Dosberotec 200 (Fenoterolo Bromidrato): indicazioni e modo d’uso

Dosberotec 200 (Fenoterolo Bromidrato) è un farmaco che serve per curare le seguenti condizioni patologiche:

Il Dosberotec è un broncodilatatore indicato per:

a) il trattamento sintomatico degli attacchi asmatici;

b) la profilassi dell’asma da sforzo;

c) il trattamento sintomatico dell’asma bronchiale e di altre affezioni broncopolmonari con broncospasmo reversibile quali la bronchite cronica ostruttiva. In tali affezioni va considerata l’opportunità di intraprendere una terapia antiinfiammatoria concomitante.

Il Dosberotec 200 può essere utilizzato, come elemento di un appropriato piano terapeutico, nelle indicazioni soprariportate nei casi non adeguatamente controllati dal Dosberotec 100

Dosberotec 200: come si usa?

farmaco: indicazioni e modo d'uso

Come per tutti i farmaci, anche per Dosberotec 200 è molto importante rispettare e seguire i dosaggi consigliati dal medico al momento della prescrizione.

Se però non ricordate come prendere Dosberotec 200 ed a quali dosaggi (la posologia indicata dal medico), è quanto meno necessario seguire le istruzioni presenti sul foglietto illustrativo. Vediamole insieme.

Posologia di Dosberotec 200

Attacco asmatico

Pubblicità

Una erogazione di Dosberotec 200 è sufficiente nella maggior parte dei casi per procurare un sollievo immediato.

In casi particolarmente gravi, se la respirazione non è sensibilmente migliorata dopo 5 minuti, può essere necessaria una seconda dose.

Se l’attacco non risulta adeguatamente controllato da 2 erogazioni, possono essere necessarie ulteriori erogazioni. In questo caso, il paziente deve consultare immediatamente il medico o l’ospedale più vicino.

Profilassi dell’asma da sforzo

1-2 erogazioni per ogni somministrazione, fino ad un massimo di 8 erogazioni al giomo.

Asma bronchiale ed altre affezioni broncopolmonari con broncospasmo reversibile

Se sono necessarie dosi ripetute, 1-2 erogazioni per ogni somministrazione, fino ad un massimo di 8 erogazioni al giomo.

Nei pazienti che necessitano di un uso regolare di ß2-agonisti dovrebbero essere preferiti farmaci con una dose minore di ß2-agonisti (ad esempio Dosberotec 100 o Duovent).

Nei bambini Dosberotec 200 dovrebbero essere impiegati solo su consiglio medico e sotto la supervisione di un adulto.

Durata del trattamento

Un trattamento saltuario, finalizzato al controllo dei sintomi, è da preferirsi ad un uso regolare del farmaco.

In particolare, nel caso di un trattamento regolare, va valutata l’opportunità di intraprendere o incrementare, se già in corso, una terapia antiinfiammatoria (per esempio corticosteroidi per via inalatoria) al fine di migliorare il controllo della flogosi delle vie aeree e nello stesso tempo di prevenire danni a lungo termine.

Se l’ostruzione bronchiale peggiora, è inappropriato e potenzialmente pericoloso aumentare semplicemente il dosaggio di un ß2-agonista quale il Dosberotec al di sopra della posologia consigliata per un lungo periodo di tempo. L’assunzione protratta e regolare di grandi quantità di ß2-agonisti allo scopo di controllare i sintomi della ostruzione bronchiale può portare ad una diminuzione della risposta alla terapia. In tale situazione, il piano terapeutico del paziente deve essere rivisto, considerando, in particolare, l’opportunità di un trattamento con antiinfiammatori, per prevenire la perdita di efficacia della terapia, potenziale pericolo per la vita del paziente.

Ricordate in ogni caso che se non ricordate la posologia indicata dal medico e utilizzate Dosberotec 200 seguendo le istruzioni del foglietto illustrativo, sarà poi opportuno che contattiate il vostro medico e lo avvisiate del dosaggio che avete assunto, per avere conferma o ulteriori consigli!

Lo posso prendere se sono incinta?

Un’altra domanda che spesso ci poniamo prima di prendere una medicina è se è possibile assumerla in gravidanza

Tenendo presente che in gravidanza sarebbe opportuno evitare qualsiasi farmaco se non strettamente necessario e che prima di assumere qualsiasi farmaco in gravidanza va sentito il medico curante, vediamo insieme quali sono le istruzioni sulla scheda tecnica di Dosberotec 200 per quanto riguarda la gravidanza:

Dosberotec 200: si può prendere in gravidanza?

Nonostante non siano mai stati segnalati effetti tossici, l’uso di Dosberotec durante la gravidanza va riservato ai casi di assoluta necessità e dopo attenta valutazione da parte del medico del beneficio atteso in rapporto al possibile rischio per il feto. Inoltre si deve tenere conto dell’effetto del medicinale sulle contrazioni uterine.

Poichè non sono disponibili dati sulla sicurezza d’impiego di Dosberotec durante l’allattamento, in tale situazione occorre decidere se rinunciare a nutrire al seno il lattante ed iniziare il trattamento o, viceversa, proseguire l’allattamento evitando la somministrazione del medicinale (vedi 5.3).

Ne ho preso troppo! Cosa fare?

Può anche capitare che per errore o distrazione assumiate una quantità di farmaco superiore a quella prescritta dal vostro medico.

Talvolta capita che bambini piccoli per gioco ingeriscano dei farmaci lasciati a portata di mano: raccomandiamo sempre di tenere i farmaci lontano dalla portata dei bambini, in luoghi chiusi e custoditi.

Cosa devo fare se per sbaglio ho preso un dosaggio eccessivo di Dosberotec 200?

Qualunque sia la causa dell’ingestione di una quantità eccessiva di farmaco, ecco cosa riporta la Scheda Tecnica di Dosberotec 200 in caso di sovradosaggio.

Dosberotec 200: sovradosaggio

Sintomi

Arrossamenti cutanei improvvisi, tremore delle dita, nausea, debolezza, tachicardia, palpitazioni, vertigini, cefalea, aumento della pressione arteriosa sistolica e caduta della pressione diastolica, sensazione di oppressione al torace, irrequietezza, possibile insorgenza di extrasistoli.

Trattamento

Somministrazione di sedativi, ansiolitici e, nei casi gravi, instaurare una terapia intensiva.

I farmaci ß-bloccanti, soprattutto ß1-selettivi, sono indicati come antidoti specifici; tuttavia si deve tenere in considerazione la possibilità di un aumento dell’ostruzione bronchiale e la dose va attentamente valutata nei pazienti affetti da asma bronchiale.

Dosberotec 200: istruzioni particolari

Il successo terapeutico dipende molto dal corretto impiego del Dosberotec. Si raccomanda quindi di attenersi esattamente alle seguenti istruzioni:

la prima volta che la bomboletta viene usata, dopo averla agitata brevemente azionare 1-2 volte a vuoto la valvola.

Per tutti gli usi successivi:

1) Togliere il coperchio di protezione.

2) Afferrare la bomboletta con il pollice e l’indice tenendo il fondo del contenitore rivolto verso l’alto (figura 1) (l’indice poggia sul fondo del contenitore) e agitare bene prima di ogni applicazione.

3) Espirare profondamente.

4) Inspirare lentamente e profondamente attraverso la bocca aperta tenendo il boccaglio dell’erogatore in bocca, o meglio, a 1-2 cm dalle labbra. Ad inspirazione appena iniziata effettuare l’erogazione premendo sul fondo del contenitore (figura 2) senza interrompere l’atto respiratorio.

5) Trattenere per alcuni secondi il respiro, quindi espirare lentamente.

6) Allentando la pressione delle dita sul contenitore, l’apparecchio è pronto per una successiva applicazione.

7) Dopo l’uso rimettere il coperchio protettivo per impedire che corpi estranei penetrino nel boccaglio ostruendo la valvola erogatrice.

Controllare il contenuto della bomboletta agitandola di tanto in tanto. Quando il contenitore sembra vuoto, sono ancora possibili 10 erogazioni. Il boccaglio deve essere tenuto costante­mente pulito. Per la pulizia usare acqua tiepida; se vengono usati saponi o detersivi è consigliabile sciacquare a fondo con acqua corrente.


Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *