Ancotil: a cosa serve e come si usa

Ancotil 2,5 g/250 ml soluzione per infusione (Flucitosina): indicazioni e modo d’uso

Ancotil 2,5 g/250 ml soluzione per infusione (Flucitosina) è un farmaco che serve per curare le seguenti condizioni patologiche:

Ancotil è indicato per il trattamento delle seguenti gravi infezioni provocate da ceppi sensibili di miceti patogeni:

candidiasi generalizzata

criptococcosi

cromoblastomicosi.

Ancotil 2,5 g/250 ml soluzione per infusione: come si usa?

farmaco: indicazioni e modo d'uso

Come per tutti i farmaci, anche per Ancotil 2,5 g/250 ml soluzione per infusione è molto importante rispettare e seguire i dosaggi consigliati dal medico al momento della prescrizione.

Se però non ricordate come prendere Ancotil 2,5 g/250 ml soluzione per infusione ed a quali dosaggi (la posologia indicata dal medico), è quanto meno necessario seguire le istruzioni presenti sul foglietto illustrativo. Vediamole insieme.

Posologia di Ancotil 2,5 g/250 ml soluzione per infusione

Infusione endovenosa

La dose giornaliera raccomandata è di 37,5-50 mg/kg da ripetere ogni 6 ore, con una durata di infusione tra 20 e 40 minuti.

Durata del trattamento

La durata del trattamento deve essere determinata su base individuale. L’esito della terapia dipenderà dalla sensibilità del microrganismo infettante, dalla sua accessibilità e dalla sua suscettibilità ad Ancotil, così come dalle differenze nelle risposte individuali dei pazienti.

Popolazioni speciali

Pazienti con insufficienza renale

Nei pazienti con alterazioni della funzionalità renale le dosi devono essere somministrate ad intervalli maggiori in base ai valori della clearance della creatinina e secondo lo schema seguente:

Clearance della creatinina
(ml/min)
Dose (mg/kg) Intervallo tra le singole dosi (ore)
Oltre 40 37,5 – 50 6
40-20 37,5 – 50 12
20-10 37,5 – 50 24
meno di 10 37,5 – 50 Determinare la concentrazione di flucitosina
nel siero 12 ore dopo la prima dose.
Somministrare le dosi successive ad intervalli
adeguati per mantenere una concentrazione
sierica terapeutica efficace
di 25 – 50 µg/ml.

Pazienti dializzati

Ancotil viene eliminato in gran parte con l’emodialisi e la dialisi peritoneale. Per tale motivo, nei pazienti sottoposti a trattamento dialitico, la somministrazione di Ancotil deve essere ripetuta dopo ogni seduta.

Pazienti con insufficienza epatica

I pazienti con insufficienza epatica richiedono un monitoraggio accurato.

Anziani

Non sono stati effettuati studi specifici.

Si raccomanda particolare attenzione alla funzionalità renale.

Popolazione pediatrica

La sicurezza e l’efficacia di Ancotil nei bambini non sono state ancora stabilite.

Ricordate in ogni caso che se non ricordate la posologia indicata dal medico e utilizzate Ancotil 2,5 g/250 ml soluzione per infusione seguendo le istruzioni del foglietto illustrativo, sarà poi opportuno che contattiate il vostro medico e lo avvisiate del dosaggio che avete assunto, per avere conferma o ulteriori consigli!

Lo posso prendere se sono incinta?

Un’altra domanda che spesso ci poniamo prima di prendere una medicina è se è possibile assumerla in gravidanza

Tenendo presente che in gravidanza sarebbe opportuno evitare qualsiasi farmaco se non strettamente necessario e che prima di assumere qualsiasi farmaco in gravidanza va sentito il medico curante, vediamo insieme quali sono le istruzioni sulla scheda tecnica di Ancotil 2,5 g/250 ml soluzione per infusione per quanto riguarda la gravidanza:

Ancotil 2,5 g/250 ml soluzione per infusione: si può prendere in gravidanza?

Contraccezione in uomini e donne

La flucitosina è parzialmente metabolizzata a 5-fluorouracile, che è genotossico e considerato un potenziale teratogeno per l’uomo. Le donne in età fertile in trattamento devono utilizzare una contraccezione efficace durante il trattamento e per il mese successivo alla fine del trattamento. I pazienti maschi (o le loro partner donne in età fertile) devono utilizzare una contraccezione efficace durante il trattamento e per i tre mesi successivi alla fine del trattamento (vedere paragrafo 5.3).

Gravidanza

In studi sugli animali la flucitosina e uno dei suoi metaboliti (5-fluorouracile) hanno mostrato una tossicità riproduttiva (teratogenicità ed embriotossicità) (vedere paragrafo 5.3).

Nell’uomo la flucitosina attraversa la placenta. Sono disponibili dati molto limitati sull’utilizzo della flucitosina in donne gravide. Pertanto un effetto dannoso della flucitosina sull’embrione/feto non può essere escluso, specialmente durante il primo trimestre. Di conseguenza Ancotil non deve essere utilizzato durante la gravidanza e in donne fertili senza l’uso di un contracettivo a meno che non strettamente necessario in caso di infezioni che mettono in pericolo di vita e in caso di mancanza di un trattamento alternativo efficace.

Se Ancotil è somministrato in gravidanza, la paziente deve essere avvisato del rischio teratogeno di Ancotil, e deve essere eseguito un attento monitoraggio prenatale e postnatale. In caso di somministrazione fino al parto, in virtù del profilo di sicurezza di flucitosina, deve essere eseguito un monitoraggio neonatale (ematologico ed epatico).

Allattamento

Non sono disponibili dati sulla secrezione della flucitosina nel latte materno. L’allattamento con latte materno è controindicato durante il trattamento con flucitosina (vedere paragrafo 4.3).

Ne ho preso troppo! Cosa fare?

Può anche capitare che per errore o distrazione assumiate una quantità di farmaco superiore a quella prescritta dal vostro medico.

Talvolta capita che bambini piccoli per gioco ingeriscano dei farmaci lasciati a portata di mano: raccomandiamo sempre di tenere i farmaci lontano dalla portata dei bambini, in luoghi chiusi e custoditi.

Cosa devo fare se per sbaglio ho preso un dosaggio eccessivo di Ancotil 2,5 g/250 ml soluzione per infusione?

Qualunque sia la causa dell’ingestione di una quantità eccessiva di farmaco, ecco cosa riporta la Scheda Tecnica di Ancotil 2,5 g/250 ml soluzione per infusione in caso di sovradosaggio.

Ancotil 2,5 g/250 ml soluzione per infusione: sovradosaggio

Non si conoscono casi di sovradosaggio volontario di Ancotil. Nei casi di sovradosaggio relativo, causati da disfunzioni renali esiste, nei pazienti predisposti, un maggior rischio di comparsa di effetti secondari sia come frequenza che gravità. Questi effetti secondari sono comunque di regola rapidamente reversibili con opportuni aggiustamenti posologici o con l’interruzione del trattamento.

Ancotil 2,5 g/250 ml soluzione per infusione: istruzioni particolari

Nessuna particolare istruzione per lo smaltimento.


Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco