Pubblicità

Lusduna (Insulina Glargine): indicazioni e modo d’uso

Lusduna (Insulina Glargine) è un farmaco che serve per curare le seguenti condizioni patologiche:

Trattamento del diabete mellito in adulti, adolescenti e bambini dai 2 anni in su.

Lusduna: come si usa?

farmaco: indicazioni e modo d'uso

Come per tutti i farmaci, anche per Lusduna è molto importante rispettare e seguire i dosaggi consigliati dal medico al momento della prescrizione.

Se però non ricordate come prendere Lusduna ed a quali dosaggi (la posologia indicata dal medico), è quanto meno necessario seguire le istruzioni presenti sul foglietto illustrativo. Vediamole insieme.

Posologia di Lusduna

Posologia

LUSDUNA contiene insulina glargine, un analogo dell’insulina, e ha una durata d’azione prolungata. LUSDUNA deve essere somministrato una volta al giorno a qualsiasi orario, purché rimanga sempre lo stesso tutti i giorni.

Il regime posologico (dose e tempi di somministrazione) deve essere aggiustato per ogni singolo paziente su base individuale. Nei pazienti con diabete mellito di tipo 2, LUSDUNA può essere somministrato anche insieme ad altri medicinali antidiabetici per via orale.

La potenza di questo medicinale è espressa in unità. Tali unità sono esclusivamente riferite all’insulina glargine e non coincidono con le unità internazionali (UI) né con le unità utilizzate per esprimere la potenza di altri analoghi dell’insulina (vedere paragrafo 5.1).

Popolazioni speciali

Popolazione anziana (? 65 anni)

Negli anziani, il deterioramento progressivo della funzionalità renale può causare una diminuzione costante del fabbisogno insulinico.

Compromissione renale

Pubblicità

Nei pazienti con compromissione renale, il fabbisogno insulinico può diminuire a causa del ridotto metabolismo insulinico.

Compromissione epatica

È possibile che nei pazienti con compromissione epatica, il fabbisogno insulinico diminuisca a causa della ridotta capacità di gluconeogenesi e del ridotto metabolismo insulinico.

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l’efficacia di insulina glargine sono state stabilite in adolescenti e bambini dai 2 anni in su. I dati al momento disponibili sono riportati nei paragrafi 4.8, 5.1 e 5.2.

La sicurezza e l’efficacia di insulina glargine nei bambini di età inferiore ai 2 anni non sono state stabilite. Non ci sono dati disponibili.

Passaggio da altre insuline a LUSDUNA

Quando si passa da un regime terapeutico a base di un’insulina a durata d’azione intermedia o lunga a un regime con LUSDUNA, può essere necessario un cambiamento della dose di insulina basale e il trattamento antidiabetico concomitante può richiedere aggiustamenti (dose e tempi della somministrazione di insuline regolari aggiuntive o di analoghi dell’insulina ad azione rapida o la dose di medicinali antidiabetici orali).

Passaggio da insulina NPH due volte al giorno a LUSDUNA

Per ridurre il rischio di ipoglicemia notturna e mattutina, i pazienti che modificano il loro regime insulinico basale da insulina NPH due volte al giorno a LUSDUNA una volta al giorno, devono ridurre del 20-30 % la loro dose giornaliera di insulina basale durante le prime settimane di trattamento.

Passaggio da insulina glargine 300 unità/mL a LUSDUNA

LUSDUNA e medicinali contenenti insulina glargine 300 unità/mL non sono bioequivalenti e non sono direttamente interscambiabili. Per ridurre il rischio di ipoglicemia, i pazienti che modificano il loro regime insulinico basale da insulina glargine 300 unità/mL una volta al giorno a LUSDUNA una volta al giorno, devono ridurre la loro dose del 20% circa.

Durante le prime settimane, la riduzione deve essere, almeno in parte, compensata da un incremento dell’insulina prandiale, dopo tale periodo il regime dovrà essere aggiustato su base individuale.

Si raccomanda un attento monitoraggio metabolico durante il passaggio da un tipo di insulina all’altro e nelle prime settimane successive.

Pubblicità

È possibile che, in seguito al miglioramento del controllo metabolico e al conseguente aumento della sensibilità all’insulina, sia necessario un ulteriore aggiustamento del regime posologico.

L’aggiustamento della dose può essere inoltre richiesto, ad esempio, qualora vi sia un cambiamento nel peso del paziente o nel suo stile di vita, nell’orario di somministrazione dell’insulina oppure se si verificano altre circostanze che favoriscono un’aumentata suscettibilità all’ipoglicemia o all’iperglicemia (vedere paragrafo 4.4).

I pazienti trattati con dosi elevate di insulina a causa della presenza di anticorpi anti-insulina umana possono mostrare un miglioramento della risposta insulinica con LUSDUNA.

Modo di somministrazione

LUSDUNA è adatto soltanto per iniezioni sottocutanee tramite penna usa e getta. Se è necessaria la somministrazione mediante siringa, deve essere utilizzato un flaconcino di un altro prodotto disponibile contenente insulina glargine.

LUSDUNA non deve essere somministrato per via endovenosa. La durata d’azione prolungata di insulina glargine dipende dalla sua iniezione nel tessuto sottocutaneo. La somministrazione per via endovenosa della dose solitamente usata per via sottocutanea può provocare ipoglicemia severa.

Non ci sono differenze clinicamente rilevanti per quanto riguarda i livelli sierici di insulina o di glucosio dopo somministrazione di insulina glargine nella zona addominale, a livello del deltoide o della coscia. È necessario sottoporre a rotazione i siti di iniezione all’interno dell’area di iniezione prescelta tra un’iniezione e la successiva, al fine di prevenire l’insorgenza di reazioni nella sede di iniezione (vedere paragrafo 4.8).

LUSDUNA non deve essere miscelato con nessun’altra insulina né diluito. La miscelazione o la diluizione possono modificarne il profilo di durata/azione e la miscelazione può provocare precipitazione.

Prima di utilizzare Nexvue, leggere con attenzione le istruzioni per l’uso incluse nella confezione (vedere paragrafo 6.6).

Ricordate in ogni caso che se non ricordate la posologia indicata dal medico e utilizzate Lusduna seguendo le istruzioni del foglietto illustrativo, sarà poi opportuno che contattiate il vostro medico e lo avvisiate del dosaggio che avete assunto, per avere conferma o ulteriori consigli!

Lo posso prendere se sono incinta?

Un’altra domanda che spesso ci poniamo prima di prendere una medicina è se è possibile assumerla in gravidanza

Pubblicità

Tenendo presente che in gravidanza sarebbe opportuno evitare qualsiasi farmaco se non strettamente necessario e che prima di assumere qualsiasi farmaco in gravidanza va sentito il medico curante, vediamo insieme quali sono le istruzioni sulla scheda tecnica di Lusduna per quanto riguarda la gravidanza:

Lusduna: si può prendere in gravidanza?

Gravidanza

Per l’insulina glargine non sono disponibili dati clinici relativi a gravidanze esposte nel corso di studi clinici controllati. Un ampio numero di dati relativi a donne in gravidanza (più di 1.000 esiti di gravidanza) indica l’assenza di effetti avversi specifici sulla gravidanza riconducibili all’insulina glargine e l’assenza di malformazioni specifiche o di casi tossicità fetale/neonatale riconducibili all’insulina glargine. I dati sugli animali non indicano una tossicità riproduttiva.

L’impiego di LUSDUNA durante la gravidanza può essere preso in considerazione, se clinicamente necessario.

È essenziale che le pazienti con diabete preesistente o gestazionale mantengano un buon controllo metabolico durante tutto il corso della gravidanza per prevenire esiti avversi associati a iperglicemia. Il fabbisogno di insulina può diminuire durante il primo trimestre e generalmente aumentare durante il secondo e il terzo trimestre. Immediatamente dopo il parto, il fabbisogno di insulina diminuisce rapidamente (con un aumento del rischio di ipoglicemia). Un attento controllo glicemico è quindi essenziale.

Allattamento

Non è noto se l’insulina glargine sia escreta nel latte materno. Non si prevedono effetti metabolici associati all’ingestione di insulina glargine nel neonato/lattante dato che l’insulina glargine, essendo un peptide, è digerita nei singoli aminoacidi nell’apparato gastrointestinale umano.

Le donne che allattano al seno possono richiedere un aggiustamento della dose insulinica e della dieta. Fertilità

Gli studi sugli animali non indicano effetti dannosi diretti sulla fertilità.

Ne ho preso troppo! Cosa fare?

Può anche capitare che per errore o distrazione assumiate una quantità di farmaco superiore a quella prescritta dal vostro medico.

Talvolta capita che bambini piccoli per gioco ingeriscano dei farmaci lasciati a portata di mano: raccomandiamo sempre di tenere i farmaci lontano dalla portata dei bambini, in luoghi chiusi e custoditi.

Cosa devo fare se per sbaglio ho preso un dosaggio eccessivo di Lusduna?

Qualunque sia la causa dell’ingestione di una quantità eccessiva di farmaco, ecco cosa riporta la Scheda Tecnica di Lusduna in caso di sovradosaggio.

Lusduna: sovradosaggio

Pubblicità

Sintomi

Un sovradosaggio di insulina può determinare un’ipoglicemia severa, talvolta a lungo termine e pericolosa per la vita.

Trattamento

Gli episodi lievi di ipoglicemia possono essere trattati in genere con carboidrati per via orale. Può rendersi necessario aggiustare la dose del medicinale, modificare il regime alimentare o l’esercizio fisico.

Episodi più severi accompagnati da coma, crisi convulsive o compromissione neurologica possono essere trattati con somministrazione di glucagone per via intramuscolare/sottocutanea o di glucosio concentrato per via endovenosa. Può essere necessario assicurare un apporto di carboidrati prolungato e tenere sotto osservazione il paziente, poiché l’ipoglicemia può ripresentarsi dopo un apparente recupero clinico.

Lusduna: istruzioni particolari

Prima del primo utilizzo la penna deve essere conservata a temperatura ambiente per 1-2 ore per consentirne l’aumento della temperatura.

Pubblicità

Controllare la cartuccia prima dell’uso. Usare solo se la soluzione è limpida, incolore, senza particelle solide visibili e se ha una consistenza acquosa. Poiché LUSDUNA è una soluzione, non richiede risospensione prima dell’uso.

LUSDUNA non deve essere miscelato con nessun’altra insulina né diluito. La miscelazione o la diluizione possono modificarne il profilo di durata/azione, e la miscelazione può provocare precipitazione.

Le penne vuote non devono mai essere riutilizzate e devono essere smaltite correttamente.

Al fine di prevenire l’eventuale trasmissione di malattie, ciascuna penna deve essere utilizzata da un unico paziente soltanto.

Si deve sempre controllare l’etichetta dell’insulina prima di ogni iniezione per evitare errori terapeutici dovuti allo scambio dell’insulina glargine con altre insuline (vedere paragrafo 4.4).

Prima di utilizzare Nexvue leggere con attenzione le istruzioni per l’uso incluse nella confezione.


Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *