Pubblicità

Pulmozyme

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Pulmozyme: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Pulmozyme

 

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Pulmozyme 2500 U/2,5 ml, soluzione per nebulizzatore

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

Ogni fiala contiene 2500 U (corrispondenti a 2,5 mg) di dornase alfa* per 2,5 ml, corrispondenti a 1000 U/ml o 1 mg/ml**.

*proteina fosforilata e glicosilata deossiribonucleasi 1 umana, prodotta nella linea cellulare di ovario di criceto cinese CHO A14.16-1 MSB #757 attraverso la tecnica del DNA ricombinante.

**1 unità Genentech/ml = 1 µg/ml.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Soluzione per nebulizzatore.

Soluzione trasparente, da incolore a leggermente giallastra.

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Pulmozyme è indicato nel trattamento di pazienti affetti da fibrosi cistica con una capacità vitale forzata (CVF) superiore al 40% di quella prevista e con un’età maggiore di 5 anni per migliorare la funzionalità polmonare.

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

2,5 mg (corrispondenti a 2500 U) di deossiribonucleasi 1, da assumersi una volta al giorno per inalazione del contenuto di una fiala (2,5 ml di soluzione) non diluita, mediante l’uso di un compressore volumetrico per aerosol (vedere paragrafo 6.6).

Alcuni pazienti di età superiore ai 21 anni possono trarre beneficio dalla somministrazione per due volte al giorno.

La maggior parte dei pazienti ottiene i migliori risultati da un uso quotidiano regolare di Pulmozyme. In alcuni studi nei quali Pulmozyme è stato somministrato secondo uno schema non continuativo si è osservato che il miglioramento della funzionalità polmonare regredisce alla sospensione della terapia. Per questo motivo i pazienti devono essere istruiti sulla necessità di assumere il medicinale ogni giorno, senza interruzioni.

I pazienti devono continuare a sottoporsi alle normali cure mediche, compresa la fisioterapia respiratoria standard prescritta.

Nei pazienti che presentano una riacutizzazione delle infezioni dell’apparato respiratorio, la somministrazione del medicinale può essere continuata senza pericolo.

La sicurezza e l’efficacia non sono state ancora dimostrate nei pazienti di età inferiore ai 5 anni o in pazienti con capacità vitale forzata inferiore al 40% di quella prevista.

 

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Pubblicità

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Nessuna.

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Pulmozyme può essere utilizzato efficacemente e senza pericolo in associazione a terapie standard della fibrosi cistica, come antibiotici, broncodilatatori, enzimi pancreatici, vitamine, corticosteroidi inalatori e sistemici e analgesici.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Gravidanza

Non è stata determinata la sicurezza di dornase alfa nelle donne in gravidanza. Studi condotti sugli animali non evidenziano effetti dannosi, diretti o indiretti, sulla gravidanza o sullo sviluppo embriofetale (vedere paragrafo 5.3). Dornase alfa deve essere prescritto con cautela alle donne in gravidanza.

Allattamento

Quando dornase alfa è somministrato nell’uomo secondo il dosaggio raccomandato, l’assorbimento sistemico è minimo; pertanto non si attendono concentrazioni rilevabili di dornase alfa nel latte materno. Occorre tuttavia cautela quando dornase alfa viene somministrato a donne che allattano (vedere paragrafo 5.3).

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Pulmozyme non altera o altera in modo trascurabile la capacità di guidare veicoli e di usare macchinari.

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

I dati sugli eventi avversi rispecchiano quanto osservato negli studi clinici e nell’esperienza post- marketing con l’uso di Pulmozyme al dosaggio consigliato.

Le reazioni avverse attribuite a Pulmozyme sono rare (< 1/1000). Nella maggior parte dei casi, le reazioni avverse sono di media entità e di natura transitoria e non richiedono alcuna modifica del dosaggio di Pulmozyme.

Patologie dell’occhio:

Congiuntivite

Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche:

Disfonia, dispnea, faringite, laringite, rinite (tutte non infettive)

Patologie gastrointestinali: Dispepsia

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo:

Rash, orticaria

Patologie sistemiche:

Dolore toracico (pleuritico/non cardiaco), febbre

Esami diagnostici:

Riduzione del test di funzionalità polmonare.

I pazienti che manifestano eventi avversi riferibili alla fibrosi cistica di solito possono continuare ad assumere Pulmozyme senza pericolo, come mostrato dall’alta percentuale di pazienti che hanno

Pubblicità

completato gli studi clinici con Pulmozyme.

Negli studi clinici, solo pochi pazienti hanno riferito eventi avversi tali da portare alla sospensione permanente della somministrazione di dornase alfa, con una percentuale d’interruzione che è stata simile per placebo (2%) e dornase alfa (3%).

All’inizio della terapia con dornase alfa, come con qualsiasi aerosol, la funzionalità polmonare può diminuire e può invece aumentare l’espettorazione.

Meno del 5% dei pazienti trattati con dornase alfa ha sviluppato anticorpi verso dornase alfa e in nessuno di questi è stata evidenziata una produzione di anticorpi del tipo IgE verso dornase alfa. Sono comunque stati registrati miglioramenti nei test di funzionalità polmonare anche in seguito alla comparsa di anticorpi verso dornase alfa.

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

L’effetto del sovradosaggio di Pulmozyme non è stato determinato.

In studi clinici, pazienti con fibrosi cistica hanno inalato fino a 20 mg di Pulmozyme due volte al giorno (pari a 16 volte la dose giornaliera raccomandata) per un massimo di 6 giorni e 10 mg due volte al giorno (pari a 8 volte la dose raccomandata) in modo intermittente (2 settimane si e 2 no) per 168 giorni. Sei pazienti adulti non affetti da fibrosi cistica hanno ricevuto una singola dose per via endovenosa da 125 μg/kg di dornase alfa, seguita 7 giorni più tardi da 125 μg/kg per via sottocutanea per due periodi consecutivi di 5 giorni, senza che fossero rilevati anticorpi neutralizzanti diretti contro la DNasi, o qualsiasi cambiamento negli anticorpi sierici diretti contro il DNA a doppio filamento. Tutte queste dosi sono state ben tollerate.

Non è stata osservata alcuna tossicità sistemica di Pulmozyme, né si prevede di osservarla in considerazione dello scarso assorbimento e della breve emivita di dornase alfa. È pertanto improbabile che si renda necessario un trattamento sistemico del sovradosaggio (vedere paragrafo 5.2).

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Categoria farmacoterapeutica: sistema respiratorio, codice ATC: R05CB13.

La DNasi umana ricombinante è un analogo, prodotto mediante ingegneria genetica, dell’enzima umano presente in natura ed in grado di indurre la frammentazione del DNA extracellulare.

La ritenzione di secrezioni viscose purulente nelle vie respiratorie contribuisce sia a ridurre la funzionalità polmonare che ad esacerbare le infezioni. Le secrezioni purulente contengono elevatissime concentrazioni di DNA extracellulare, un polianione viscoso liberato nel processo di degenerazione dei leucociti che si accumulano in risposta all’infezione. In vitro, la dornase alfa idrolizza il DNA presente nell’escreato dei pazienti con fibrosi cistica e ne riduce in modo consistente la viscoelasticità.

Risultati degli studi clinici

L’efficacia e la sicurezza sono state determinate in studi in doppio cieco confrontati con placebo (Z0342/Z0343), nei quali pazienti sopra i 5 anni di età con capacità vitale forzata (CVF) superiore del 40% rispetto a quella prevista hanno ricevuto 2,5 mg di Pulmozyme una o due volte al giorno per un periodo di 24 settimane. Complessivamente, in questi studi sono stati randomizzati 968 pazienti (età media di 19 anni) con un valore basale medio di CFV del 78%.

Un altro studio in doppio cieco confrontato con placebo (Z0713) ha valutato l’effetto di Pulmozyme (2,5 mg una volta al giorno per 2 anni) sulla funzionalità polmonare in pazienti giovani (età 6-

11 anni) con evidenza minima di malattia polmonare definita da un valore di CFV  85% del

previsto. Complessivamente in questo studio sono stati randomizzati 474 pazienti (età media di 8,4 anni) con un valore basale medio di CFV del 102,3%.

Nelle tabelle seguenti sono riportati i risultati degli endpoint principali. Nella fase iniziale del trattamento con Pulmozyme è stato osservato un aumento significativo del FEV1 che si è abbassato nel corso del tempo, specialmente dopo il primo anno di trattamento; tuttavia, la differenza rispetto al placebo è rimasta statisticamente significativa. Pulmozyme ha ridotto del 30% circa il rischio relativo di riacutizzazione delle infezioni dell’apparato respiratorio che richiedono antibiotici per via parenterale; tale riduzione non è risultata correlata con il miglioramento nel FEV1 misurato durante le prime settimane di terapia.

Studi Z0342/Z0343 Placebo 2,5 mg QD 2,5 mg BID
N = 325 N = 322 N = 321
FEV1 (% del previsto) Variazione % media dal basale
Giomo 8 – 0,5% 7,9% 9,0%
Settimana 24 0,1% 5,1% 3,6%
Complessivamente 0,0% 5,8% 5,6%
p < 0,001 p < 0,001
% di pazienti con riacutizzazioni delle infezioni Durante 24 settimane 43% 34% 33%
Rischio relativo (IC 95%) 0,73 (0,57 – 0,94) 0,71 (0,55 – 0,91)
p = 0,015 p = 0,007
Studio Z0713 Placebo 2,5 mg QD
N = 235 N = 237
Spirometria Variazione media dal basale (alla settimana 96)
FEV1 (% del previsto) – 3,10 0,03
p = 0,008
CFV (% del previsto) – 2,88 – 2,23
p = 0,54
FEF 25-75 (% del previsto) – 4,05 3,83
p = 0,0008
% di pazienti con riacutizzazioni delle infezioni Durante 96 settimane 24% 17%
Rischio relativo (IC 95%) 0,66 (0,44 – 0,996)
p = 0,048

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Assorbimento

Studi per via inalatoria condotti nei ratti e in primati non umani hanno mostrato una bassa percentuale di assorbimento sistemico di dornase alfa, inferiore al 15% nei ratti e al 2% nelle scimmie. Coerentemente con i risultati di questi studi negli animali, dornase alfa somministrata ai pazienti per aerosol mostra un basso assorbimento sistemico.

Nei ratti, l’assorbimento della dornase alfa attraverso il tratto gastrointestinale dopo somministrazione orale è insignificante.

La DNasi è normalmente presente nel siero umano. L’inalazione di quantità di dornase alfa fino a 40 mg per un massimo di 6 giorni non ha prodotto un aumento significativo della concentrazione sierica di DNasi al di sopra dei normali livelli endogeni. Non sono stati riscontrati aumenti della concentrazione sierica di DNasi oltre i 10 ng/ml. Dopo somministrazione di 2500 U (2,5 mg) di dornase alfa due volte al giorno per 24 settimane, le concentrazioni sieriche medie di DNasi non sono risultate differenti dal valore medio basale di 3,5 ± 0,1 ng/ml, precedente il trattamento, il che lascia ipotizzare un basso assorbimento o accumulo sistemico.

Distribuzione

Studi nei ratti e nelle scimmie indicano che, dopo somministrazione endovenosa, dornase alfa viene eliminata rapidamente dal siero. In questi studi il volume iniziale di distribuzione è risultato simile al volume del siero.

L’inalazione di 2500 U (2,5 mg) di dornase alfa produce nei pazienti con fibrosi cistica una concentrazione media di dornase alfa nell’espettorato di circa 3 µg/ml entro 15 minuti. Le concentrazioni di dornase alfa nell’escreato decrescono rapidamente dopo l’inalazione.

Metabolismo

Si prevede che dornase alfa sia metabolizzata da proteasi presenti nei fluidi biologici.

Eliminazione

Pubblicità

Studi nei ratti e nelle scimmie hanno indicato che, dopo somministrazione endovenosa , la rhDNasi viene eliminata rapidamente dal siero. Studi sulla somministrazione endovenosa nell’uomo hanno suggerito che l’emivita di eliminazione sierica è di 3-4 ore.

Studi nei ratti indicano che, dopo somministrazione per aerosol, l’emivita di eliminazione della dornase alfa dai polmoni è di 11 ore. Nell’uomo i livelli di DNasi nell’espettorato si sono ridotti nell’arco di 2 ore a meno della metà dei valori rilevati immediatamente dopo la somministrazione, ma gli effetti sulla reologia dell’espettorato sono perdurati per più di 12 ore.

Popolazione pediatrica

Pulmozyme 2,5 mg per inalazione è stato somministrato una volta al giorno per 2 settimane a

98 pazienti di età compresa tra i 3 mesi e i 9 anni (65 di età compresa tra 3 mesi e < 5 anni, 33 tra i 5 e i 9 anni), ed il fluido del lavaggio broncoalveolare (BAL) è stato ottenuto entro 90 minuti dalla prima dose. Nei pazienti non in grado di inspirare o espirare con la bocca per tutto il periodo di trattamento è stato utilizzato il nebulizzatore riutilizzabile Pari Baby (che utilizza una mascherina facciale al posto di un boccaglio) (54/65, 83% dei pazienti più giovani e 2/33, 6% di quelli più anziani). Concentrazioni di DNasi nel BAL erano rilevabili in tutti i pazienti, pur con uno spettro ampio, da 0,007 a 1,8 µg/ml. Nel corso di una media di 14 giorni di esposizione, le concentrazioni sieriche di DNasi (media ± d.s.) sono aumentate di 1,1 ± 1,6 ng/ml nel gruppo di età compresa tra

3 mesi e < 5 anni e di 0,8 ± 1,2 ng/ml nel gruppo di età compresa tra 5 e 9 anni. L’incidenza di febbre è stata più frequente nel gruppo di pazienti più giovani che in quello dei pazienti più anziani (41% contro 24% rispettivamente); la febbre è una nota complicanza della broncoscopia.

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Dati non-clinici basati su studi convenzionali di sicurezza farmacologica, tossicità a dosi ripetute, genotossicità, potenziale cancerogeno, tossicità sulla riproduzione non indicano uno specifico rischio di sicurezza per l’uomo.

In uno studio eseguito nelle scimmie cynomolgus che allattavano, somministrando per via endovenosa alte dosi di dornase alfa (100 µg/kg in bolo, seguiti da 80 µg/kg/ora per 6 ore), nel latte materno erano rilevabili basse concentrazioni (< 0,1% della concentrazione osservata nel siero materno della scimmia cynomolgus).

In uno studio sulla tossicità dell’inalazione della durata di quattro settimane in ratti giovani, si è cominciata la somministrazione 22 giorni dopo la nascita a dosi per le vie aeree inferiori pari a 0,51, 102 e 260 µg/kg/die. Dornase alfa è stata ben tollerata e non sono state rilevate lesioni nell’apparato

respiratorio.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Sodio cloruro

Calcio cloruro diidrato

Acqua per preparazioni iniettabili

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Pulmozyme è una soluzione acquosa non stabilizzata e non deve essere diluito o miscelato con altri medicinali o soluzioni nella camera del nebulizzatore. La miscelazione di questa soluzione può portare ad alterazioni dannose di tipo strutturale e/o funzionale sia di Pulmozyme che del composto miscelato.

 

06.3 Periodo di validità

Indice

2 anni.

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Conservare in frigorifero (2°C – 8°C).

Tenere la fiala nell’imballaggio esterno per proteggere il medicinale dalla luce.

Una singola breve esposizione a temperature elevate (per non più di 24 ore e fino a 30°C) non influisce sulla stabilità del prodotto.

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Pubblicità

Indice

2,5 ml di soluzione per nebulizzatore in fiala (polietilene a bassa densità). Confezione da 6.

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Il contenuto di una fiala monouso da 2,5 mg (2500 U) di Pulmozyme soluzione sterile per inalazione è da inalarsi una volta al giorno usando un apposito nebulizzatore.

Pulmozyme non deve essere miscelato con altri medicinali o soluzioni nel nebulizzatore (vedere paragrafo 6.2).

Il contenuto completo di una singola fiala deve essere versato nella camera di un sistema nebulizzatore/compressore quale: Hudson T Up-draft II/Pulmo-Aide, Airlife Misty/Pulmo- Aide, Respirgard adattato/Pulmo-Aide o AcornII/Pulmo-Aide.

Pulmozyme può anche essere utilizzato insieme ad un sistema nebulizzatore/compressore riutilizzabile, come Pari LL/Inhalierboy, Pari LC/Inhalierboy o Master, Aiolos/2Aiolos, Side Stream/CR50 o MobilAire o Porta-Neb.

I nebulizzatori ad ultrasuoni non sono adatti alla somministrazione di Pulmozyme, perché possono inattivare Pulmozyme o perché possiedono caratteristiche aerosoliche inadeguate.

Si devono seguire le istruzioni fornite dai produttori sull’uso e la manutenzione del nebulizzatore e del compressore.

L’isolamento dell’aerosol non è necessario.

Le fiale di Pulmozyme sono utilizzabili solamente per una singola somministrazione. Il medicinale non utilizzato ed i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

Roche S.p.A. – Piazza Durante 11 – 20131 Milano

Pubblicità

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

“2500 U/2,5 ml, soluzione per nebulizzatore” 6 fiale da 2,5 ml AIC n°029352010/M

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Rinnovo: marzo 2009

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

marzo 2011

 


 

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Informazioni aggiornate al: 01/02/2020
Torna all’indice


Pulmozyme – Inal 6 F 2500 U 2,5 ml (Desossiribonucleasi)
Classe A: Rimborsabile dal SSN (gratuito o con ticket per il paziente) Nota AIFA: Nessuna   Ricetta: Ricetta Non Ripetibile Limitativa Tipo: Etico Info: Continuita terapeutica Ospedale-Territorio (Det. AIFA 29/10/2004 All. 2), Farmaco ex Osp2, Concedibile SSN su autorizzazione ASL e copia Piano Terapeutico allegata, BT ATC: R05CB13 AIC: 029352010 Prezzo: 260,41 Ditta: Roche Spa


 


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Torna all’indice



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *