato per alcuna ragione per via intravascolare.

Nei pazienti con immunosoppressione endogena o iatrogena la risposta anticorpale può essere insufficiente. Come con altre iniezioni per via intramuscolare, PREFLUCEL deve essere somministrato con cautela negli individui affetti da disordini della coagulazione come l’emofilia, o sottoposti a terapia anticoagulante, per evitare il rischio di ematoma in seguito all’iniezione.

Questo medicinale contiene meno di 1 mmol sodio (23 mg) per 0,5 ml, cioè, essenzialmente è ‘senza sodio’.

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

PREFLUCEL può essere somministrato contemporaneamente ad altri vaccini. Non miscelare con altri vaccini nella stessa siringa o flaconcino.

L’immunizzazione deve essere eseguita in arti differenti. Deve essere noto che le reazioni indesiderate possono essere potenziate. La risposta immunologica può essere ridotta, se il paziente riceve un trattamento immunosoppressivo. Sebbene non sia stato riscontrato con PREFLUCEL, dopo la vaccinazione anti- influenzale sono stati osservati risultati falsi positivi in test sierologici condotti con il metodo ELISA per il rilevamento di anticorpi diretti contro i virus HIV-1, Epatite C e soprattutto HTLV-1. La tecnica di Western Blot non conferma i risultati falsi positivi del test ELISA. Le reazioni false positive transitorie possono essere dovute alla risposta delle IgM al vaccino.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

La sicurezza di PREFLUCEL durante la gravidanza e l’allattamento non è stata valutata nelle sperimentazioni cliniche. In generale, i dati ottenuti nell’ambito della vaccinazione antinfluenzale di donne in gravidanza non indicano esiti indesiderati attribuibili al vaccino sia per il feto che per la madre. L’uso di questo vaccino può essere considerato a partire dal secondo trimestre di gravidanza. Si raccomanda al medico di considerare con attenzione i potenziali rischi e benefici per ciascun particolare paziente, prima di prescrivere PREFLUCEL. Per le donne in gravidanza, con condizioni di salute che aumentano il rischio delle complicanze dell’influenza, il vaccino può essere somministrato attenendosi alle raccomandazioni nazionali.

Allattamento

PREFLUCEL può essere usato durante l’allattamento.

Fertilità

Non sono stati determinati gli effetti del vaccino PREFLUCEL sulla fertilità maschile.

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

PREFLUCEL non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli e di usare macchinari.

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Riassunto del profilo di sicurezza

I dati di sicurezza relativi all’uso di PREFLUCEL sono basati su dati provenienti da studi clinici che hanno riguardato più di 10.000 soggetti adulti ed anziani (8.600 adulti con età compresa tra 18 e 59 anni;

2.225 anziani con età superiore a 60 anni). Le reazioni avverse più comunemente osservate nel corso degli studi clinici sono state cefalea, mialgia, dolore in sede di iniezione, affaticamento e malessere. PREFLUCEL non è stato studiato in una popolazione pediatrica.

Elenco delle reazioni avverse

Le reazioni avverse riportate sono elencate secondo le seguenti frequenze: Molto comune (≥1/10)

Comune (≥1/100, <1/10)

Pubblicità

Non comune (≥1/1.000, <1/100) Raro (≥1/10.000, <1/1.000)

Classificazione per organo Molto comune
≥ 1/10
Comune
≥ 1/100, < 1/10
Non comune
≥ 1/1.000, < 1/100
Raro
≥ 1/10.000
< 1/1.000
Disturbi del sistema
immunitario
Ipersensibilità, reazione
anafilattica
Patologie del sistema nervoso Cefalea* Disturbi sensoriali* (ipoestesia, iperestesia,
parestesia)
Disgeusia
Patologie dell’occhio Iperemia oculare, irritazione oculare,
secrezione oculare
Patologie respiratorie, toraciche e
mediastiniche
Tosse, dolore orofaringeo, rinorrea Irritazione della gola, edema della faringe, dispnea
Patologie
gastrointestinali
Nausea*, vomito* Dolore
addominale
Disfagia*
Patologie della cute e del tessuto
sottocutaneo
Iperidrosi Prurito, eritema Orticaria
Esami diagnostici Aumento della
pressione arteriosa
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto
connettivo
Mialgia Artralgia* Rigidità muscoloscheletrica
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Reazione in sede di iniezione : dolore*
Reazioni sistemiche: affaticamento,
malessere
Reazione in sede di iniezione: gonfiore, eritema, indurimento*
Reazioni sistemiche: brividi, piressia
Reazione in sede di iniezione: Prurito, emorragia, sensazione di calore*
Reazioni sistemiche: senso di costrizione
toracica
Edema periferico
Patologie vascolari Sincope

* Queste reazioni generalmente scompaiono entro 1-2 giorni senza trattamento.

