Complamin: effetti collaterali e controindicazioni

Complamin (Xantinolo Nicotinato) è un farmaco spesso utilizzato per le seguenti malattie:

Coadiuvante nel trattamento delle vasculopatie periferiche.

Pubblicità

Complamin: effetti collaterali

Come tutti i farmaci, però, anche Complamin ha effetti collaterali (chiamati anche “effetti indesiderati”), reazioni avverse e controindicazioni che, se spesso sono poco rilevanti dal punto di vista clinico (piccoli disturbi sopportabili), talvolta possono essere assai gravi ed imprevedibili.

Diventa quindi importantissimo, prima di iniziare la terapia con Complamin, conoscerne le controindicazioni, le speciali avvertenze per l’uso e gli effetti collaterali, in modo da poterli segnalare, alla prima comparsa, al medico curante o direttamente all’ Agenzia Italiana per il FArmaco (A.I.FA.).

Complamin: controindicazioni

Ipersensibilità nota verso il prodotto. Affezioni cardiache scompensate. Emorragie acute. Infarto cerebrale. Infarto miocardico in fase acuta (è sconsigliato l’uso del prodotto in caso di insufficienza coronarica per il pericolo di infarto miocardico). Collasso vascolare. Associazione con farmaci IMAO o con ganglioplegici. Ulcera gastroduodenale in fase evolutiva.

Complamin: effetti collaterali

Complamin è di solito ben tollerato. Talvolta, molto raramente, all’inizio del trattamento dopo somministrazione di Complamin può insorgere arrossamento della cute e sensazione di calore specie al viso e nella metà superiore del corpo. Sono stati riportati inoltre prurito, eritemi e raramente ipotensione arteriosa. Con il proseguo della terapia, nella maggior parte dei casi, queste reazioni collaterali scompaiono dopo una decina di giorni o, almeno diminuiscono di intensità. È comunque consigliabile preavvertire il paziente dell’insorgenza di tali fenomeni.

Complamin: avvertenze per l’uso

Complamin non provoca abitualmente fenomeni ipotensivi, tuttavia in soggetti ipertesi con forte componente vasospastica, può causare una diminuzione della pressione: in questi casi è opportuno aggiungere alle prime somministrazioni, un analettico periferico. Nei pazienti con pressione labile la terapia va effettuata sotto attento controllo. All’inizio della terapia parenterale è consigliabile accertare lo stato del circolo. Utilizzando soluzioni per infusione è necessario tenere sotto stretta sorveglianza i pazienti con insufficienza cardiaca grave, edema polmonare, oliguria o anuria. Nel corso di trattamento con digitalici non esiste controindicazione alla terapia con Complamin. In caso di somministrazione prolungata e ad alte dosi: controllare la glicemia nei diabetici e sorvegliare attentamente i soggetti con iperuricemia di notevole entità, o con insufficenza epatica grave (transaminasi, fosfatasi alcalina).


Ricordiamo che anche i cittadini possono segnalare gli effetti collaterali dei farmaci.

In questa pagina si trovano le istruzioni per la segnalazione:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/reazioni-avverse-da-farmaci/

Questo invece è il modulo da compilare e da inviare al responsabile della farmacovigilanza della propria regione:

https://www.torrinomedica.it/wp-content/uploads/2019/11/scheda_aifa_cittadino_16.07.2012.pdf

Ed infine ecco l’elenco dei responsabili della farmacovigilanza con gli indirizzi email a cui inviare il modulo compilato:

https://www.torrinomedica.it/burocrazia-sanitaria/responsabili-farmacovigilanza/

Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.