Bioplex: a cosa serve e come si usa

Bioplex (Proteina Idrolisata): indicazioni e modo d’uso

Bioplex (Proteina Idrolisata) è un farmaco che serve per curare le seguenti condizioni patologiche:

Alimentazione parenterale: stati carenziali con ipoprotidemia e con disprotidemia.

Bioplex: come si usa?

farmaco: indicazioni e modo d'uso

Come per tutti i farmaci, anche per Bioplex è molto importante rispettare e seguire i dosaggi consigliati dal medico al momento della prescrizione.

Se però non ricordate come prendere Bioplex ed a quali dosaggi (la posologia indicata dal medico), è quanto meno necessario seguire le istruzioni presenti sul foglietto illustrativo. Vediamole insieme.

Posologia di Bioplex

Posologia. Per ottenere la positivizzazione del bilancio azotato, la somministrazione endovenosa di Bioplex deve essere accompagnata dalla somministrazione contemporanea di una adeguata quota di calorie zuccherine (150 cal. per grammo di azoto).

Nella terapia parenterale totale è sufficiente un dosaggio di 0,10 o 0,20 g di azoto per Kg di peso corporeo del paziente.

Nella terapia ipercalorica il dosaggio di azoto deve raggiungere almeno i 0,20-0,30 g per kg di peso del paziente. Attenzione: usare la soluzione soltanto se è limpida; pertanto ispezionare ogni flacone prima dell’uso. Controllare attentamente la soluzione in condizioni ottimali di visibilità per rilevare eventuali particelle o torbidità . Non iniettare altri farmaci nel raccordo di somministrazione. Durante la somministrazione ricontrollare il flacone almeno una volta ogni ora. Se si notano segni di contaminazione della soluzione oppure se il paziente manifesta febbre o brividi sospendere immediatamente la somministrazione. Usare all’inizio le vene più distali, riservando le altre per trattamenti successivi. Evitare somministrazioni ripetute nella medesima zona onde prevenire tromboflebiti.

Modalità d’uso: mediante l’unito transferset immettere nel flacone contenente il Bioplex liofilizzato il solvente inserito nella confezione.

A soluzione avvenuta, sostituire il deflussore usato per il travaso con il deflussore sterile ed apirogeno per fleboclisi e procedere subito alla somministrazione per vena perifericao, in caso di necessità, per vena cava superiore.

Velocità di somministrazione: nella somministrazione per vena periferica iniziare con 20-30 gocce al minuto ed aumentare gradualmente in base alla tollerabilità del paziente: non superare le 50 gocce al minuto. Nella somministrazione per vena centrale, la velocità di somministrazione deve essere calcolata sulla base del volume totale giornaliero. In caso di impiego di una velocità di infusione troppo alta sono possibili reazioni di intolleranza e perdite renali, con conseguente sbilancio degli aminoacidi.

Ricordate in ogni caso che se non ricordate la posologia indicata dal medico e utilizzate Bioplex seguendo le istruzioni del foglietto illustrativo, sarà poi opportuno che contattiate il vostro medico e lo avvisiate del dosaggio che avete assunto, per avere conferma o ulteriori consigli!

Lo posso prendere se sono incinta?

Un’altra domanda che spesso ci poniamo prima di prendere una medicina è se è possibile assumerla in gravidanza

Tenendo presente che in gravidanza sarebbe opportuno evitare qualsiasi farmaco se non strettamente necessario e che prima di assumere qualsiasi farmaco in gravidanza va sentito il medico curante, vediamo insieme quali sono le istruzioni sulla scheda tecnica di Bioplex per quanto riguarda la gravidanza:

Bioplex: si può prendere in gravidanza?

Non è stata stabilita la sicurezza di impiego di BIOPLEX durante la gravidanza.

Ne ho preso troppo! Cosa fare?

Può anche capitare che per errore o distrazione assumiate una quantità di farmaco superiore a quella prescritta dal vostro medico.

Talvolta capita che bambini piccoli per gioco ingeriscano dei farmaci lasciati a portata di mano: raccomandiamo sempre di tenere i farmaci lontano dalla portata dei bambini, in luoghi chiusi e custoditi.

Cosa devo fare se per sbaglio ho preso un dosaggio eccessivo di Bioplex?

Qualunque sia la causa dell’ingestione di una quantità eccessiva di farmaco, ecco cosa riporta la Scheda Tecnica di Bioplex in caso di sovradosaggio.

Bioplex: sovradosaggio

Sebbene la formula aminoacidica di BIOPLEX sia stata studiata in modo da ridurre la possibilità di sovradosaggio, questa evenienza va tenuta presente in caso di epatopatia grave o di insufficiente funzionalità renale in cui si può instaurare o aggravare l’iperammoniemia e l’iperazotemia.

Bioplex: istruzioni particolari

Nessuna particolare.


Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco