Home Schede Tecniche Quik: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Quik: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Quik

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Quik: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Quik

INDICE DELLA SCHEDA

Quik: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

Quik 708 mg/100 ml sospensione orale

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

100 ml di sospensione contengono:

Principio attivo:

Cloperastina fendizoato mg 708 (Pari a Cloperastina cloridrato mg 400)

Eccipienti:

Gomma xantana g 0,200

Poliossietilene stearato g 0,1

Xilitolo g 20

Metile p-idrossibenzoato g 0,122

Propile p-idrossibenzoato g 0,018

Aroma di banana g 0,03

Acqua deionizzata q.b. ml 100

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Sospensione per uso orale.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

dativo della tosse.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Adulti: 5 ml tre volte al giorno.

Bambini: tra 2 e 4 anni: 2 ml due volte al giorno; tra 4 e 7 anni: 3 ml due volte al giorno; tra 7 e 15 anni: 5 ml due volte al giorno.

Alla confezione é annesso un misurino tarato da 2-3-5 ml.

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità verso uno dei componenti del prodotto.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

e fuori della portata dei bambini.

É bene che il Medico inviti il paziente a leggere attentamente il foglio illustrativo.

Non disperdere nell’ambiente il flacone dopo l’uso.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

La contemporanea assunzione di sedativi o antistaminici può potenziare gli effetti indesiderati del farmaco.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Sebbene gli studi di tossicità effettuati durante la gravidanza negli animali non abbiano evidenziato attività teratogena e tossicità fetale, é buona norma prudenziale non assumere il farmaco nei primi mesi di gravidanza e nell’ulteriore periodo solo in caso di effettiva necessità sotto il diretto controllo del Medico.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Poiché il prodotto può, anche se raramente, causare sonnolenza, di ciò devono essere avvertiti coloro che potrebbero condurre veicoli o attendere ad operazioni richiedenti integrità del grado di vigilanza.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Alle dosi più elevate sono state segnalate secchezza della bocca e lieve sonnolenza che tuttavia scompaiono rapidamente riducendo la dose.

04.9 Sovradosaggio

Indice

In caso di sovradosaggio praticare entro breve tempo il lavaggio gastrico e mantenere tranquillo il paziente riducendo al minimo ogni segno di sovraeccitazione centrale; eventualmente ricorrendo in questo caso all’uso di benzodiazepine.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

La Cloperastina é dotata di una duplice attività antitussigena a livello centrale e periferico papaverino simile. A livello centrale il farmaco agisce elettivamente deprimendo il centro bulbare della tosse, a livello periferico per la sua attività papaverino simile ed antistaminica risolve l’eventuale spasmo responsabile dello scatenamento dell’eccesso di tosse.

L’attività del farmaco é risultata sperimentalmente simile a quella della codeina. La Cloperastina é sprovvista di attività narcotica, di attività anestetica locale, non deprime il centro del respiro e non determina apprezzabili effetti sul sistema cardiocircolatorio anche a dosi largamente eccedenti a quelle terapeutiche d’uso.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Gli studi di farmacocinetica hanno evidenziato che la somministrazione per via orale determina un picco massimo dei livelli ematici entro due ore dall’inizio del trattamento. I livelli ematici sono ancora dosabili all’8a ora dall’assunzione. Il farmaco si distribuisce rapidamente nei vari organi e tessuti raggiungendo la massima concentrazione nel fegato. Nell’uomo la Cloperastina viene assorbita completamente nel tratto gastro-intestinale e l’escrezione, come nel ratto, avviene prevalentemente per via biliare e solo in percentuale molto piccola come composto immodificato.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

La tossicità acuta (ratto DL50 per os > 1995 mg/kg – topo DL50 per os >

550 mg/kg). Gli studi di tossicità cronica non hanno rilevato manifestazioni patologiche, così come gli studi di tossicità fetale, di teratogenesi e mutagenesi non hanno dimostrato alcuna alterazione.

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Gomma xantana, Poliossietilene stearato, Xilitolo, Metile p-idrossibenzoato, Propile p-idrossibenzoato, Aroma di banana, Acqua deionizzata.

06.2 Incompatibilità

Indice

Nessuna nota finora.

06.3 Periodo di validità

Indice

Cinque anni.

La data di scadenza indicata si riferisce al prodotto in confezionamento integro, correttamente conservato.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

e Conservare a temperatura non superiore a 25°C.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Flacone di vetro ambrato da 200 ml Prezzo:

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Agitare prima dell’uso.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

a.

– Industria Chimica e Farmaceuticaia Vallisneri, 10 – 20133 Milano

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

QUIK 1 flacone 200 ml – AIC n. 027763010

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Maggio 2008

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Luglio 2007

PRESCRIVIBILITÀ ED INFORMAZIONI PARTICOLARI

Torna all’indice

Quik – Os Sosp 200 ml 708 mg/100 ml (Cloperastina Fendizoato)
Classe C: A totale carico del cittadino NotaAIFA: Nessuna Ricetta: Ricetta non richiesta (Senza Obbligo di Prescrizione) Tipo: Etico Info: Nessuna ATC: R05DB21 AIC: 027763010 Prezzo: 9,7 Ditta: Valeas Ind.chim.farmac. Spa


FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983