Home Schede Tecniche Clinimix N17G35: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Clinimix N17G35: Scheda Tecnica e Prescrivibilità

Clinimix N17G35

Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto

Clinimix N17G35: ultimo aggiornamento pagina: 09/02/2018 (Fonte: A.I.FA.)

INDICE DELLA SCHEDA

Clinimix N17G35: la confezione

01.0 Denominazione del medicinale

Indice

CLINIMIX N17G35

02.0 Composizione qualitativa e quantitativa

Indice

La specialità medicinale Clinimix N17G35 è confezionata in una sacca a doppio compartimento: un compartimento contiene 1000 ml di una soluzione di aminoacidi senza elettroliti; l’altro compartimento contiene 1000 ml di soluzione di glucosio senza calcio.

I due compartimenti sono separati tra loro per mezzo di una membrana a rottura. Al momento della somministrazione del prodotto, il contenuto di entrambi i compartimenti viene miscelato mediante rottura della membrana che si effettua con una operazione di pressione sul compartimento superiore della sacca.

La soluzione iniettabile di aminoacidi contiene 15 L-aminoacidi (di cui 8 essenziali) necessari per le sintesi proteiche.

Il profilo degli aminoacidi è il seguente:

Aminoacidi essenziali/Aminoacidi totali = 41,3%

Aminoacidi essenziali/Azoto totale = 2,83%

Aminoacidi ramificati/Aminoacidi totali = 19%

La composizione quantitativa di Clinimix N17G35 è la seguente:

Soluzione di aminoacidi al 10% senza elettrolitiSoluzione di glucosio al 35% senza calcio
Principi attivi (g/l)

L-leucina

7,30
L-fenilalanina

5,60
L-metionina

4,00
L-lisina

5,80
(come cloridrato)

(7,25)
L-isoleucina

6.00
L-valina

5,80
L-istidina

4,80
L-treonina

4,20
L-triptofano

1,80
L-alanina

20,70
L-arginina

11,50
glicina

10,30
L-prolina

6,80
L-serina

5,00
L-tirosina

0,40
glucosio

350
(come monoidrato)

(385)
Eccipienti:

acido acetico

q.b. a pH
acido cloridrico

q.b. a pH
acqua per preparazioni iniettabili q.b. a

1000 ml 1000 ml

Dopo miscelazione del contenuto dei due compartimenti, la composizione della miscela binaria è la seguente:

N17G35

Per sacca (2 litri)Per litro
azoto (g)

16,58,25
aminoacidi (g)

10050
glucosio (g)

350175
calorie totali (kcal)

1800900
calorie non proteiche (kcal)

1400700
acetato (mmol)

8643
cloruri (mmol)

4020
pH

66
osmolarità (mOsm/l)

1490

Dopo l’aggiunta di 500 ml di una emulsione lipidica al 20% alla miscela binaria la composizione della miscela ternaria è la seguente:

N17G35E

Per sacca (2,5 litri)Per litro
azoto (g)

16,56,6
aminoacidi (g)

10040
glucosio (g)

350140
calorie totali (kcal)

28001120
calorie non proteiche (kcal)

1400560
calorie lipidiche (kcal)

1000400
acetato (mmol)

8634,4
cloruri (mmol)

4016
pH

66
osmolarità (mOsm/l)

1245

03.0 Forma farmaceutica

Indice

Soluzioni sterili, apirogene per infusione intravenosa.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Indice

Nutrizione parenterale quando l’alimentazione orale od enterale è impossibile, insufficiente o controindicata.

Nei pazienti sottoposti a trattamento di nutrizione parenterale prolungata è possibile addizionare, quale fonte sia di calorie che di acidi grassi essenziali, una emulsione lipidica a Clinimix.

04.2 Posologia e modo di somministrazione

Indice

Dosaggio e velocità di infusione

Il dosaggio viene scelto in funzione delle necessità metaboliche, del dispendio energetico e dello stato clinico del paziente.

Negli adulti, il fabbisogno varia da 0,16 g di azoto/kg/die (1 g di aminoacidi/kg/die) a 0,35 g di azoto/kg/die (2 g di aminoacidi/kg/die).

Nei bambini, il fabbisogno varia da a 0,35 g di azoto/kg/die (2 g di aminoacidi/kg/die) a 0,45 g di azoto/kg/die (3 g di aminoacidi/kg/die).

Il fabbisogno calorico varia da 25 kcal/kg/die a 40 kcal/kg/die, a seconda dello stato nutrizionale del paziente e del grado di catabolismo. In alcuni casi si raccomanda l’addizione di una emulsione lipidica a Clinimix.

Il tempo di somministrazione deve essere modificato in funzione del dosaggio scelto, delle caratteristiche della soluzione infusa, del volume totale da somministrare nel corso delle 24 ore e del tempo di infusione. Il tempo di infusione deve essere superiore alle 8 ore.

La velocità massima di infusione è di 1,4 ml/kg/ora o di 85-100 ml/ora (per un paziente che pesi da 60 a 70 kg).

La dose massima giornaliera è di 30 ml/kg o di 1800-2100 ml (per un paziente che pesi da 60 a 70 kg).

Vie di somministrazione

Le soluzioni di aminoacidi e di glucosio devono essere infuse in vena centrale.

Le soluzioni di aminoacidi e glucosio vengono solitamente somministrate insieme ad una emulsione lipidica. Le soluzioni o le miscele aventi una osmolarità superiore a 800 mOsm/l devono essere infuse in vena centrale.

04.3 Controindicazioni

Indice

– Ipersensibilità accertata ad uno o più componenti.

Insufficienza renale in assenza di emodialisi, emofiltrazione o emodiafiltrazione.

– Insufficienza epatica grave.

– Scompensi del metabolismo aminoacidico.

– Acidosi metabolica, iperlattatemia.

– Insufficienza surrenale.

– Coma iperosmolare.

– 04.3 Controindicazioni generali alla terapia infusionale quali edema polmonare, iperidratazione e scompenso cardiaco.

– Clinimix senza elettroliti non deve essere impiegato nei casi di ipopotassiemia e iponatremia.

– Clinimix con elettroliti non deve essere somministrato a pazienti con iperpotassiemia e ipernatremia.

04.4 Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso

Indice

– Prima di intraprendere una infusione intravenosa è necessario effettuare un monitoraggio clinico accurato. Se si verificano eventi anormali, l’infusione deve essere bloccata.

– Le soluzioni ipertoniche se infuse in vena periferica possono causare irritazione venosa. La scelta di una somministrazione per vena periferica o centrale dipende dalla osmolarità finale della miscela da infondere. Il limite di osmolarità generalmente accettato per una somministrazione in vena periferica è di 800 mOsm/l ma può variare considerevolmente in funzione dell’età, delle condizioni generali del soggetto e delle caratteristiche delle vene periferiche.

– Per un corretto monitoraggio in fase di somministrazione sono necessarie valutazioni cliniche ed esami di laboratorio frequenti. Questi dovrebbero includere il glucosio ematico, lo ionogramma (tracciato elettroforetico) ed i tests di funzionalità epatica e renale.

– I fabbisogni di elettroliti in pazienti trattati con le soluzioni dovrebbero essere accuratamente determinati e monitorati, specialmente per quanto riguarda le soluzioni prive di elettroliti.

– L’intolleranza al glucosio è una complicazione metabolica comune nei pazienti gravemente depleti. A seguito dell’infusione delle soluzioni potrebbero insorgere iperglicemia, glicosuria e sindrome da iperosmolarità. Il livello di glucosio nel sangue e nelle urine dovrebbe essere monitorato di routine e, per i pazienti diabetici, il dosaggio dell’insulina, se necessario, dovrebbe essere conseguentemente adattato.

– Il bilancio dei fluidi deve essere monitorato durante la terapia.

– Evitare sovraccarichi circolatori particolarmente in pazienti con insufficienza e/o scompenso cardiaco.

– Oltre ai test di routine, in pazienti con insufficienza epatica, dovrebbero essere controllati eventuali sintomi di iperammoniemia.

– Le soluzioni contenenti elettroliti devono essere infuse con precauzione in pazienti con livelli sierici particolarmente elevati in questi elementi, specialmente in pazienti con funzionalità renale alterata.

– Se non è prevista un’infusione continua nell’arco delle 24 ore, mantenere una velocità di infusione appropriata; possibilmente con un aumento graduale nella prima ora e una diminuzione graduale nell’ultima ora per evitare picchi glicemici abnormi.

– In caso di insufficienza renale grave utilizzare soluzioni aminoacidiche specificamente formulate.

– Fornire vitamine ed oligoelementi ai pazienti sottoposti a nutrizione parenterale prolungata.

04.5 Interazioni con altri medicinali ed altre forme di interazione

Indice

Non pertinente.

04.6 Gravidanza e allattamento

Indice

La sicurezza d’impiego di Clinimix durante la gravidanza o l’allattamento non è stata accertata per la mancanza di studi clinici. Il Medico prescrittore deve valutare il rapporto rischio/beneficio al fine di somministrare Clinimix durante la gravidanza o l’allattamento.

04.7 Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull’uso di macchinari

Indice

Non pertinente.

04.8 Effetti indesiderati

Indice

Gli eventuali effetti indesiderati derivano da inadeguate condizioni d’impiego: per esempio, dosaggio troppo alto, infusione troppo rapida, (vedere "Speciali avvertenze e precauzioni per l’uso").

04.9 Sovradosaggio

Indice

Nei casi di somministrazione non corretta (dosaggio e velocità di somministrazione), si potrebbero verificare sintomi di ipervolemia ed acidosi. Con una eccessiva infusione di glucosio possono insorgere iperglicemia, glicosuria e sindrome iperosmolare. Una infusione troppo rapida di aminoacidi può causare nausea, vomito e brividi. In tali casi interrompere immediatamente l’infusione.

In casi gravi potrebbero essere necessari emodialisi, emofiltrazione o emodiafiltrazione.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE

05.1 Proprietà farmacodinamiche

Indice

Le soluzioni iniettabili di Clinimix, in quanto liquidi per nutrizione parenterale per infusione intravenosa, forniscono il supporto nutrizionale necessario al mantenimento del complesso equilibrio azoto-energia che potrebbe essere alterato da deplezioni nutrizionali e traumi.

Le soluzioni di Clinimix, forniscono l’azoto in forma metabolicamente disponibile (L-aminoacidi), i carboidrati (come glucosio) e gli elettroliti.

05.2 Proprietà farmacocinetiche

Indice

Gli aminoacidi, gli elettroliti ed il glucosio di Clinimix vengono distribuiti, metabolizzati ed escreti allo stesso modo delle singole soluzioni di aminoacidi, elettroliti e glucosio infuse separatamente.

05.3 Dati preclinici di sicurezza

Indice

-----

INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

Indice

Acido acetico, acido cloridrico, acqua per preparazioni iniettabili.

06.2 Incompatibilità

Indice

Eventuali integrazioni potrebbero essere incompatibili, chiedere informazioni al produttore. Se le integrazioni si rendono necessarie, valutare la loro compatibilità e la stabilità delle miscele finali.

Non somministrare la soluzione prima o dopo una emotrasfusione utilizzando la stessa linea al fine di evitare possibili fenomeni di pseudoagglutinazione.

06.3 Periodo di validità

Indice

Per la sacca a doppio comparto protetta dall’involucro esterno, il periodo di validità è di 2 anni ad una temperatura non superiore a 25 °C. Non congelare.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Indice

Dopo la miscelazione del contenuto dei due compartimenti, la stabilità della miscela binaria è di 24 ore a 25 °C.

Dopo l’aggiunta di 500 ml di emulsione di soja al 20 %, la miscela ternaria deve essere usata immediatamente. Comunque, la stessa miscela, se non utilizzata è stabile per 24 ore a 4 °C e rimane stabile per 24 ore a 25 °C durante l’uso.

06.5 Natura e contenuto della confezione

Indice

Clinimix N17G35: sacca a doppio compartimento; un compartimento contiene 1000 ml di una soluzione di aminoacidi al 10% senza elettroliti; l’altro compartimento contiene 1000 ml di una soluzione di glucosio al 35% senza calcio.

Natura e capacità del contenitore

Il contenitore è una sacca plastica multistrato a doppio compartimento (1000 ml/1000 ml) protetta da un involucro esterno impermeabile all’ossigeno. Il materiale plastico è un film multistrato il cui strato a contatto con la soluzione è in EVA (Etilvinilacetato).

Dopo rottura della membrana di separazione la capacità del contenitore è di 3000 ml.

La plastica multistrato è compatibile con i lipidi.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

a) Apertura

– Sfilare orizzontalmente l’involucro di rivestimento utilizzando le incisioni laterali.

– Verificare l’integrità della sacca e della membrana a rottura.

b) Miscelazione delle soluzioni

– Impugnare saldamente la sacca ai lati della parte superiore, sopra la membrana a rottura.

– Premere per miscelare.

– Miscelare il contenuto, invertendo la sacca 2 o 3 volte.

Conservazione: la miscela binaria è stabile per 24 ore a 25 °C. Non congelare.

c) Preparazione per la somministrazione

– Appendere il contenitore.

– Rimuovere la protezione dal punto di accesso alla sacca (punto di accesso più piccolo situato sul fondo del contenitore).

– Connettere saldamente il set di infusione al punto di accesso.

d) Integrazioni a Clinimix

Attenzione: come per tutti i prodotti per uso parenterale, le additivazioni per esempio di oligoelementi, elettroliti, vitamine ed emulsioni lipidiche potrebbero essere incompatibili e le compatibilità devono essere controllate al momento dell’integrazione.

Le eventuali aggiunte devono essere effettuate in condizioni asettiche.

È possibile effettuare aggiunte di farmaci attraverso l’apposito accesso della sacca, con una siringa, o mediante un set di trasferimento.

– Aggiunta con una siringa

– Preparare il punto di accesso (nella parte superiore della sacca).

– Con l’ago della siringa perforare la membrana dello stesso ed iniettare.

– Miscelare le soluzione e gli additivi.

– Aggiunta mediante set di trasferimento

– Seguire quanto descritto nel paragrafo e.

e) Aggiunta di emulsioni lipidiche alla miscela binaria

– Preparare il set di trasferimento con il morsetto chiuso.

– Inserire il connettore con presa d’aria nel flacone dell’emulsione lipidica.

– Rimuovere la protezione dal punto di accesso ai lipidi (punto di accesso più lungo situato sul fondo della sacca di Clinimix).

– Con tecnica asettica, inserire il connettore con presa d’aria del set di trasferimento nel punto di accesso ai lipidi.

– Appendere il flacone dei lipidi.

– Aprire il morsetto del set di trasferimento.

– A trasferimento avvenuto, utilizzare l’apposito morsetto di plastica per chiudere il collegamento. Chiudere il morsetto del set di trasferimento.

– Disconnettere il set di trasferimento svitando la connessione luer; chiudere con il tappo luer.

– Miscelare con cura le soluzioni e l’emulsione lipidica.

Conservazione: dopo l’aggiunta di una emulsione di olio di soja al 20% a Clinimix la miscela finale è stabile per 24 ore a 25 °C. Se la miscela così preparata non viene immediatamente somministrata al paziente, la stessa può essere conservata a 4 °C per 24 ore. In seguito, durante l’uso, la miscela rimane stabile per altre 24 ore a 25 °C.

06.6 Istruzioni per l’uso e la manipolazione

Indice

Usare solo se la soluzione è limpida ed il confezionamento integro.Somministrare il prodotto solo dopo aver rotto la membrana di separazione e miscelato i contenuti di entrambi i compartimenti.Per uso singolo. Non conservare eventuali residui inutilizzati e scartare tutta la linea dopo l’uso.Come per tutti i prodotti per uso parenterale, in caso di integrazione occorre valutare la loro compatibilità. Qualsiasi integrazione deve essere effettuata accuratamente ed in condizioni strettamente asettiche ("Posologia e modo di somministrazione", "Istruzioni per l’uso", punto d).Non connettere in serie per possibili fenomeni di embolia derivanti dall’eventuale residuo d’aria contenuto nella sacca primaria.

07.0 Titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio

Indice

CLINTEC PARENTERAL S.A.

Avenue Louis Pasteur, 6 – 78311 Maurepas Cedex – Paris (France)

Concessionaria per l’Italia: Baxter S.p.A.

Viale Tiziano, 25 – 00196 Roma

08.0 Numeri delle autorizzazioni all’immissione in commercio

Indice

Clinimix N17G35 AIC n. 032167076

09.0 Data della prima autorizzazione/Rinnovo dell’autorizzazione

Indice

Clinimix N17G35: maggio 2001.

10.0 Data di revisione del testo

Indice

aprile 1996

FARMACI EQUIVALENTI (stesso principio attivo)

Indice

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” il 22/7/1982, con voti 110 e lode, discutendo la tesi dal titolo: “Aspetti clinici e di laboratorio di un nuovo enteropatogeno: il Clostridium difficile“. Abilitato all’ esercizio della professione medica nell’ ottobre 1982 Iscritto all’ Albo dei Medici di Roma e Provincia il 26/1/1983