E’ stato riportato un caso di sclerosi multipla in un singolo soggetto di sesso maschile. I primi sintomi si sono verificati 6 settimane dopo la vaccinazione. Non può essere escluso il nesso di causalità con la vaccinazione.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione dell’Agenzia Italiana del Farmaco, sito web: http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

È improbabile che il sovradosaggio provochi effetti sfavorevoli.

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: vaccino influenzale, antigene purificato, codice ATC: J07BB02 Generalmente la sieroprotezione viene ottenuta entro 2-3 settimane. La durata dell’immunità post- vaccinazione ai ceppi omologhi o ai ceppi strettamente correlati ai ceppi del vaccino varia, ma generalmente è compresa tra 6 e 12 mesi.

Efficacia clinica

L’efficacia clinica del vaccino contro l’infezione influenzale è stata studiata durante la stagione influenzale 2008/2009 nello studio pivotal di fase 3, randomizzato, controllato verso placebo, in doppio cieco, condotto in soggetti sani di età compresa tra 18 e 49 anni, che hanno ricevuto PREFLUCEL (N = 3626) o placebo (N = 3620). L’efficacia di PREFLUCEL era definita dalla prevenzione dell’infezione influenzale confermata con coltura (CCII) per i ceppi corrispondenti e non corrispondenti.

Stime dell’efficacia del vaccino durante la stagione influenzale 2008/2009§
Ceppi dell’influenza Ceppi corrispondenti> Ceppi corrispondenti e non
corrispondenti insieme
Adulti 18-49 anni di età N=3626 Adulti 18-49 anni di età N=3626
A/H1N1
(95% CI)
79,0%
(59,7-89,0)
75,2%
(55,4-86,2)
A/H3N2 (95% CI) 50,0%1
(-173,0-90,8)
50,0%
(-173,0-90,8)
Ceppi A insieme
(95% CI)
77,0%
(57,9-87,4)
73,5%
(54,0-84,7)
Ceppo B (95% CI) 100%2
(4,1-100,0)
60,1%3
(9,5-82,4)
TUTTI i ceppi
(95% CI)
78,5%
(60,8-88,2)
71,5%
(54,7-82,1)

§ Studio clinico di fase 3 condotto negli Stati Uniti durante la stagione influenzale 2008/2009

> Efficacia contro i ceppi dell’influenza antigenicamente simili ai ceppi del vaccino (confermato da coltura virale)

>§ Efficacia contro i ceppi dell’influenza indipendentemente dalla corrispondenza antigenica (confermato da coltura virale e/o RT-PCR)

1 2 casi documentati di CCII nel gruppo vaccino e 4 casi documentati nel gruppo placebo

2 4 casi documentati di CCII, tutti nel gruppo placebo

3 Sono stati isolati 28 ceppi di influenza B, di cui, 4 rappresentavano un lineaggio corrispondente al ceppo vaccinale (lineaggio Yamagata)

L’efficacia del vaccino calcolata per tutti i ceppi, indipendendentemente dalla corrispondenza antigenica, è risultata consistente durante lo studio, con un’efficacia media cumulativa settimanale del 68%-83% nel corso dell’intera stagione influenzale.

Immunogenicità

Nello studio pivotal di fase 3 in adulti di età 18-49 anni (2008/2009) le risposte immunitarie a ciascuno degli antigeni sono riepilogate nella tabella seguente:

PREFLUCEL
Anticorpo anti-HA ceppo specifico A/H1N1 A/H3N2 B
Adulti 18-49 anni di età
N = 3473
Adulti 18-49 anni di età
N = 3473
Adulti 18-49 anni di età
N = 3473
Tasso di sieroprotezione*
(95% CI)
88,0%
(86,8-89,0)
93,3%
(92,4-94,1)
97,1%
(96,5-97,7)
Tasso di
sieroconversione** (95% CI)
70,4%
(68,9-71,9)
79,1%
(77,7-80,4)
65,7%
(64,1-67,3)
Aumento delle medie geometriche***
(95% CI)
11,1
(10,52-11,74)
13,5
(12,85-14,20)
7,6
(7,22-7,97)

* Sieroprotezione = Titolo HI ≥ 40

** Sieroconversione = titolo HI pre-vaccino negativo e titolo HI post-vaccinazione ≥ 40: Aumento significativo = titolo HI pre-vaccinazione positivo e aumento almeno di 4 volte del titolo HI post-vaccinazione

*** L’aumento delle medie geometriche è l’aumento della risposta anticorpale (titolo dell’inibizione dell’emoagglutinazione) dopo la vaccinazione rispetto a prima della vaccinazione. L’aumento della risposta anticorpale è

riportato come media geometrica dell’aumento del titolo anticorpale in ogni singolo soggetto 21 giorni dopo la vaccinazione rispetto a prima della vaccinazione.

In un precedente studio clinico di fase 3 randomizzato, controllato verso placebo, in doppio cieco, condotto in soggetti sani di età compresa tra 18 e 49 anni durante la stagione influenzale 2007/2008, 1744 soggetti hanno ricevuto PREFLUCEL. I tassi di sieroprotezione di tutti e tre i ceppi influenzali variavano dal 75,9% al 97,1%, i tassi di sieroconversione variavano dal 57,0% al 71,7% e l’aumento delle medie geometriche 21 giorni dopo la vaccinazione variava da 6,5 a 10,8 oltre il livello basale dei titoli HI.

Uno studio di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, controllato verso un confronto attivo, ha valutato l’immunogenicità e la sicurezza di PREFLUCEL in soggetti adulti ed anziani (età pari o superiore a 50 anni) durante la stagione influenzale 2008/2009 che hanno ricevuto PREFLUCEL (N = 2842), oppure un vaccino trivalente di confronto contro il virus dell’influenza coltivato su uova (N = 366).

I tassi di sieroprotezione e di sieroconversione e l’aumento delle medie geometriche (GMFI) sono riepilogati nella tabella seguente:

PREFLUCEL
Anticorpo anti-HA ceppo specifico A/H1N1 A/H3N2 B
50-59 anni di età
N=1248
60+ anni di età
N=1548
50-59 anni di età
N=1248
60+ anni di età
N=1548
50-59 anni di età
N=1248
60+ anni di età
N=1548
Tasso di sieroprotezione* (95% CI) 76,9%
(74,5; 79,2)
71,1%
(68,7; 73,3)
90,1%
(88,3; 91,7)
90,8%
(89,3; 92,2)
87,5%
(85,5 ; 89,3)
82,8%
(80,8; 84,6)
Tasso di sieroconversione** (95% CI) 50,6%
(47,7; 53,4)
37,2 %
(34,8; 39,7)
70,1%
(67,5; 72,6)
59,8%
(57,3; 62,3)
49,1%
(46,3; 51,9)
37,5%
(35,0; 39,9)
Aumento delle medie geometriche*** (95% CI) 5,18
(4,78;5,63)
3,35
(3,14;3,57)
9,67
(8,86;10,55)
6,14
(5,71; 6,59)
4,59
(4,25;4,97)
3,20
(3,00; 3,40)

*Sieroprotezione = Titolo HI ≥ 40; criterio CHMP >70% per soggetti di età 18-59 anni e >60% per soggetti di età pari o superiore a 60 anni.

** Sieroconversione = titolo HI pre-vaccino negativo e titolo HI post-vaccinazione ≥ 40: Aumento significativo = titolo HI pre-vaccinazione positivo e aumento almeno di 4 volte del titolo HI post-vaccinazione; criterio CHMP >40% per soggetti di età 18-59 anni e >30% per soggetti di età pari o superiore a 60 anni.

*** L’aumento delle medie geometriche è l’aumento della risposta anticorpale (titolo dell’inibizione dell’emoagglutinazione) dopo la vaccinazione rispetto a prima della vaccinazione. L’aumento della risposta anticorpale è riportato come media geometrica dell’aumento del titolo anticorpale in ogni singolo soggetto 21 giorni dopo la vaccinazione rispetto a prima della vaccinazione; criterio CHMP >2,5 per soggetti di età 18-59 anni e >2,0 per soggetti di età pari o superiore a 60 anni.

Il vaccino di confronto coltivato su uova ha ottenuto tassi di sieroprotezione verso tutti e 3 i ceppi influenzali compresi tra 86,7% e 95,8% nei soggetti di età 50-59 anni (N=143) e compresi tra 79,7% e 96,2% nei soggetti di età pari o superiore a 60 anni (N=212). A distanza di 21 giorni dalla vaccinazione i tassi di sieroconversione erano dal 61,5% al 87,4% (nei soggetti di età 50-59 anni) e dal 47,6% al 72,6% (nei soggetti di età pari o superiore a 60 anni). L’aumento delle medie geometriche 21 giorni dopo la vaccinazione variava rispettivamente tra 5,8 e 13,9; 4,0 e 10,7 in entrambi i gruppi di età.

Pubblicità

PREFLUCEL non è stato studiato in una popolazione pediatrica; pertanto non sono disponibili i dati della risposta immunitaria per questo gruppo di età (vedere paragrafo 4.2).

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Non pertinente.

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

I dati non-clinici non rivelano rischi particolari per l’uomo sulla base di studi di tossicità convenzionali. PREFLUCEL è risultato ben tollerato e immunogenico in topi, ratti e cavie. In studi di tossicità a dosi singole e ripetute nei ratti non vi sono state evidenze di tossicità sistemica e localmente il vaccino è stato ben tollerato. Non sono state valutate la genotossicità e carcinogenicità potenziali, perché questi studi non sono appropriati per un vaccino. Non si è verificata alcuna reazione avversa a seguito di vaccinazione materna in studi sullo sviluppo e sulla riproduzione nei ratti.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Trometamolo Sodio cloruro Polisorbato 80

Acqua per preparazioni iniettabili

 

06.2 Incompatibilità

Indice

In assenza di studi di compatibilità, PREFLUCEL non deve essere miscelato con altri medicinali.

 

06.3 Periodo di validità

Indice

1 anno

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare in frigorifero (2 °C – 8 °C). Non congelare.

Conservare nell’imballaggio esterno per proteggere il medicinale dalla luce.

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

1 o 10 sirighe preriempite (vetro di tipo I) con un tappo dello stantuffo privo di lattice (gomma di bromobutile) munite di ago.

1 o 10 sirighe preriempite (vetro di tipo I) con un tappo dello stantuffo privo di lattice (gomma di bromobutile) senza ago.

Ogni siringa contiene 0,5 ml di sospensione. È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Pubblicità

Prima dell’uso portare il vaccino a temperatura ambiente.

Agitare bene le siringhe preriempite prima della somministrazione, in modo che la sospensione del vaccino sia ben miscelata. Una volta agitato, PREFLUCEL si presenta come una sospensione da limpida a opalescente. Il

vaccino deve essere esaminato visivamente prima della somministrazione, allo scopo di rilevare la presenza di eventuale particolato estraneo e/o variazioni dell’aspetto fisico. In tal caso eliminare il vaccino.

Rimuovere il copri-ago, come segue:

Tenere la siringa preriempita nella parte inferiore del copri-ago fissato sul recipiente di vetro (Fig. 1).

Usare l’altra mano per afferrare la parte superiore del copri-ago tra l’indice e il pollice e ruotarla per rompere il sigillo (di sicurezza) (Fig. 2).

Rimuovere la parte staccata del copri-ago dall’ago con un movimento verticale (Fig. 3).

<.. image removed ..>

Fig. 1 Fig. 2 Fig. 3

Una volta rimosso il copri-ago, PREFLUCEL deve essere somministrato immediatamente.

Per evitare la perdita di sterilità e/o l’ostruzione dell’ago, l’ago non deve essere lasciato senza protezione per periodi prolungati di tempo. Pertanto il copri-ago deve essere rimosso solo dopo l’agitazione e immediatamente prima dell’uso.

Informazioni aggiuntive per la siringa di PREFLUCEL senza ago:

dopo aver rimosso il cappuccio della siringa, collegare l’ago immediatamente e rimuovere il copri-ago prima della somministrazione. Una volta collegato l’ago, il vaccino deve essere somministrato immediatamente.

Per ridurre al minimo il rischio di reazioni indesiderate locali, porre particolare attenzione per evitare gocce di vaccino sulla punta o sulla superficie esterna dell’ago prima dell’iniezione. Se si usa l’alcol in sede di iniezione, deve essere lasciato asciugare completamente prima della vaccinazione e non deve entrare in contatto con il vaccino.

Il medicinale non utilizzato ed i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Pubblicità

Indice

Baxter S.p.A

Piazzale dell’Industria, 20 00144 Roma – Italia

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

040490017 – “sospensione iniettabile in siringa preriempita” – 1 siringa preriempita munita di ago da 0,5 ml 040490029 – “sospensione iniettabile in siringa preriempita” – 10 siringhe preriempite munite di ago da 0,5 ml

040490031 – “sospensione iniettabile in siringa preriempita” – 1 siringa preriempita senza ago da 0,5 ml 040490043 – “sospensione iniettabile in siringa preriempita” – 10 siringhe preriempite senza ago da 0,5 ml

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Settembre 2011

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Documento messo a disposizione da A.I.FA. in data: ———-

 


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Torna all’indice


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *