Pubblicità

Dolinac

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Dolinac: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

Se sei un paziente, consulta anche il Foglietto Illustrativo (Bugiardino) di Dolinac

 

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

DOLINAC

 

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

1 grammo contiene:

Felbinac mg 30

 

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Gel per uso topico

 

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Per il trattamento locale di stati dolorosi e flogistici di natura reumatica o traumatica delle articolazioni, dei muscoli, dei tendini e dei legamenti.

 

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

La quantità di farmaco da utilizzare è correlata all’ampiezza della zona da trattare. Indicativamente basterà applicare 1 g di DOLINAC (3 cm di gel) 2-3 volte al giorno massaggiando lentamente fino a completo assorbimento nella sede del dolore.

 

04.3 Controindicazioni

Indice

Ipersensibilità accertata al principio attivo o ad uno dei suoi componenti o ad altri FANS compresi i derivati dell’acido salicilico.

Pubblicità

 

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

Il prodotto non va applicato su piaghe e ferite aperte. Evitare il contatto con le mucose e con gli occhi.

Il Felbinac non deve essere usato con bendaggi occlusivi.

Come per gli altri antinfiammatori non steroidei, evitarne l’uso in pazienti affetti da asma bronchiale.

Tenere il medicinale fuori dalla portata dei bambini

 

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Sebbene dagli studi di biodisponibilità risulti improbabile una interazione con altri farmaci, nei trattamenti ad alte dosi e protratti nel tempo si tenga presente la possibilità di competizione tra il DOLINAC assorbito ed altri farmaci ad alto legame con le proteine plasmatiche.

 

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

Come per gli altri FANS se ne sconsiglia l’uso nelle donne durante il periodo della gravidanza e dell’allattamento.

 

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Nessun effetto

 

04.8 Effetti indesiderati

Indice

DOLINAC è ben tollerato e non sono state descritte reazioni indesiderate sistemiche ad esso attribuibili.

Solo occasionalmente sono stati osservati arrossamento, dermatite e prurito di grado lieve e spontaneamente regredite alla sospensione del trattamento.

L’applicazione di prodotti per uso topico, specie se protratta può dare origine a fenomeni di sensibilizzazione. In presenza di reazioni di ipersensibilità, si dovrà sospendere il trattamento ed istituire una terapia opportuna.

 

04.9 Sovradosaggio

Indice

E’ poco probabile che DOLINAC, anche dopo ingestione accidentale provochi reazioni sistemiche gravi. In tal caso il trattamento consigliato è quello di indurre il vomito e somministrare carbone assorbente.

 

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Il Felbinac è dotato di una elevata attività antinfiammatoria e analgesica che si estrinseca prevalentemente attraverso l’inibizione delle prostaglandino-sintetasi e per antagonismo dell’azione delle prostaglandine a livello periferico senza tuttavia essere correlata con un effetto immunosoppressore.

DOLINAC risulta generalmente ben tollerato.

L’attività del principio attivo somministrato per via percutanea nei vari modelli di infiammazione acuta e cronica appare assai rilevante, pur in presenza di livelli plasmatici ridotti. In particolare:

riduce in maniera statisticamente significativa l’edema indotto da carragenina,

induce una notevole inibizione (73%) dell’edema da olio di croton,

la percentuale di inibizione nell’eritema da irradiazione ultravioletta è pari al 71%,

si dimostra efficace e statisticamente significativa rispetto ai controlli nell’edema da trauma sperimentalmente indotto,

produce una notevole riduzione del volume della zampa resa edematosa da adiuvante,

inibisce efficacemente la formazione del granuloma sperimentalmente indotto.

Nel test di Randall-Selitto e dopo somministrazione intrarticolare di AgNO3, il Felbinac, si è dimostrato un efficace analgesico.

 

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Dopo somministrazione sottocutanea singola sono stati registrati picchi di concentrazioni sieriche nel ratto (pari a 94.3 g/ml) e nel cane (pari a 83.0 g/ml), nel coniglio pari a 38.6 g/ml). Il Felbinac è stato eliminato nel cane con emivita 10

h. nel ratto con 6 h. e nel coniglio con 1 h.

Nel ratto, dopo applicazione topica su pelle abrasa, si assisteva ad un assorbimento praticamente completo di felbinac mentre la stessa dose

somministrata su pelle intatta con o senza bendaggio occlusivo, produceva un assorbimento rispettivamente del 45% e del 16%.

L’assorbimento attraverso la pelle abrasa era rapido e del tutto paragonabile a quello osservato in seguito a somministrazione sottocutanea.

L’emivita terminale dopo applicazione topica su pelle abrasa, è stata calcolata pari a 5,5 ore mentre la massima concentrazione sierica (84,0 g/ml) è stata osservata dopo 2 ore.

L’emivita attraverso la pelle intatta è risultata pari a 11,1 h. con massime concentrazioni sieriche pari a 9,2 g/ml a 12 ore.

L’assorbimento è caratterizzato da una rapida escrezione renale.

Le concentrazioni della radioattività sono state anche determinate dopo somministrazione sistemica della stessa dose utilizzata per via topica.

Grandi quantità di felbinac (più elevate o uguali a quelle sieriche) sono state ritrovate nel sito di applicazione, sia nei tessuti normali che infiammati.

Dai risultati complessivamente ottenuti si evince che il Felbinac in formulazione gel, somministrato per via topica, si distribuisce preferenzialmente nelle sedi del processo infiammatorio.

Nell’uomo il Felbinac si concentra nei tessuti sottostanti il sito di applicazione, specie in presenza di processi flogistici, dai quali viene poi lentamente rilasciato (10 g di Felbinac gel al 3% comportano una concentrazione sierica di 400-600 ng/ml).

 

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

Tossicologia:

Le prove tossicologiche eseguite su diverse specie di animali hanno dimostrato che DOLINAC è ottimamente tollerato ed è sprovvisto di attività fotosensibilizzante, teratogena e mutagena.

Nel topo e nel ratto maschio la DL50 per os dopo somministrazione unica è rispettivamente 696 e 410 mg/Kg mentre per via peritoneale nel topo e nel ratto maschio è rispettivamente 531 e 593 mg/Kg.

Tossicità subcronica e cronica:

Negli studi di tossicità subcronica e cronica nel ratto dosi topiche fino a 30 mg/Kg/die per 1 e 6 mesi e dosi sottocutanee fino a 20 mg/Kg/die per 6 mesi non hanno determinato l’insorgenza di ulcere. Dosi superiori a 60 e 90 mg/Kg/die per un mese di trattamento evidenziavano sintomi tossici notoriamente associati alle somministrazioni di alte dosi di tutti i farmaci antinfiammatori non steroidei; va inoltre tenuto presente che tali dosi sono comunque corrispondenti a un totale carico biologico almeno 20 volte superiore a quello previsto nell’uomo alla normale dose terapeutica.

Tossicità fetale e studio degli effetti sulla fertilità, potere mutageno o potere cancerogeno:

Il Felbinac non presenta attività mutagena, non si è dimostrato teratogeno nel coniglio e nel ratto e non ha prodotto effetti latenti nella prole. Quanto agli effetti sulla fertilità e sul parto riscontrati nei FANS inibitori delle prostaglandino – sintetasi, il Felbinac non produce effetti se non a dosi circa 50 volte superiori a quelle previste nell’uomo.

 

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Carbossivinilpolimero, Diisopropanolammina, Alcool etilico, Acqua depurata

 

06.2 Incompatibilità

Indice

Nessuna

 

06.3 Periodo di validità

Indice

a confezionamento integro

Validità: anni 3

Attenzione: non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione

 

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

 

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Tubo alluminio 50 g,

 

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

——

 

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

TEOFARMA S.r.l. – via F.lli Cervi, 8 – 27010 Valle Salimbene (PV)

 

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

A.I.C. N. 027462011

 

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Marzo 1993 / Marzo 1998

 

10.0 Data di revisione del testo

Indice

Gennaio 2000

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *