Tantum: effetti collaterali e controindicazioni

Tantum (Benzidamina Cloridrato) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Condizioni infiammatorie (congestizie, edematose, dolorose) delle vie respiratorie (riniti, sinusiti, tonsilliti, faringiti, laringiti, tracheiti, bronchiti, comuni malattie da raffreddamento); del cavo orale (gengiviti, stomatiti, paradentiti, alveoliti, pulpiti, etc.); dell’apparato uditivo (otalgie, otiti, mastoiditi, etc.); dell’apparato urogenitale (cistiti, uretriti, prostatovescicoliti, orchiepididimiti, annessiti, metriti, cerviciti, etc.); del sistema venoso (flebiti, periflebiti, tromboflebiti, stati di insufficienza venosa cronica etc.); dell’apparato locomotore (fratture, contusioni, distrazioni muscolari, miositi, tendiniti, borsiti, etc). Postumi flogistici di interventi chirurgici, ortopedici, odontostomatologici, urologici, endoscopici etc. Come coadiuvante nella terapia specifica dei processi infettivi degli stessi apparati e sistemi.

Tantum: effetti collaterali

Pubblicità

Come tutti i farmaci, però, anche Tantum ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Tantum, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Tantum: controindicazioni

Non esistono controindicazioni all’uso del Tantum. In particolare non sono stati riportati effetti negativi nei pazienti affetti da ulcera gastrica o duodenale. Se ne sconsiglia tuttavia l’uso negli stati di agitazione psicomotoria.

Tantum: effetti collaterali

In genere la benzidamina è molto ben tollerata anche da soggetti con pregresse intolleranze multifarmacologiche. Raramente l’ingestione può causare senso di peso gastrico o pirosi, che vengono evitati assumendo il farmaco a stomaco pieno. Sporadicamente possono comparire sonnolenza o insonnia, quest’ultima è eliminabile anticipando l’ultima somministrazione della giornata. In rarissimi casi sono stati segnalati leggeri disturbi visivi (difficoltà di accomodazione, scintilii e scotomi) prontamente regrediti con la sospensione del trattamento. Infine, in Giappone, è stato osservato un caso di fotosensibilizzazione.

Tantum: avvertenze per l’uso

Tenere fuori dalla portata dei bambini .

Avvertenze

I confetti vanno deglutiti senza essere masticati e possibilmente a stomaco pieno.

Tenere lontano dalla portata dei bambini .


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.