Synercid: a cosa serve e come si usa

Synercid (Dalfopristin + Quinupristin): indicazioni e modo d’uso

Synercid (Dalfopristin + Quinupristin) è un farmaco che serve per curare le seguenti condizioni patologiche:

Synercid deve essere usato solo quando vi è documentata evidenza che nessun altro antibatterico è attivo contro i microrganismi che causano l’infezione e quando non vi è altro farmaco adatto per il trattamento dell’infezione del singolo paziente.

Synercid è indicato per il trattamento delle tre seguenti infezioni qualora ne sia documentata l’eziologia da microrganismi Gram-positivi sensibili e quando la terapia endovenosa è appropriata.

polmonite nosocomiale

infezioni della cute e dei tessuti molli

infezioni clinicamente significative provocate da E. faecium resistente alla vancomicina.

(vedere paragrafi 4.4 e 5.1)

Se un’infezione mista è documentata o sospettata, Synercid deve essere usato in associazione con (un) farmaci(o) attivi(o) contro microrganismi Gram-negativi.

Deve essere presa in considerazione la linea guida ufficiale per l’uso appropriato degli angenti antibatterici.

Synercid: come si usa?

farmaco: indicazioni e modo d'uso

Come per tutti i farmaci, anche per Synercid è molto importante rispettare e seguire i dosaggi consigliati dal medico al momento della prescrizione.

Se però non ricordate come prendere Synercid ed a quali dosaggi (la posologia indicata dal medico), è quanto meno necessario seguire le istruzioni presenti sul foglietto illustrativo. Vediamole insieme.

Posologia di Synercid

Synercid deve essere somministrato tramite infusione della durata di 60 minuti in catetere venoso centrale in soluzione glucosata al 5% (vedere paragrafo 6.2). E’ molto importante che le istruzioni per la diluizione prima dell’uso vengano lette con attenzione (vedere paragrafo 6.6).

Poiché la sicurezza e l’efficacia di un’infusione endovenosa di durata inferiore a 60 minuti non sono state valutate in studi clinici, non si deve somministrare il farmaco in tempi più brevi.

Dopo il termine dell’infusione, la vena deve essere irrigata con soluzione glucosata al 5%, per ridurre al minimo l’irritazione venosa. Deve essere evitata l’irrigazione con soluzione fisiologica od eparina immediatamente dopo la somministrazione di Synercid.

Synercid non è compatibile con soluzioni saline.

La somministrazione di Synercid per via venosa periferica è associata a eventi avversi locali come tromboflebiti. Perciò, Synercid deve essere somministrato tramite un catetere venoso centrale. Tuttavia, in casi di emergenza, la prima dose di Synercid può essere somministrata per infusione endovenosa periferica finchè il catetere venoso centrale viene posizionato.

Schema posologico consigliato
Indicazione Dose (mg/kg) Frequenza Durata
Infezioni della cute e dei tessuti molli 7,5 ogni 8 ore 7 giorni
Polmonite nosocomiale 7,5 ogni 8 ore 10 giorni
Infezioni causate da Enterococcus faecium resistente alla vancomicina 7,5 ogni 8 ore **
* L’esperienza con Synercid in pazienti con polmonite nosocomiale secondo l’indicazione ristretta (vedere sez. 4.1) è limitata. Perciò si consiglia cautela nell’utilizzo di Synercid in tali pazienti e la valutazione sulla necessità di un trattamento di associazione con altri anti-batterici attivi specialmente in caso di infezioni polimicrobiche. ** La durata della terapia dipende dalla sede dell’infezione.

Popolazioni speciali

Anziani: Non occorre alcun aggiustamento della dose nell’anziano.

Insufficienza renale: Non sono necessari aggiustamenti del dosaggio nei pazienti con alterazione della funzionalità renale e nei pazienti sottoposti a dialisi peritoneale (vedere paragrafi 4.4 e 5.2). Nessuna sperimentazione è stata condotta in pazienti anurici e/o sottoposti ad emodialisi.

Insufficienza epatica:

Non è necessario l’aggiustamento del dosaggio nei pazienti con insufficienza epatica lieve. Nei pazienti con insufficienza moderata (punteggio Child-Pugh B) deve essere presa in considerazione una riduzione della dose a 5 mg/kg; tuttavia questa raccomandazione è basata su dati limitati e può non essere ottimale. L’efficacia dell’aggiustamento del dosaggio non è stato clinicamente valutata. Quindi, in questi pazienti deve essere attentamente monitorata la risposta clinica al trattamento.

Synercid è controindicato nei pazienti con insufficienza epatica grave poichè non è stato studiato in tali pazienti (vedere paragrafi 4.3, 4.4 e 5.2).

Inoltre, Synercid è controindicato in pazienti con un significativo aumento dei livelli di bilirubina (cioè > 3 volte il limite superiore di normalità).

Pazienti obesi: Non occorre alcun aggiustamento della dose in pazienti obesi.

Pazienti pediatrici: Anche se pazienti pediatrici sono stati trattati con Synercid, la sua sicurezza ed efficacia non sono state definite in pazienti di età inferiore a 18 anni. Pertanto vi sono dati insufficienti per poter effettuare una raccomandazione posologica.

Ricordate in ogni caso che se non ricordate la posologia indicata dal medico e utilizzate Synercid seguendo le istruzioni del foglietto illustrativo, sarà poi opportuno che contattiate il vostro medico e lo avvisiate del dosaggio che avete assunto, per avere conferma o ulteriori consigli!

Lo posso prendere se sono incinta?

Un’altra domanda che spesso ci poniamo prima di prendere una medicina è se è possibile assumerla in gravidanza

Tenendo presente che in gravidanza sarebbe opportuno evitare qualsiasi farmaco se non strettamente necessario e che prima di assumere qualsiasi farmaco in gravidanza va sentito il medico curante, vediamo insieme quali sono le istruzioni sulla scheda tecnica di Synercid per quanto riguarda la gravidanza:

Synercid: si può prendere in gravidanza?

Gravidanza

Non sono stati eseguiti studi in donne gravide. Synercid deve essere usato in gravidanza solo se il medico ritiene che i vantaggi superino il rischio potenziale (vedere paragrafo 5.3 Dati preclinici di sicurezza).

Allattamento

Synercid viene escreto nel latte di ratto. Non si sa se Synercid venga escreto nel latte umano. Di conseguenza, bisogna avvisare le donne che allattano di interrompere l’allattamento durante il trattamento con Synercid.

Ne ho preso troppo! Cosa fare?

Può anche capitare che per errore o distrazione assumiate una quantità di farmaco superiore a quella prescritta dal vostro medico.

Talvolta capita che bambini piccoli per gioco ingeriscano dei farmaci lasciati a portata di mano: raccomandiamo sempre di tenere i farmaci lontano dalla portata dei bambini, in luoghi chiusi e custoditi.

Cosa devo fare se per sbaglio ho preso un dosaggio eccessivo di Synercid?

Qualunque sia la causa dell’ingestione di una quantità eccessiva di farmaco, ecco cosa riporta la Scheda Tecnica di Synercid in caso di sovradosaggio.

Synercid: sovradosaggio

Non sono stati segnalati casi sintomatici di sovradosaggio con Synercid. I pazienti che ricevono una dose eccessiva devono essere tenuti accuratamente sotto osservazione e ricevere un trattamento di sostegno. Synercid non viene eliminato mediante dialisi peritoneale (vedere paragrafo 5.2). L’elevato peso molecolare di entrambi i componenti di Synercid fa ritenere che sia improbabile che il prodotto venga eliminato mediante emodialisi.

Synercid: istruzioni particolari

I flaconcini sono destinati ad un uso singolo, l’eventuale soluzione non utilizzata deve essere eliminata.

Preparazione e somministrazione della soluzione: Dato che Synercid non contiene conservanti antibatterici, deve essere ricostituito in condizioni asettiche rigorose.

Ricostituire il flaconcino a dose singola aggiungendo lentamente 5 ml di soluzione glucosata al 5% o di acqua sterile per preparazioni iniettabili

Ruotare delicatamente il flaconcino manualmente senza agitarlo, per assicurare la dissoluzione del contenuto limitando la formazione di schiuma. Questa operazione può richiedere almeno due minuti.

Lasciar sedimentare la soluzione per almeno due minuti fino a quando tutta la schiuma è scomparsa. La soluzione risultante deve essere limpida. Come avviene per altri prodotti farmaceutici per uso parenterale, esaminare l’eventuale presenza di particelle di materiale prima della diluizione e della somministrazione ed eliminare la soluzione se contiene dei precipitati. I flaconcini ricostituiti in questo modo hanno una concentrazione di 100 mg/ml. La quantità di soluzione da prelevare deve essere adattata al peso del paziente per ottenere una dose di 7.5 mg/kg. Il contenuto del flaconcino ricostituito deve essere ulteriormente diluito entro 30 minuti.

Se somministrata per via venosa centrale, la soluzione di Synercid deve essere diluita in 100ml di soluzione glucosata al 5%.

Se somministrata per via venosa periferica, la soluzione di Synercid deve essere diluita in 250 ml di glucosata al 5%. (vedere paragrafo 4.2).

La dose desiderata deve essere somministrata mediante infusione endovenosa della durata di almeno 60 minuti.

Incompatibilità: Synercid non deve essere miscelato o fisicamente aggiunto ad altri farmaci eccetto i seguenti, per i quali è stata studiata la compatibilità con Synercid in infusione con dispositivi a Y.

Stabilità di Synercid mediante iniezione con dispositivi a Y a 2 mg/ml di concentrazione

Aztreonam 20 mg/ml Glucosata al 5%

Ciprofloxacina 1 mg/ml Glucosata al 5%

Fluconazolo 2 mg/ml Usato come soluzione non diluita

Aloperidolo 0.2 mg/ml Glucosata al 5%

Metoclopramide 5 mg/ml Glucosata al 5%

Morfina cloridrato 1 mg/ml Glucosata al 5%

Cloruro di potassio 40 mmol/l Glucosata al 5%

Se Synercid deve essere somministrato contemporaneamente con un altro farmaco, ciascun farmaco deve essere somministrato separatamente in conformità alla sua dose e via di somministrazione raccomandata.

Nel caso di infusione intermittente di Synercid e di altri farmaci attraverso una via endovenosa comune, la linea deve essere lavata con soluzione glucosata al 5% prima e dopo la somministrazione di Synercid.


Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco