Pubblicita'

Terapia sistemica della psoriasi: quando è indicata?

La terapia sistemica della Psoriasi è indicate solamente per le forme gravi. Questi trattamenti sono più o meno tossici e possono provocare effetti collaterali.

Tra i farmaci utilizzati vengono citati:

Il Methotrexate:

Il Metotrexato è un’antimetabolita che agisce principalmente inibendo competitivamente la diidrofolicoreduttasi.

Durante il processo di sintesi del DNA e la moltiplicazione cellulare, questo enzima deve trasformare l’acido folico in acido tetraidrofolico e l’inibizione esercitata dal metotrexato interferisce con la riproduzione delle cellule dei tessuti.

Pubblicita'

I tessuti che proliferano attivamente, quali ad esempio le cellule maligne, ma anche le cellule epitelili nella Psoriasi, sono generalmente più sensibili all’effetto esercitato dal metotrexato che inibisce anche la sintesi degli anticorpi.

Il metotrexato presenta anche un’attività immunosoppressiva, in parte forse quale risultato dell’inibizione della moltiplicazione linfocitaria.

Il meccanismo di azione del metotrexato nel trattamento dell’artrite reumatoide non è noto, anche se sono stati proposti meccanismi immunosoppressivi e/o effetti anti-infiammatori.

Il suo uso è limitato a causa dei rischi a medio e lungo termine. Determina un forte effetto immunosoppressivo e antinfiammatorio.

La Ciclosporina:

La ciclosporina (nota anche come ciclosporina A) è un polipeptide ciclico composto da 11 aminoacidi.

È un potente immunosoppressore in grado di prolungare, negli animali, la sopravvivenza di trapianti allogenici di cute, cuore, rene, pancreas, midollo osseo, intestino tenue o polmone.

Gli studi hanno messo in evidenza che la ciclosporina inibisce lo sviluppo delle reazioni immunitarie mediate da cellule, comprendenti l’immunità da trapianto allogenico, le reazioni di ipersensibilità cutanea ritardata, l’encefalomielite sperimentale allergica, l’artrite da adiuvante di Freund, la reazione da trapianto verso ospite ( GVHD) e anche la produzione di anticorpi dipendenti dai linfociti T.

A livello cellulare inibisce la produzione e il rilascio di linfochine, tra cui l’interleuchina 2 (T cell growth factor, TCGF).

La ciclosporina risulta bloccare i linfociti quiescenti nella fase G0 o G1 del ciclo cellulare e inibisce il rilascio, scatenato dall’antigene, di linfochine da parte delle cellule T attivate.

Tutte le evidenze disponibili indicano che la ciclosporina agisce sui linfociti in modo specifico e reversibile. A differenza degli agenti citostatici, essa non deprime l’emopoiesi e non altera la funzione dei fagociti.

Nell’uomo sono stati effettuati con successo trapianti d’organo e di midollo osseo utilizzando ciclosporina per la prevenzione e il trattamento del rigetto e della GVHD.

La ciclosporina è stata utilizzata con successo anche in pazienti sottoposti a trapianto di fegato positivi o negativi al virus dell’epatite C (HCV).

Gli effetti benefici della terapia con ciclosporina sono stati osservati anche in una serie di malattie di origine autoimmune o che possono essere considerate tali coma, appunto, la Psoriasi.

I Retinoidi orali (Etretinato – Acitretina)

L’acitretina, principio attivo di Neotigason, è un analogo aromatico di sintesi dell’acido retinoico.

Gli studi clinici hanno confermato che nella psoriasi e nei disturbi della cheratinizzazione l’acitretina conduce alla normalizzazione della proliferazione, della differenziazione e della cheratinizzazione delle cellule epidermiche con effetti collaterali in genere ben tollerati.

L’azione di Neotigason è sintomatica; il meccanismo d’azione è ancora sconosciuto, anche se si ipotizza che agisca sui meccanismi di differenzazione delle cellule cutanee e limitando l’infiammazione dei tessuti

Fumarati (esteri dell’acido fumarico): Se ne conoscono gli effetti benefici già da diversi anni, i risultati sono soddisfacenti. Costituiscono una buona integrazione alle cure per via orale previste dai protocolli ufficiali. Il farmaco è registrato in Germania, ma non è ancora disponibile in Italia.

Farmaci Biologici

I farmaci biologici rappresentano uno dei maggiori progressi ottenuti dalla medicina negli ultimi anni in campo terapeutico: la loro applicazione nella terapia della Psoriasi ha aperto nuove ed interessanti prospettive: per approfondire, leggi l’articolo dedicato.

Altri articoli sullo stesso argomento:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbero interessare anche: