Yantil compresse (Tapentadolo Cloridrato): indicazioni e modo d’uso

Yantil compresse (Tapentadolo Cloridrato) è un farmaco che serve per curare le seguenti condizioni patologiche:

Yantil ? indicato per il trattamento, negli adulti, del dolore acuto da moderato a severo che pu? essere trattato in modo adeguato solo con analgesici oppioidi.

Yantil compresse: come si usa?

farmaco: indicazioni e modo d'uso

Come per tutti i farmaci, anche per Yantil compresse è molto importante rispettare e seguire i dosaggi consigliati dal medico al momento della prescrizione.

Se però non ricordate come prendere Yantil compresse ed a quali dosaggi (la posologia indicata dal medico), è quanto meno necessario seguire le istruzioni presenti sul foglietto illustrativo. Vediamole insieme.

Posologia di Yantil compresse

Il regime posologico va personalizzato in funzione dell?intensit? del dolore che viene trattato, delle terapie precedenti e delle possibilit? di monitorare il paziente.

I pazienti devono iniziare il trattamento con dosi singole di 50 mg di tapentadolo compresse rivestite con film, somministrate ogni 4-6 ore. Dosi iniziali pi? elevate possono essere necessarie tenendo in considerazione l?intensit? del dolore e la natura delle precedenti terapie analgesiche.

Il primo giorno di trattamento ? possibile assumere una dose aggiuntiva dopo un ora dalla precedente assunzione, nel caso in cui il controllo del dolore non sia stato raggiunto. La dose va titolata, su base individuale, ad un livello che produca un?analgesia adeguata e riduca al minimo gli effetti indesiderati, sotto la stretta supervisione del medico prescrittore.

Dosi giornaliere superiori a 700 mg durante il primo giorno di terapia e superiori a 600 mg come dose di mantenimento, non sono state studiate e per tale ragione non sono raccomandate.

Durata del trattamento

Pubblicità

Le compresse rivestite sono indicate nelle situazioni di dolore acuto. Nel caso si ritenga di dover anticipare un trattamento a pi? lungo termine o si renda necessario e si ? ottenuto un effettivo sollievo

dal dolore senza effetti indesiderati intollerabili con Yantil, occorre valutare la possibilit? di passare alla terapia con Yantil compresse a rilascio prolungato.

Come per tutti i trattamenti sintomatici, l?uso continuato di tapentadolo deve essere valutato caso per caso.

Interruzione del trattamento

In seguito a improvvisa interruzione del trattamento con tapentadolo, possono verificarsi sintomi di astinenza (vedere paragrafo 4.8). Qualora un paziente non richieda pi? la terapia con tapentadolo, ? consigliabile ridurre la dose in maniera graduale al fine di prevenire la comparsa di sintomi di astinenza.

Insufficienza renale

Nei pazienti con danno renale lieve o moderato non occorre modificare il dosaggio (vedere paragrafo 5.2).

Con Yantil non sono disponibili studi di efficacia, controllati, in pazienti con grave insufficienza renale, pertanto l?utilizzo del farmaco in questa popolazione non ? raccomandato (vedere paragraf? 4.4. e 5.2)

Insufficienza epatica

Nei pazienti con danno epatico lieve non occorre modificare la dose (si veda paragrafo 5.2). Yantil va usato con cautela nei pazienti che presentano danno epatico moderato. In questi pazienti il trattamento va iniziato con la dose minore possibile, per esempio 50 mg di tapentadolo compresse rivestite con film e somministrato con frequenza non superiore a una volta ogni 8 ore. All?inizio della terapia una dose giornaliera superiore a 150 mg di tapentadolo compresse rivestite con film non ? raccomandata. Ulteriori trattamenti devono rispecchiare il mantenimento dell?analgesia con tollerabilit? accettabile riducendo o allungando gli intervalli fra le dosi (vedere paragraf? 4.4. e 5.2) Yantil non ? stato studiato nei pazienti con danno epatico severo; pertanto l’utilizzo non ? raccomandato, in tale popolazione (vedere paragraf? 4.4 e 5.2).

Anziani (soggetti di et? pari o superiore ai 65 anni)

In generale, negli anziani non ? richiesto un adattamento della dose; tuttavia, dato gli anziani sono pi? soggetti ad una riduzione della funzionalit? renale ed epatica, occorre essere cauti nel selezionare il dosaggio raccomandato (vedere paragraf? 4.2 e 5.2).

Pazienti pediatrici

Nei bambini e negli adolescenti di et? inferiore ai 18 anni la sicurezza e l’efficacia di Yantil non sono state stabilite; per tale ragione l’uso di Yantil non ? raccomandato in questa popolazione.

Modo di somministrazione

Yantil va assunto con una quantit? sufficiente di liquido. Yantil pu? essere assunto sia a digiuno che a stomaco pieno.

Ricordate in ogni caso che se non ricordate la posologia indicata dal medico e utilizzate Yantil compresse seguendo le istruzioni del foglietto illustrativo, sarà poi opportuno che contattiate il vostro medico e lo avvisiate del dosaggio che avete assunto, per avere conferma o ulteriori consigli!

Lo posso prendere se sono incinta?

Un’altra domanda che spesso ci poniamo prima di prendere una medicina è se è possibile assumerla in gravidanza

Tenendo presente che in gravidanza sarebbe opportuno evitare qualsiasi farmaco se non strettamente necessario e che prima di assumere qualsiasi farmaco in gravidanza va sentito il medico curante, vediamo insieme quali sono le istruzioni sulla scheda tecnica di Yantil compresse per quanto riguarda la gravidanza:

Yantil compresse: si può prendere in gravidanza?

Gravidanza

I dati sull’utilizzo nelle donne in gravidanza sono molto limitati.

Studi effettuati sugli animali non hanno evidenziato effetti teratogeni; tuttavia, sviluppo ed embriotossicit? sono stati osservati a dosi farmacologicamente eccessive (effetti sull?attivit? ?

-oppioide a livello del SNC collegati a dosaggi superiori al range terapeutico). Effetti sullo sviluppo post-natale sono stati riportati a dosi tossiche per le madri (vedere paragrafo 5.3).

In gravidanza, Yantil va usato solo nel caso in cui il potenziale beneficio giustifichi il possibile rischio per il feto.

Travaglio e parto

Negli esseri umani non si conosce l’effetto del tapentadolo sul travaglio e sul parto. L?uso di Yantil non ? raccomandato immediatamente prima o durante il parto. A causa dell’attivit? di ?- agonista di tapentadolo, i neonati le cui madri hanno assunto tapentadolo vanno monitorati per la depressione respiratoria.

Allattamento

Non vi sono informazioni circa l’escrezione del tapentadolo nel latte materno umano. Da uno studio eseguito su cuccioli di ratto allattati da madri alle quali era stato somministrato tapentadolo si ? concluso che quest’ultimo ? escreto nel latte (vedere paragrafo 5.3). Per tale ragione, non ? possibile escludere dei rischi anche per il lattante. Yantil non deve essere usato durante il periodo di allattamento al seno.

Ne ho preso troppo! Cosa fare?

Può anche capitare che per errore o distrazione assumiate una quantità di farmaco superiore a quella prescritta dal vostro medico.

Talvolta capita che bambini piccoli per gioco ingeriscano dei farmaci lasciati a portata di mano: raccomandiamo sempre di tenere i farmaci lontano dalla portata dei bambini, in luoghi chiusi e custoditi.

Cosa devo fare se per sbaglio ho preso un dosaggio eccessivo di Yantil compresse?

Qualunque sia la causa dell’ingestione di una quantità eccessiva di farmaco, ecco cosa riporta la Scheda Tecnica di Yantil compresse in caso di sovradosaggio.

Yantil compresse: sovradosaggio

Sintomi

Per quanto concerne il sovradosaggio di tapentadolo, le esperienze sull?uomo sono molto limitate. Dati preclinici suggeriscono che, in seguito a intossicazione con tapentadolo ? da attendere l’insorgenza di sintomi analoghi a quelli causati da altri analgesici centrali con attivit? di agonista sui recettori mu- oppioidi. Da un punto di vista clinici questi sintomi comprendono: miosi, vomito, collasso cardiovascolare, disordini dello stato di coscienza fino al coma, convulsioni e depressione respiratoria fino all’arresto respiratorio.

Gestione

La gestione del sovradosaggio deve essere incentrata sul trattamento dei sintomi conseguenti all?azione antagonista sui recettori mu-oppioidi. Quando vi sia il sospetto di un sovradosaggio di tapentadolo, occorre prestare attenzione in primo luogo occorre garantire la perviet? delle vie aeree e l’istituzione di una ventilazione assistita o controllata.

Gli antagonisti puri del recettore degli oppioidi, come il naloxone, rappresentano degli antidoti specifici per la depressione respiratoria dovuta a sovradosaggio di un oppioide. La depressione respiratoria conseguente a sovradosaggio pu? avere una durata superiore rispetto a quella dell’antagonista del recettore mu-oppiaceo. La somministrazione di un antagonista non costituisce un’alternativa al monitoraggio continuo delle vie aeree, della funzione respiratoria e della funzione cardiovascolare dopo sovradosaggio di un oppioide. Se la risposta agli antagonisti del recettore degli oppioidi ? subottimale o soltanto di breve durata, ? necessario somministrare un altro antagonista attenendosi alle istruzioni fornite dal produttore del farmaco.

La decontaminazione gastrointestinale pu? essere presa in considerazione per eliminare la sostanza attiva non assorbita. La decontaminazione gastrointestinale con carbone attivato o mediante lavanda gastrica deve essere presa in considerazione entro 2 ore dall’assunzione Prima di tentare la decontaminazione gastrointestinale, per?, bisogna prestare attenzione a garantire la perviet? delle vie aeree.

Yantil compresse: istruzioni particolari

Nessuna istruzione particolare.


Per approfondire l’argomento, per avere ulteriori raccomandazioni, o per chiarire ogni dubbio, si raccomanda di leggere l’intera Scheda Tecnica del Farmaco

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *