Pubblicità

Kidiamix g15 sol inf 4 sacche a 2 comparti 1000ml (Aminoacidi + Glucosio + Elettroliti): indicazioni e modo d’uso

Kidiamix g15 sol inf 4 sacche a 2 comparti 1000ml (Aminoacidi + Glucosio + Elettroliti) è un farmaco che serve per curare le seguenti condizioni patologiche:

Nutrizione parenterale quando la nutrizione orale o enterale è impossibile, insufficiente o controindicata.

KIDIAMIX G15% è indicato per soddisfare le esigenze quotidiane di azoto (amminoacidi della serie L), glucosio, elettroliti, oligoelementi e anche il fabbisogno di liquidi negli infanti, bambini e adolescenti in condizioni stabili, in particolare senza eccessive perdite gastrointestinali e senza malnutrizione grave.

Kidiamix g15 sol inf 4 sacche a 2 comparti 1000ml: come si usa?

farmaco: indicazioni e modo d'uso

Come per tutti i farmaci, anche per Kidiamix g15 sol inf 4 sacche a 2 comparti 1000ml è molto importante rispettare e seguire i dosaggi consigliati dal medico al momento della prescrizione.

Se però non ricordate come prendere Kidiamix g15 sol inf 4 sacche a 2 comparti 1000ml ed a quali dosaggi (la posologia indicata dal medico), è quanto meno necessario seguire le istruzioni presenti sul foglietto illustrativo. Vediamole insieme.

Posologia di Kidiamix g15 sol inf 4 sacche a 2 comparti 1000ml

KIDIAMIX G15% può essere utilizzato come parte di nutrizione parenterale esclusiva o complementare di breve durata (ad eccezione di alcune particolari situazioni). Dopo due settimane ci deve essere una rivalutazione dell’adeguatezza di KIDIAMIX G15% in relazione alle necessità del paziente e alla necessità di continuare la nutrizione parenterale.

Posologia

Le raccomandazioni di dosaggio per uso pediatrico servono come guida generale sulla base di valori medi. Il dosaggio deve essere personalizzato in base all’età del paziente, al peso, alle esigenze metaboliche ed energetiche, allo stato clinico e alla capacità di metabolizzare i nutrienti così come all’assunzione orale o enterale.

Il medico deve rivalutare regolarmente lo stato nutrizionale e metabolico del paziente dal punto di vista clinico e biologico, in particolare in caso di nutrizione parenterale di durata superiore ai 14 giorni. Per i parametri clinici e di laboratorio da monitorare, vedere il paragrafo 4.4.

Pubblicità

A titolo indicativo, una guida approssimativa del fabbisogno medio* impediatria:

Fabbisogno giornaliero in base all’età Infante Da 1 mese a 2 anni Bambino Da 2 a 11 anni Adolescente Da 11 a 18 anni
Energia non proteica kcal/kg/die 100 60-80 40-50
Aminoacidi g/kg/die 2-3 1-2 1-2
Glucosio g/kg/die 15-22 10-15 5-10 (senza superare 400g/die)
Velocità massima di somministrazione oraria Infante Da 1 mese a 2 anni Bambino Da 2 a 11 anni Adolescente Da 11 a 18 anni
Glucosio g/kg/ora 1,4 (da non superare) 1,2 (da non superare) 0,5 (da non superare)
KIDIAMIX G15%% ml/kg/ora 9(da non superare) 8 (da non superare) 3 (da non superare)

* Valori raccomandati dalle linee guida ESPEN-ASPEN

La velocità di somministrazione di KIDIAMIX G15% deve essere regolata secondo la dose prescritta, il volume giornaliero somministrato e la durata dell’infusione.

In base alla situazione clinica e tolleranza, possono essere apportate a KIDIAMIX G15% aggiunte (vitamine, elettroliti); le quantità massime che non devono essere superate sono riportate nel paragrafo 6.6.

Se viene aggiunta un’emulsione lipidica (solo con connettore a Y e non direttamente nella sacca, vedere paragrafo 6.6), è importante tenere in considerazione le modifiche del rapporto calorico non proteico e l’azoto.

Modo di somministrazione

Per somministrazione via una vena centrale.

Per infusione ciclica (somministrazione in meno di 24 ore), la velocità deve essere gradualmente aumentata la prima ora di infusione per evitare iperglicemia e gradualmente abbassata nell’ora prima della fine dell’infusione, per prevenire l’ipoglicemia.

Ricordate in ogni caso che se non ricordate la posologia indicata dal medico e utilizzate Kidiamix g15 sol inf 4 sacche a 2 comparti 1000ml seguendo le istruzioni del foglietto illustrativo, sarà poi opportuno che contattiate il vostro medico e lo avvisiate del dosaggio che avete assunto, per avere conferma o ulteriori consigli!

Lo posso prendere se sono incinta?

Un’altra domanda che spesso ci poniamo prima di prendere una medicina è se è possibile assumerla in gravidanza

Tenendo presente che in gravidanza sarebbe opportuno evitare qualsiasi farmaco se non strettamente necessario e che prima di assumere qualsiasi farmaco in gravidanza va sentito il medico curante, vediamo insieme quali sono le istruzioni sulla scheda tecnica di Kidiamix g15 sol inf 4 sacche a 2 comparti 1000ml per quanto riguarda la gravidanza:

Kidiamix g15 sol inf 4 sacche a 2 comparti 1000ml: si può prendere in gravidanza?

Fertilità

Non ci sono studi disponibili sulla tossicità riproduttiva negli animali.

Gravidanza

Non ci sono dati sull’uso di KIDIAMIX nelle donne in gravidanza. I medici devono considerare attentamente i potenziali rischi ed i benefici per ogni paziente specifico prima di prescrivere KIDIAMIX

Allattamento

Non sono stati condotti studi specifici per valutare la sicurezza di KIDIAMIX in donne che allattano al seno. Il medico deve considerare il rapporto beneficio/rischio prima di somministrare KIDIAMIX alle donne che allattano al seno.

Ne ho preso troppo! Cosa fare?

Può anche capitare che per errore o distrazione assumiate una quantità di farmaco superiore a quella prescritta dal vostro medico.

Talvolta capita che bambini piccoli per gioco ingeriscano dei farmaci lasciati a portata di mano: raccomandiamo sempre di tenere i farmaci lontano dalla portata dei bambini, in luoghi chiusi e custoditi.

Cosa devo fare se per sbaglio ho preso un dosaggio eccessivo di Kidiamix g15 sol inf 4 sacche a 2 comparti 1000ml?

Qualunque sia la causa dell’ingestione di una quantità eccessiva di farmaco, ecco cosa riporta la Scheda Tecnica di Kidiamix g15 sol inf 4 sacche a 2 comparti 1000ml in caso di sovradosaggio.

Kidiamix g15 sol inf 4 sacche a 2 comparti 1000ml: sovradosaggio

Una somministrazione eccessiva o inadeguata rispetto alle esigenze del paziente può essere la causa di sovraccarico di liquidi, squilibrio idro- elettrolitico, iperosmolarità, iperglicemia e iperazotemia.

Vedere il paragrafo 4.2 per la velocità di infusione oraria da non superare in base all’età del paziente ..

Non esiste una terapia specifica in caso di sovraccarico; procedure di emergenza standard devono essere attuate, e le funzioni respiratorie, renali e cardiovascolari monitorate con particolare attenzione. E’ essenziale uno stretto monitoraggio dei parametri biochimici del sangue e urine e tutte le anomalie saranno trattate in modo appropriato.

In rari casi gravi, può essere necessaria la dialisi.

In caso di iperglicemia, questa deve essere trattata secondo lo stato clinico, somministrando una dose adeguata di insulina o regolando la velocità di infusione.

Kidiamix g15 sol inf 4 sacche a 2 comparti 1000ml: istruzioni particolari

Non usare se la confezione è danneggiata. Usare la sacca solo se le soluzioni di glucosio e aminoacidi sono chiare e incolori o leggermente gialle. Il contenuto dei due compartimenti deve essere miscelato prima della somministrazione e prima di qualsiasi aggiunta attraverso la porta di addizione.

Solo per uso singolo.

Miscelare i due compartimenti prima della somministrazione

Rimuovere la confezione esterna e mettere la sacca su una superficie rigida.

Arrotolare la sacca delicatamente dalla maniglia e premere fino alla rottura del setto verticale. Capovolgere la sacca diverse volte per omogeneizzare la miscela.

Addizioni e compatibilità

Possono essere aggiunte alla sacca solo soluzioni farmacologiche e nutrizionali la cui compatibilità è stata verificata. la miscela deve essere utilizzata immediatamente.

Dopo la miscelazione dei due compartimenti gli additivi possono essere aggiunti mediante la porta di addizione se è necessaria una nutrizione parenterale completa. Tutte le addizioni devono essere fatte in condizioni di asepsi per prevenire la contaminazione.

Miscelare bene dopo l’aggiunta di qualsiasi additivo. Prestare particolare attenzione alla compatibilità.

E ‘controindicato aggiungere un’emulsione lipidica direttamente nella sacca a causa del rischio di destabilizzazione dell’emulsione lipidica da parte dei cationi bivalenti nella soluzione. I lipidi possono tuttavia essere somministrati tramite un connettore a Y.

Smaltimento

Qualsiasi miscela rimasta dopo la somministrazione deve essere eliminata.

Il medicinale non utilizzato e i rifiuti derivati da tale medicinale devono essere smaltiti in conformità alla normativa locale vigente.


Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *